DUE PESI E …DUE MISURE…?

DUE PESI E …DUE MISURE…?
Oggi è una di quelle giornate che mi vergogno di essere italiano ed appartenere ad uno stato che ha una strana giustizia e che non guarda in faccia nessuno e in qualunque situazione si trovi un cittadino italiano ma è tollerante con cittadini di origine straniera. Mi riferisco e senza mezzi termini alla “multa” affibbiata al padre di uno dei ragazzi morti, per incuria dello stato stesso rammento a tutti, nella tragedia dell’hotel di Rigopiano in Abruzzo. Analizziamo alcune situazioni di legalità oscurata e manipolata quando fa comodo e poi guardiamo l’episodio della multa e troviamo un’incomprensibile severità di applicazione nel punire un presunto colpevole. Quindi al primo punto, se in Italia arrivano un milione di clandestini illegali…e allora niente, quelli scappano da qualcosa e si trasformano per magia in profughi, se non li si fa sbarcare dalle navi ONG straniere nei porti italiani, allora, ci risiamo, si apre un’inchiesta nei confronti di un ministro della repubblica italiana. Si continua… se i profughi, squartano, ammazzano, stuprano oppure spacciano droga noi dobbiamo capire e ovviamente perdonarli. Sono note le sentenze scandalose dei magistrati in materia di abusi sessuali e di vendita di sostanze tossiche nei confronti di extracomunitari. Detto tutto questo, andiamo ai fatti della multa, oltre che constatare un’insolita celerità da parte della magistratura, si riscontra una bella e cospicua multa di oltre 4.500,00 euro per aver violato i “sigilli”, che forse non c’erano, e aver riposto un mazzo di fiori in memoria di un figlio morto, deceduto proprio per colpa di quello stato per cui la magistratura lavora. Ora, a prescindere dello schifo inenarrabile della multa, ma non vi rendete conto dell’offesa fatta al defunto che da lassù guarda il padre che becca una multa per essere andato a “trovarlo” ? È incredibile che si possa arrivare ad un cinismo del genere, un cinismo horror che non trova paragoni neanche nei film horror.. Benissimo, siate fieri ed andate orgogliosi tutti di quel che “avete combinato” ed in ultimo, aggiungo, che se anche li avesse violato i sigilli…..beh, si poteva comprendere esattamente come si fa per gli immigrati…..o..no..o per gli italiani è…diverso ? 11012019

…by…manliominicucci.myblog.it

Rigopiano, multato papà di Stefano:
fiori sul luogo dove il figlio è morto

ARTICOLI CORRELATI

Alessio Feniello, padre di Stefano, una delle 29 vittime del disastro dell’Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), è stato condannato dal gip del tribunale di Pescara a pagare una multa di 4.550 euro, per avere violato, il 21 maggio scorso, i sigilli giudiziari apposti per delimitare
l’area nella quale si verificò la tragedia. La sentenza di condanna emessa dal giudice Elio Bongrazio, su richiesta del pm Salvatore Campochiaro, trae origine dal fatto che Feniello si sarebbe introdotto «abusivamente», nonostante «le ripetute diffide ed inviti ad uscirne rivoltigli dalle forze dell’ordine addette alla vigilanza del sito».

L’uomo, in un post pubblicato su Facebook, contesta la decisione del tribunale pescarese, affermando di essersi «recato a Rigopiano per portare dei fiori dove hanno ucciso mio figlio».

Strage di Rigopiano, inchiesta bis per depistaggio. Indagato l’ex prefetto

FOTO  di 
Mercoledì 9 Gennaio 2019, 14:49 – Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 09:56 
DUE PESI E …DUE MISURE…?ultima modifica: 2019-01-11T20:22:50+01:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento