SRI LANKA 320 – LIBIA 264

SRI LANKA 320 – LIBIA 264

No cari amici, purtroppo non è come pensate…non sono numeri del prefisso telefonico dei due paesi né il risultato finale di un match sportivo, ma sono numeri di essere umani uccisi per mano altrui violenta, il primo dato si riferisce ai morti nelle chiese cristiane e negli hotel dello Sri Lanka nel giorno della Pasqua 2019 di cui 45 sono bambini, una ricorrenza insanguinata dalle bombe dei terroristi islamici che hanno scelto proprio il giorno più caro ai cristiani, quello della resurrezione di Cristo, mentre il secondo dato è riferito alle vittime di una guerra fratricida  in corso in Libia per accaparrarsi il potere dei…soldi.     E’ ovvio che devono far molto riflettere i due dati menzionati, sono numeri intollerabili specie quello dei bimbi morti…già…i bimbi morti, non ho sentito nessuno …e dico nessuno…ricordare quei bimbi morti, neanche il capo della chiesa romana…no.. neanche lui ..assente ingiustificato come tanti radical chic e buonisti, no a parte uno striminzito trafiletto del TG niente e…poi niente, ma i morti ci sono e purtroppo loro non potranno risorgere, ho invece sentito parlare dei tre figli morti, nell’esplosione delle bombe, del miliardario danese, al quale porgo i più sinceri e sentite condoglianze, che poverino, si è visto distruggere la sua famiglia in un baleno e senza un valido motivo o meglio solo perché ….non erano musulmani. Dopo l’ennesimo ed eclatante strage organizzata nei minimi particolari e dopo una seria  e attenta riflessione dei tragici eventi isolani si rende necessario porsi una domanda : ma noi cristiani siamo in guerra con l’islam ? Le loro continue stragi contro la cristianità sono una sorta di… “lunata” ? Già… perché mi verrebbe da dire che loro stanno facendo delle offensive militari all’incontrario delle crociate e quindi la loro guerra santa è in atto da anni e noi facciamo finta di non esserci accorti che questa guerra ci riguarda da vicino e per di più coniamo slogan per distogliere l’attenzione . Diversamente non mi spiego perché per secoli sono stati buoni…buoni .. al loro posto ed ora hanno scatenato l’offensiva a 360 gradi, forse attendevano il momento giusto e le giuste risorse economiche . È una guerra, i numeri parlano chiaro, non si scherza coi numeri perché loro possono essere belli o brutti, a seconda del caso, ma non mentono mai né dicono “fake news”…i numeri hanno un pregio o difetto, sono maledettamente veritieri e non possono essere mai discussi. È la realtà dei numeri oggi ci dice che è in atto una guerra contro la religione cristiana e i suoi fedeli e noi cosa facciamo per arginare l’avanzata islamica ? Cosa facciamo per difenderci ? Niente di niente… il pontefice, il primo dei cristiani cattolici, paradossalmente dice che dobbiamo ancora accogliere migranti islamici e dopo dare loro la possibilità di costruire moschee e pregare il loro profeta Maometto, le forze politiche europee tutte razzolano allo stesso modo e chi è rimasto a difendere i cristiani ? Spero di non essere il solo ma a livello politico consto che i cosiddetti sovranisti e populisti, tanto aspramente criticati da stampa e TV, pare abbiano compreso il problema, poi per il resto vuoto assoluto e solo tante chiacchiere di circostanza. Evidentemente tanti politici sono contro la cristianità e quindi per loro le stragi di morti sono eventi “accettabili” per una sana integrazione e paragonabili a quelle delle brigate rosse degli anni’80 in Italia…che trovò puntuale il commentatore di turno giustificativo, tale Enrico Berlinguer, segretario nazionale del PCI, che allora dichiarò : “fratelli che sbagliano”. Meditate gente…meditate.. 23042019

…by…manliominicucci.myblog.it

……………………..

 

Sri Lanka, morti negli attacchi tre figli del patron danese di Asos

Nella tragedia di Colombo il miliardario Anders Holch Povlsen, fondatore della casa di abbigliamento, ha perso tre bambini. La loro foto pubblicata su Instagram poche ore prima degli at
danesi

COLOMBO – Tre dei quattro figli del patron danese di Asos sono rimasti uccisi negli attentati di Pasqua in Sri Lanka. Lo riporta il Guardian. Nei giorni prima degli attacchi Alma, una delle figlie del miliardario Anders Holch Povlsen, aveva postato su Instagram una foto dei suoi fratelli nella piscina di un albergo. Non si sa ancora quale dei quattro figli si sia salvato.

Anders Holch Povlsen, 46 anni, fondatore della nota catena di abbigliamento, è anche il maggiore proprietario terriero della Scozia e il secondo di tutto il Regno Unito, è l’uomo più ricco di Danimarca. I suoi terreni si estendono per un totale di 221mila acri, ha superato anche il Duca di Atholl, che vanta 144mila acri, e il principe di Galles, con i suoi 130mila acri. Quando aveva solo 28 anni ha ricevuto in eredità dal padre la proprietà della catena di negozi di abbigliamento Bestseller. Si è sposato con Anne Storm Pedersen proprio quando lei ha iniziato a lavorare nei suoi negozi

Il portavoce del colosso dell’abbigliamento Asos ha confermato che il patron del gruppo ha perso tre dei suoi quattro figli negli attentati in Sri Lanka. In un’intervista con diversi media internazionali Jesper Stubkier ha chiesto “il rispetto della privacy della famiglia” e quindi non darà altre informazioni sulla tragedia. Prima dell’annuncio, il ministro degli Esteri danese Anders Samulesen aveva fatto sapere che tre cittadini danesi erano morti negli attacchi.

La famiglia Nicholson

Anche una famiglia britannica in vacanza tra le vittime. I Nicholson, che vivevano a Singapore, stavano facendo colazione al secondo piano dello Shangri-La, un hotel a cinque stelle nella capitale Colombo. Il kamikaze che si è fatto saltare in aria ha ucciso Anita, 32 anni, e il figlio Alex, di 11. Il padre Ben è stato visto ore dopo all’ospedale, con un orecchio fasciato. La figlia più piccola ieri era ancora data per dispersa ma le autorità sono convinte che anche lei sia morta nell’esplosione. Sarebbero 37 le vittime straniere dell’ondata di attentati, tra cui tre danesi, sei indiani, due cinesi, un portoghese, due ingegneri turchi, due australiani, un olandese, un giapponese. Le autorità Usa hanno comunicato la morte di «molti cittadini americani». La Farnesina, fino a questo momento, ha escluso la presenza di italiani.

SRI LANKA 320 – LIBIA 264ultima modifica: 2019-04-23T16:00:33+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento