SALVINI – BERGOGLIO 2-0

SALVINI – BERGOGLIO  2-0

Clamorosa retromarcia del segretario di stato vaticano, Parolin, dopo le recenti e  vibranti accuse contro il ministro degli interni nonché segretario della Lega, oggi registriamo un passo in avanti nelle relazioni diplomatiche, definisco il dialogo evocato da lui come il ripristino di rapporti diplomatici tra due stati, eh …sì.. perché nei fatti precedenti alle elezioni europee del 26 Maggio ricordo molto bene l’avanzata mediatica nei confronti del leader della lega, non dimentico l’invasione della santa chiesa nella politica nazionale e i consigli di voto ai tanti fedeli, si sono esposti persino nelle chiese, tutti accorti e attenti a consigliare di  non votare la Lega e addirittura Avvenire, il famoso quotidiano della santa sede, scrisse in prima pagina, giorni prima delle elezioni, un titolo in prima pagina con evidenti caratteri cubitali . “Vade retro Salvini”, come se il ministro fosse un adepta di qualche setta satanica o peggio fosse il “socio dei terroristi islamici”. Già in precedenti articoli ho avuto modo di esternare duramente e contro la chiesa cattolica e i suoi prelati per la loro sgradita intromissione nello scenario politico e ho aspramente criticato tutti coloro i quali hanno voluto strumentalizzare il famoso bacio al crocefisso del ministro Salvini. Curioso che la santa chiesa si sia indignata del bacio di un politico al crocefisso  mentre con assoluto distacco non ha mai commentato le stragi di fedeli cristiani nel mondo né delle distruzioni delle chiese né della mancata celebrazioni delle messe nello Sri Lanka.. io ricordo solo che il signor Bergoglio, per me non più “ il papa”, ha avuto parole di conforto ed amore solo per i musulmani che scappavano dalla Birmania e per il resto, non rammento lo stesso riguardo e trattamento verso i fedeli della religione di Gesù Cristo che registrano violenze e morti quotidianamente nel mondo. Il voto del 26 Maggio, non era solo un voto politico e tutti lo sapevano e tutti hanno fatto finta di non volerlo sapere, volutamente ignorato, ma domenica si è deciso se si vuole o meno l’islamizzazione dell’Europa e col voto dei “cosiddetti populisti” si è chiaramente detto che le radici cristiane non si toccano…..punto ! Infatti al voto hanno vinto i cristiani con un secco plebiscito contro chi vuole l’islamizzazione del paese, in particolar modo la sinistra che è stata clamorosamente sconfitta dal popolo italiano. Come curioso e ridicolo appare anche la giustificazione del voto, frasi del tipo il popolo non ha sempre ragione ed è sottosviluppato è la solita scusa idiota dei radical chic e politici di sinistra, già, il popolo è intelligente e ha ragione solo quando vota a sinistra o fa come dice la sinistra, io.. invece no ho votato a sinistra, pertanto sono quindi …”sotto acculturato”, troglodita, ignorante ed altro ancora…è così egregio Gad Lerner?  E’ finito il tempo della sottomissione del popolo italiano ed anche la chiesa ora se ne è accorta e cerca rimedi attraverso un “dialogo” ..ora però…parla di dialogo, ma guarda un po’…e perché non lo ha fatto il 25 di Maggio e giorni prima ? Ha forse paura che la chiesa cristiana possa ..“spaccarsi”  o svuotarsi di fedeli ? Credo sia una possibilità non tanto remota specie se il “compagno papa” resterà ancora seduto su quella poltrona a far danni e a difendere solo gli islamici che tra l’altro hanno il vizietto del massacro. Il popolo italiano ha fatto le sue scelte politiche e purtroppo per la chiesa anche religiose, il voto parla chiaro, la metà degli italiani sono contro Papa Bergoglio e l’altra metà se ne frega di lui…lo utilizzano solo quando serve e per il loro comodo… e visto che noi non possiamo andar via dall’Italia, forse è meglio che vada via lui .. via su un bel gommone …forse.. buon ritorno in Argentina e ”Hasta siempre companeros”.  29052019

…by…manliominicucci.myblog.it

……….

 

Parolin, aperti a dialogo con Salvini

“Soprattutto con chi non la pensa come noi”

© ANSA/EPA

epa07251632 Vatican Secretary of State Cardinal Pietro Parolin visits the al-Sa'ah church in the old city area, western Mosul, northern Iraq, 28 December 2018. The al-Sa'ah church was damaged by Islamic State militant when the town was under their control until it was liberated in June 2017.  EPA/AMMAR SALIH

29 maggio 2019

(ANSA) – ROMA, 29 MAG – “Si deve dialogare anche con Matteo Salvini, dialoghiamo con tutti”. Lo ha detto il segretario di stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, a margine di un evento al palazzo della cancelleria. “Si deve dialogare anche con Salvini”, ha spiegato il card.
Parolin alla cerimonia di conferimento del premio internazionale “Economy and society” promosso dalla fondazione “Centesimus annus pro pontifice”. “Il Papa continua a dirlo – ha concluso il cardinale – dialogo, dialogo, dialogo. E perché non con Salvini? Anzi, dialogo si fa soprattutto con quelli che non la pensano come noi e con i quali abbiamo qualche difficoltà e qualche problema”

 

SALVINI – BERGOGLIO 2-0ultima modifica: 2019-05-29T15:18:27+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento