CHI DIFENDE I CONSUMATORI DALLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ?

 

 

 

CHI DIFENDE I CONSUMATORI DALLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ?

Entro nel merito della faccenda non per difendere ilo ministro Salvini ma per difendere la Nutella,  perché so benissimo che l’olio di palma e la conseguente Nutella non sono nocive per la salute per via di studi successivi che lo smentiscono e bufale contro le Ferrero Spa in “quantità industriale”, a seguire due articoli in “copia e incolla”, il primo tratto dal quotidiano “La Stampa”  e il secondo da un’inchiesta del “Sole 24 ore” proprio sulla Codacons.. paladina dei “consumatori”.

fonte : Ettore Capri di :  La Stampa del 14.03.2018

A livello ambientale, i dubbi sulla sua sostenibilità sono leciti. La conversione di ampie porzioni di foreste pluviali in monocolture di palme da olio produce grandi quantità di emissioni di CO2. Basta guardare all’Indonesia, ora terzo produttore globale di gas serra. Se si passa in aereo o elicottero sopra l’isola di Sumatra lo si vede bene: dove c’era foresta ora ci sono coltivazioni di palma da olio, a perdita d’occhio. Una deforestazione dagli effetti molto gravi anche in termini di perdita della biodiversità, che fra l’altro minaccia di estinzione animali come gli oranghi, diffusi solamente in quelle regioni. Alla luce dell’attuale letteratura scientifica, l’olio di palma non è più dannoso degli altri tipi di grassi saturi. Questi, del resto, esercitano numerose funzioni fisiologiche e sono utili specialmente per la crescita nei primi anni di vita: basti pensare che il latte materno è composto in prevalenza proprio da grassi saturi, tra cui l’acido palmitico, lo stesso dell’olio di palma.

fonte: Il Sole 24 Ore online

In italia, esistono, e nascono ogni giorno, associazioni (che sono gruppi di privati) con lo scopo di difendere i diritti dei consumatori; ma delle centinaia esistenti, solo alcune sono “riconosciute” dallo stato (art. 137 codice del consumo) ed iscritte ad un albo nazionale tenuto dal consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti (cncu) che ha sede presso il ministero dello sviluppo economico. esse attualmente sono 20: adoc, adiconsum, assoutenti, acu, adusbef, altroconsumo, casa del consumatore, centro tutela consumatori utenti, cittadinanza attiva, codici, confconsumatori, federconsumatori, lega consumatori acli, movimento difesa del cittadino, movimento consumatori, codacons, cittadinanzattiva, unione nazionale consumatori, contribuenti italiani, sportello consumatori di bolzano. per scelta non è iscritta all’albo nazionale aduc. Ma come si finanziano queste associazioni? e quanto “pesano” in termini di associati? Le informazioni presenti sui rispettivi siti sono poche e non consentono di stabilirne la effettiva consistenza (solamente cittadinanza attiva riporta il suo bilancio che contiene molte informazioni utili; aduc riporta il numero degli aderenti e quanto raccolto da associati e non, per il 2016; contattata, ha indicato i dati aggiornati del 2017). abbiamo scritto ad alcune associazioni richiedendo informazioni su numero degli iscritti e fonti di finanziamento (adoc, aduc, adusbef, federconsumatori, codacons, altroconsumo, codici). Abbiamo anche chiesto al cncu (ed a 2 dipartimenti del mise) informazioni su : – numero effettivo dei consumatori affiliati alle 20 associazioni riconosciute, – fonti di finanziamento delle associazioni stesse, comprensive di: Quote versate dai consumatori affiliati, Eventuali donazioni (che potrebbero anche pervenire da soggetti potenzialmente in conflitto di interesse con le finalità delle singole associazioni, come ad esempio imprese produttive interessate ad un “atteggiamento benevolo” nei propri confronti), Contributi provenienti da “authority” e stato.

Non abbiamo ricevuto risposta da adoc, federconsumatori, codacons, altroconsumo, codici e mef; hanno risposto aduc, adusbef.

In termini concreti: non è dato sapere come si finanziano e quante risorse raccolgono le associazioni aderenti al  cncu (salvo le 2 eccezioni sopra indicate).

Caro “Codacons”, prima di preoccuparti della Nutella sulla fetta del ministro e di denigrare la Nutella, rispondi alle domande del Sole 24 Ore…grazie… 24122018

  …by…manliominicucci.myblog.it

 

 

27 dicembre 2018

SALVINI POSTA LA SUA COLAZIONE, POLEMICA SOCIAL

Codacons: salvini deve dare informazioni complete, se non chiarirà il rischio legato alla assunzione in grande quantitá dell’olio di palma sará denunciato all antitrust

Il codacons interviene sul post di salvini – un selfie mentre fa colazione con pane e nutella – e richiama il vicepresidente del consiglio e ministro dell’interno al dovere di informare i cittadini riguardo i rischi che il consumo – in quantità rilevanti – di olio di palma comporta per la salute umana.

Ora è opportuno che matteo salvini pubblichi un nuovo post, correggendo il tiro e riconoscendo i rischi che derivano dal consumo in eccesso di olio di palma per la salute di tutti i cittadini: in caso contrario potrebbe essere inquisito dall’antitrust per pubblicità occulta, senza contare l’insufficiente informazione per i consumatori.

A questo proposito è giusto ricordare che la nutella contiene attualmente olio di palma. al riguardo basta citare le conclusioni dell’istituto superiore di sanità:

l’olio di palma… rappresenta una rilevante fonte di acidi grassi saturi, cui le evidenze scientifiche attribuiscono – quando in eccesso nella dieta – effetti negativi sulla salute, in particolare rispetto al rischio di patologie cardiovascolari… fasce di popolazione quali bambini, anziani, dislipidemici, obesi, pazienti con pregressi eventi cardiovascolari, ipertesi possano presentare una maggiore vulnerabilità rispetto alla popolazione generale”.

Anche per questo, l’associazione già in passato ha chiesto di verificare la correttezza delle informazioni riportate sulle etichette dei barattoli di nutella e di tutti gli altri alimenti in commercio contenenti olio di palma, relativamente ai rischi per la salute umana connessi ad un consumo eccessivo della sostanza, e torna oggi sull’argomento per ribadire la necessità di una corretta informazione ai consumatori.

CHI DIFENDE I CONSUMATORI DALLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ?ultima modifica: 2018-12-27T19:12:51+01:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento