APRITE PORTI E …PORTAFOGLI…

APRITE PORTI E …PORTAFOGLI… 

Il Santo padre oggi in visita a Napoli ha detto : “i musulmani sono nostri partner per una convivenza pacifica” e ha rimarcato, se ce ne fosse ancora bisogno, di prodigarsi all’accoglienza, accogliere è un nostro dovere . Sinceramente non condivido nulla di quanto dichiarato dal papa, anzi la trovo distante dalla reale situazione di in paese stremato da 11 anni di crisi economica. Otto milioni di italiani indigenti e non ho sentito parole di conforto per loro, quasi due milioni di famiglie nella povertà assoluta e non ho sentito parole di speranza o di un probabile aiuto, ogni giorno uomini, donne e bambini di fede cristiana vengono massacrati dai terroristi islamici e non ho sentito parole di collera verso i massacratori seriali. Non ho sentito parole di conforto verso il popolo italiano e la nazione Italia da nessun paese amico o dalle istituzioni europee o mondiali, il punto è sempre quello bisogna fare una becera propaganda e che sia religiosa o politica il risultato non cambia, ci troviamo sempre a frasi utopiche e di circostanza che ci mettono in cattiva luce. Riflettiamo un attimino sugli oltre trenta miliardi di euro spesi per l’accoglienza , se si fossero investiti in ricerca e in sostegno alle aziende e si fossero pagati i debitori della pubblica amministrazione noi oggi avremmo 875 imprenditori ancora vivi e avremmo tolto a milioni di italiani l’infamia della povertà e impedito la fuga di tanti nostri ragazzi all’estero. Caro Santo padre, le parole sono importanti e dette anche bene in talune circostanze sono meravigliose ma di contro, spesso e volentieri le parole sono taglienti e fanno male specie quando poi si sponsorizza un’altra religione che è esattamente all’opposto dei concetti civili della democrazia e della parità di diritti tra uomini e donne e tollera la pedofilia matrimoniale…. Continuare la battaglia per accettate una immigrazione e soprattutto islamica, senza limiti pone una problematica stessa alla quale il Santo padre e tutti i pro immigrati evidentemente vogliono ignorare e quel che è peggio evitano anche di porsi le domande relative al problema. E allora, facciamo un ipotetico salto nel futuro per vedere come sarà la società italiana del 2040 ; avremo una popolazione sicuramente arcobaleno, livello culturale generale molto basso, non dimentichiamo la maggior parte dei migranti che arrivano sulle nostre coste non hanno avuto le possibilità di progredire culturalmente per una serie di impossibilità, avremo sicuramente una forza di lavoro costituita da forti braccia ma avremo una gravissima carenza di personale medico e tecnico altamente specializzato, di ricercatori scientifici e tecnologici. Il nostro paese non produce più tecnologie da anni e siamo fermi dai tempi della Olivetti quindi…. che senso ha utilizzare certe parole di amore e comprensione ed inviti quando poi i fatti vanno in direzione opposta ? Così come anche cercare di aprire un dialogo con una religione che già in passato ha registrato illustri oppositori come San Giovanni Bosco ed altri tantissimi prelati cristiani cattolici nei tempi andati e perché mai sua santità predica in senso opposto ? Gli sbarchi proseguono indisturbati anche se in tono minore, tutti vogliono i cuori e ponti aperti ma al di là delle buone intenzioni qualcuno ci pensa a cosa faranno e come vivranno queste persone che arrivano in un paese con 2.375 miliardi di debito pubblico e otto milioni di poveri ? Un paese con un sistema sanitario alla deriva e un PIL in diminuzione ? Allora prima di essere buonisti…per piacere, siate realisti e aprite oltre il cuore anche i vostri portafogli perché una volta fatti arrivare sul nostro territorio e incassati i soldi per le traversate non si possono cestinare i profughi come carta straccia né il nostro paese è più in grado economicamente di assicurare l’asilo politico a tutti.. vogliamo continuare a suicidarci ? Continuiamo così…21062019

. ..by…manliominicucci.myblog.it 

PAPA FRANCESCO
Il Papa a Napoli, nuova offensiva per salvare i migranti dai porti chiusi e gettare ponti con l’Islam
VATICANO
Venerdì 21 Giugno 2019 di Franca Giansoldati
ber
Papa Francesco va a Napoli per partecipare ad un convegno organizzato dai gesuiti teologi della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale e per affrontare il tema del Mediterraneo e delle migrazioni. Da Napoli vuole fare ripartire una nuova offensiva per riflettere sul bisogno di dialogo e per chiedere cuori e porti aperti verso chi arriva per cercare un futuro migliore. Nello stesso tempo rinnova l’invito ai cattolici a creare ponti con l’Islam.
VATICANO
Al convegno parteciperanno in forma privata anche il prefetto di Napoli, Carmela Pagano, il presidente della Regione, Vincenzo De Luca e il sindaco del capoluogo campano, Luigi De Magistris.
Si tratta della seconda visita del Papa dopo quella del 2015 quando andò a Scampia

APRITE PORTI E …PORTAFOGLI…ultima modifica: 2019-06-21T18:07:14+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento