fatti di vita e politica nazionale e d internazionale

LITE TRA “PUTTANATE E PUTTANE”…

Care amiche e cari amici tutti, oggi termina l’ultimo blocco di una lunga serie….. evidentemente i miei articoli danno fastidio e non sono graditi a qualche…potente di Facebook.
Ma non mi hanno fermato, in questi giorni ho continuato a scrivere nel mio blog : manliominicucci.myblog.it , Twitter e Gooole Comunity….quindi da oggi, sapete che se non troverete più gli articoli nel mio profilo vorrà dire che sono stato nuovamente bloccato.
Nel mio blog potete scrivere ed esprimere le vostre opinioni, previa registrazione con mail, e leggere anche i precedenti articoli se ovviamente siete interessati.
Grazie per il tempo che mi avete dedicato….e grazie di …esistere…

LITE TRA “PUTTANATE E PUTTANE”...
Ieri, alla trasmissione della Annunziata di Rai tre si è giocato alla promiscuità delle parole volgari, una cosa inedita per un canale televisivo pubblico, poi a quell’ora e in presenza di un ministro. Andiamo per ordine, Di Maio, Paragone e Di Battista criticano, e secondo me giustamente, la stampa perché palesemente di parte, tutta a sinistra per intenderci, pronti sempre a criticare e a dare addosso al M5S ed in particolar modo alla sindaco di Roma Virginia Raggi per le note vicende giudiziarie. All’indomani della sentenza, nel processo che la vedeva coinvolta e imputata, ne esce con l’assoluzione piena è ovviamente la sentenza stata accolta con evidente soddisfazione con il contestuale silenzio della stampa avversa. Ed in questa occasione sono stati espressi giudizi poco educati, infatti dare della” puttana” alla stampa, sebbene non sia una persona fisica anche se meritati, è comunque di per se sempre una cosa offensiva ed antipatica. Sicché, la “brava conduttrice del programma “Tutto in mezz’ora” della Lucia Annunziata, irritata evidentemente dell’appellativo affibbiato alla stampa e giornalisti vari dai dirigenti del M5S, nella sua trasmissione domenicale di ieri, ha trovato il modo, molto poco intelligente ed educato, di farlo pesare sulle spalle del ministro di Grazia e Giustizia nonché membro autorevole del movimento. Apre la trasmissione con una domanda a dir poco devastante, insolita e direi molto maleducata citando proprio il termine “puttana” riferito alle giornaliste… Certo le domande, anche provocatorie, bisogna farle ma è evidente che ha sbagliato i tempi, i modi e le parole stesse nella sua introduzione.. “Nuovo pacco di merda” come nella precedente esperienza passata con Silvio Berlusconi. Evidentemente lei si sente la padrona nella Rai e pensa di poter dire e fare quello che crede, ma stavolta… .la Annunziata l’ha proprio combinata una “puttanata”, giusto per restare in tema, nella sua intervista al ministro ospite. Sinceramente vedere di quanto si sia abbassato il livello della discussione in Rai mi lascia perplesso e preoccupato, non la ritengo più in grado di continuare a fare la conduttrice. Spero che anche lei abbandoni quanto prima il video televisivo, non si possono avere né accettare presentatori o conduttori di parte….spostati tutti a sinistra..12112018

                             by…manliominicucci.myblog.it …

 

Paragone, in stampa puttane e sputtanati

Facciamo lista di chi va a pagamento a convention finanza

(ANSA) – ROMA, 11 NOV – “Evidentemente spiazzati dalla assoluzione di Virginia Raggi e dalla impossibilità di chiudere il film che avevano già preparato nelle riunioni di redazione, il problema ora sono le parole di Luigi (Di Maio) e di Alessandro (Di Battista) sui giornalisti”. Lo scrive sul Bolg delle Stelle il senatore M5s Gianluigi Paragone secondo il quale “nel giornalismo ci sono tante puttane e ancor più sputtanati”.
“Le grandi firme del giornalismo italiano – scrive Paragone – hanno consumato il loro transito dall’estrema sinistra ai salotti buoni del capitalismo italiano. Ai salotti, se va bene.
Non sarebbe giusto svelare ai propri lettori che il commentatore PincoPallino prende soldi come relatore o moderatore ai dibattiti curati dalla banca X o dal fondo Y? Guarda caso sempre gli stessi. Perché non facciamo una bella lista di giornalisti furbini che partecipano a pagamento alle convention di grandi gruppi finanziari?”. “Sveliamolo allora – insiste il senatore M5s – il marchettificio che c’è nelle redazioni!”.

PARLI PROPRIO …TU…!

PARLI PROPRIO …TU…!

“Caro Silvio”, certo che ad ascoltarti dal “pulpito” del congresso dei giovani del tuo partito viene proprio da ridere, ma veramente da ridere, mi eri simpatico ..una volta…poi nel 2008 hai perso le staffe, hai cominciato a fare leggi “ad personam”  utilizzando il potere che gli  elettori, me compreso, ti avevano affidato per governare in modo equo e corretto l’Italia e non per fare gli affari tuoi. Invece, non hai fatto altro che fare i tuoi interessi di imprenditore televisivo e non ti se mai veramente occupato delle necessità del popolo finché, un brutto giorno  hai trovato il muro europeo… era il 2011 e …”game over”. Dopo esserti dimesso li hai trasferiti nei fatti, il mio voto e quello di tanti milioni di italiani che ti avevano votato, a disposizione del PD e del suo unico comandante Renzi. Ora spiegami, chi ti ha dato il diritto di prendere i voti e trasferirli all’opposizione ? Perché hai fatto gli accordi sottobanco con Renzi e il PD sapendo che tanti centristi, come me,  non approvavano l’intesa col PD ? Hai provato a chiedermi cosa ne pensavo ? No, …non lo hai fatto… perché hai pensato solo ed esclusivamente ai tuoi interessi, quelli di partito e dell’imprenditore Berlusconi. E ora vieni a predicare e a ventilare il rischio libertà ? E allora, se ci tieni tanto, perché nel 2011 non hai obbligato il Presidente Napolitano a sciogliere le camere ? Evidentemente ti era stato garantito qualcosa, quel qualcosa che non si sa ma che poi ha fatto …”tanto male al popolo italiano”, vessazioni ai cittadini e suicidi di imprenditori, immigrazione tremenda senza controllo e tutto questo grazie ad un governo di non eletti, di abusivi e “illiberali”…lo hai appena usato tu questo termine… che col tuo appoggio hanno seminato terrore e fame e creato sei milioni di poveri italiani. Ora vieni a parlare di libertà….” ma mi faccia il piacere”…sì, lo diceva il mitico Totò, lui sì che era un “liberale” al contrario di te che di libertà conosci solo il termine ma del vero significato conosci molto poco o …forse proprio niente, rammento l’ammirazione che avevi verso i socialisti di Craxi, forse la tua vera casa… è il PD. Lì, ne sono convinto, ti troveresti bene come Casini, Alfano e il reo Verdini, il tuo …caro amico di merenda appena condannato… Libertà…ma per piacere…non farmi ridere…11112018

by…manliominicucci…

 

Berlusconi: ‘C’è clima illiberale, anticamera della dittatura’. Ma Salvini lo gela

Vipremier: ‘Sciocchezza da frustrati di sinistra’. Zingaretti: ‘Il Movimento chieda scusa per aggressione ai giornalisti’

Matteo Salvini e Silvio Berlusconi (archivio) © ANSA

Botta e risposta tra Berlusconi e Salvini il giorno dopo l’assoluzione della sindaca Viginia Raggi e le polemiche M5s contro la stampa. “C’e’ un’aria di illibertà, siamo in una democrazia illiberale, anticamera della dittatura, se continua così”, ha detto Silvio Berlusconi ai giornalisti arrivando al congresso dei giovani di Forza Italia a Roma, parlando del M5S al governo. “La Lega si accorgerà che non può tradire i suoi elettori e il governo cadrà. A quel punto ci sono due possibilità – ha aggiunto -: o un mandato di governo al centrodestra che cerchi i voti in parlamento per una maggioranza, oppure nuove elezioni”.

Io vado in fondo e sto qua per 5 anni, con il 30% o con il 50%“, ha detto più tardi Salvini riferendosi ai sondaggi sulla Lega. “Siamo a metà classifica come il Milan. Milioni di persone hanno fiducia in noi. Ma mai montarsi la testa quando le cose vanno bene, perché chi si loda si sbroda” ha detto Salvini. “Io ero un ‘cretino’ fino all’altro ieri, adesso sono diventato uno statista…” ha poi ironizzato il ministro, nel suo intervento alla scuola di formazione politica del Carroccio.

Intanto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede fa sapere a ‘In 1/2 ora in più che “sicuramente ci sarà una legge sul conflitto di interessi, è una nostra priorità. Una parte riguarderà l’editoria”. Bonafede ha sottolineato che “chi è padrone di un giornale e ha interessi economici rilevanti” può essere portato “a direzionare l’informazione”.

Con la sentenza di assoluzione della sindaca Virginia Raggi la stampa italiana torna nel mirino del M5S. I “veri colpevoli” del processo alla sindaca di Roma sono “i giornalisti” è il messaggio che i vertici del M5S lanciano sui social ad una manciata di minuti dalla sentenza. Ed è un messaggio condito da parole forti, con il vicepremier Luigi Di Maio che bolla i giornalisti come “infimi sciacalli” laddove Alessandro Di Battista si spinge oltre e dal Nicaragua affonda: “le uniche puttane qui sono proprio questi pennivendoli che non si prostituiscono neppure per necessità, ma solo per viltà, sono loro i veri colpevoli”. ‘Io certe sciocchezze le lascerei dire ai burocrati di Bruxelles e ai frustrati di sinistra. Chi parla di rischio dittatura in Italia non ha ben presente che l’Italia sta bene‘, risponde Matteo Salvini.

Occorre “abolire il finanziamento pubblico all’editoria”. Lo sostiene il sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano (M5s), commentando la vicenda che ha portato all’assoluzione di Virginia Raggi. “Troppi giornali – spiega – sono ormai in chiaro conflitto di interessi e per decenni hanno preso milioni di soldi pubblici tramite le tasse dei cittadini per poi fare propaganda politica per i loro editori tesserati o proprietari di partiti politici”. “Quasi tutti i giornali – afferma Di Stefano – hanno raccontato la vicenda Raggi condannandola già prima della sentenza. Ieri la sindaca di Roma è stata assolta e finalmente la macchina del fango innescata contro di lei ha avuto una battuta d’arresto, perché questa è la pazza realtà in Italia: una stampa che per anni è stata accondiscendente con chi ha commesso le peggiori nefandezze e che si risveglia solo quando governa chi non è di ‘suo’ gradimento”. “Vogliamo una stampa indipendente e obiettiva – conclude – perché questo non è giornalismo”.

“Solidarizzo con i colleghi giornalisti che fanno bene il loro lavoro, non con chi applica pregiudizi”. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, commentando, a margine della sua visita a Eicma, a Milano, i duri commenti nei confronti dei giornalisti da parte di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista dopo l’assoluzione della sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Faccio il giornalista e apprezzo la libertà di pensiero e critica – ha aggiunto -, ma a volte non c’è informazione ma pregiudizio nei confronti di questo. Ma me lo tengo per me e vado avanti”.

“Sono contento che Virginia Raggi sia stata assolta. Lo sono dal punto di vista personale e umano. E lo sono politicamente perché ho sempre sostenuto nella mia vita il rifiuto totale di scorciatoie giudiziarie per affrontare nodi e battaglie che sono politiche. Ora tutti si aspettano che, comunque, a Roma si volti pagina perché così non si può andare avanti. Noi siamo pronti a dare una mano. Ma, per cortesia, vergognatevi per la vostra aggressività questa volta verso i giornalisti”. Lo scrive su Facebbok il governatore del Lazio e candidato alla segreteria del Pd Nicola Zingaretti che invita Di Maio e M5s a “chiedere scusa”.    “Siete stati voi – ricorda Zingaretti – che, anche a Roma, in occasione dell’avvio di qualsiasi indagine giudiziaria, vi siete comportati come delle iene feroci calpestando la normale dialettica politica e aggredendo con una violenza inaudita tutti coloro che erano anche solo oggetto di inchieste, con squallide conferenze stampa e sceneggiate. Addirittura utilizzando le arance per mortificare e umiliare le persone in carcere. E si era solo a un livello di indagine e non di processo. Danneggiando in questo modo anche la tranquillità con la quale le indagini giudiziarie devono giustamente svolgersi. Lo avete fatto calpestando quella dignità di relazioni che ora, in maniera sfacciata, pretendete per voi stessi. Quindi da voi attendiamo l’unica cosa seria che ancora non avete fatto: CHIEDETE SCUSA” conclude Zingaretti.

“E ti pareva che Di Maio non attaccava i giornalisti? Per lui tutti coloro che mettono in dubbio i M5s sono da crocifiggere. Rispettiamo le sentenze, ma è innegabile il naufragio di Roma. La vera sentenza per Raggi arriva dai cittadini della Capitale”. Lo afferma il senatore del Pd Edoardo Patriarca.

57 ….ANNI DOPO RICORDIAMOLI…

57 ….ANNI DOPO RICORDIAMOLI…
Quello che mi inorridisce sono i sistemi del massacro che sembrano essere propri degli africani….gente fatta a pezzi dopo essere stata ammazzata esattamente come Pamela Mastropietro nel 2018. Sono trascorsi 57 anni ma la loro malvagità è sempre quella come lo è stata in Biafra, regione della Nigeria, e nella orrenda guerra tra Ruanda e Burundi, e anche lì si sono visti scenari da horror, centinaia di mani tagliate con i machete dalle braccia e buttate ai piedi degli alberi come concime per la terra. Oggi quando leggevo dell’anniversario della strage di occidentali nell’ex Congo belga non ho potuto fare a meno di fare dei raffronti con la stessa gente che abbiamo ospitato nel nostro paese e francamente non ci vedo nessun progresso nei figli di quelli che commettevano crimini e massacri per il semplice gusto di farli. Un odio orribile ed ingiustificato verso i bianchi occidentali e se pensiamo che quei tredici militari morti erano lì per aiutarli mi viene una rabbia incontenibile, cioè, gente inerme che va per sfamarli e ce li troviamo tutti fatti a fette, va pure detto che il massacro fu tenuto nascosto col vergognoso silenzio della stampa nostrana di allora, infatti la notizia venne data una settimana dopo e con tanto imbarazzo. Non riesco a capire perché tanto odio verso di noi occidentali, se i francesi e belgi hanno delle responsabilità pagassero loro e non degli innocenti. Commemoriamo i nostri caduti nel Congo dopo una missione Onu,….morti perché erano solamente ..
dei bianchi…11102018

by…manliominicucci…

NOV
11

11 NOVEMBRE 1961 IL MASSACRO DI KINDU, TRA LE TREDICI VITTIME ANCHE IL LUCANO NICOLA STIGLIANI

Era l’11 novembre 1961 e fu  chiamato l’eccidio di Kindu per la crudeltà con cui fu commesso e per il nome della località dove avvenne, nell’ex Congo belga, dove furono trucidati tredici aviatori italiani, facenti parte del contingente dell’Operazione delle Nazioni Unite in Congo inviato a ristabilire l’ordine nel paese sconvolto dalla guerra civile.

I tredici militari italiani formavano gli equipaggi di due C-119, bimotori da trasporto della 46ª Aerobrigata di stanza a Pisa. Tra le vittime anche un giovane potentino Nicola Stigliani, Sergente Maggiore montatore , nato nel Capoluogo di regione il 31 maggio 1931; aveva 30 anni all’epoca.

Un massacro efferrato, che suscitò indignazione in Italia, poiché su “ silenzato”  dai mass media anche italiani, che diedero notizia solo dopo una settimana, e dalla assurda cautela nel dare notizie sia da parte del governo di Brazzaville, che da parte della stessa Onu e soprattutto dalle false notizie che da parte del sedicente colonnello” congolese Pakassa che con ignomia affermava che i 13 italkiani della misione di pace fossero vivi.

Il riconoscimento di queste innocenti vittime anche da parte italiana fu tardivo; solo nel 1994 fu riconosciuta alla loro memoria la Medaglia d’Oro al Valore Militare; solo nel 2007 i parenti delle vittime ottennero una legge sul risarcimento. Un monumento ai caduti di Kindu si trova all’ingresso dell’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci, a Fiumicino; un altro è stato eretto a Pisa. Sulle porte del sacrario di Pisa è riportata questa  epigrafe: « Fraternità ha nome questo Tempio che gli italiani hanno edificato alla memoria dei tredici aviatori caduti in una missione di pace, nell’eccidio di Kindu, Congo 1961. Qui per sempre tornati dinnanzi al chiaro cielo d’Italia, con eterna voce, al mondo intero ammoniscono. Fraternità. »

Potenza non si è mai dimenticata invece di Nicola Stigliani, sia con dediche pubbliche che con il ricordo nel 50 anno del massacro. Del sergente lucano ce ne parla Rocco Galasso  Presidente provinciale  del Nastro azzurro, decorati al Valor Militare “È ancora vivo il ricordo del sergente dell’aeronautica Nicola Stigliani, potentino caduto a kindu 53 anni fa. Lo è nel ricordo di molti che hanno conosciuto, nei fratelli, in quella generazione di potentini che di apprestavano a vivere i favolosi anni ’60 nel pieno della loro giovinezza. Nicola Stigliani aveva deciso di consegnare la sua giovinezza All ‘arma azzurra e con essa ad affrontare quella prima operazione di aiuti umanitari che, proprio nell’ex Congo Belga, vide massacrare 13 uomini della 46^Aerobrigata. Da allora sono numerosi gli uomini che hanno pagato con il loro sangue la loro generosità di soldati e di italiani. A Nicola Stigliani è spettata la massima ricompensa al Valor Militare, accrescendo il numero degli eroi lucani che rendono la nostra regione quella maggiormente premiata al valore con il più alto numero di caduti, feriti ed il minor numero di disertori. Cosa successe esattamente?

Fonte wikipedia : IL  Belgio, al momento dell’indipendenza, lasciò il Congo in un completo caos politico ed amministrativo; grandi interessi internazionali e finanziari agirono poi per rendere più grave la situazione, favorendo la secessione del Katanga, la più ricca provincia del paese, centro d’importanti attività minerarie. Le fazioni in lotta erano tre: quella del presidente Joseph Kasa-Vubu con le truppe comandate dal generale Mobutu che controllavano le regioni occidentali, quella lumumbista di Antoine Gizenga con le truppe del generale Lundula che controllavano le provincie orientale, e quella katanghese di Moise Ciombe con i gendarmi guidati da mercenari bianchi, soprattutto belgi.

La guerra era improvvisamente scoppiata il mese precedente a seguito dell’uccisione di Patrice Lumumba, l’ex Primo Ministro nazionalista che aveva tentato di liberare il paese dalle ingerenze esterne. Mandante dell’omicidio era Moise Ciombe, leader della provincia secessionista del Katanga, appoggiato dal presidente della repubblica Joseph Kasavubu e dal capo delle forze armate Mobutu Sese Seko, il quale avrebbe in seguito retto le sorti del paese per circa quarant’anni.

L’eccidio

I due equipaggi italiani operavano da un anno e mezzo nel Congo, e il 23 novembre del 1961 dovevano rientrare in Italia. La mattina di sabato 11 novembre 1961 i due aerei decollarono dalla capitale Leopoldville per portare rifornimento alla piccola guarnigione malese dell’ONU che controllava l’aeroporto poco lontano da Kindu, ai margini della foresta equatoriale. La zona era sconvolta da mesi dal passaggio delle truppe di Gizenga provenienti da Stanleyville e dirette nel Katanga, reparti improvvisati i cui componenti erano spesso ubriachi, indisciplinati e dediti alle ruberie ai danni della popolazione locale; il 25 settembre precedente era morto Raffaele Soru, un volontario della Corpo militare della Croce Rossa Italiana rimasto ferito a morte proprio a Kindu nel corso di scontri tra ribelli e soldati.

Gli aerei italiani si dovevano fermare a Kindu solo per il tempo di scaricare e, per gli equipaggi, di mangiare qualcosa. I due C-119 comparirono nel cielo della cittadina poco dopo le 14:00, e dopo aver fatto alcuni giri sopra l’abitato atterrarono all’aeroporto controllato dai malesi. Da vari giorni in città vi era un’agitazione maggiore del solito: fra i duemila soldati congolesi di Kindu si era sparsa la voce che fosse imminente un lancio di paracadutisti mercenari al soldo del regime di Ciombe, e da tempo le truppe di Gizenga che operavano nel nord del Katanga, 500 chilometri più a sud di Kindu, erano sottoposte a bombardamenti dagli aerei katanghesi.

La vista dei due aerei italiani, scambiati per velivoli katanghesi carichi di paracadutisti, scatenò la reazione incontrollata dei soldati di stanza a Kindu: diverse centinaia di congolesi si recarono in camion all’aeroporto dove in quel momento i tredici uomini degli equipaggi italiani, comandati dal maggiore Parmeggiani, si trovavano alla mensa dell’ONU, una villetta distante un chilometro dalla pista, insieme a una decina di ufficiali del presidio malese. Intorno alle 16:15 i congolesi fecero irruzione nell’edificio, dove italiani e malesi, quasi tutti disarmati, si erano barricati  circa 80 soldati congolesi sopraffecero rapidamente gli occupanti della palazzina e li malmenarono duramente, accanendosi in particolare contro gli italiani scambiati per mercenari belgi al soldo dei katanghesi  il tenente medico Francesco Paolo Remotti tentò di fuggire lanciandosi da una finestra aperta, ma fu rapidamente raggiunto dai congolesi e subito ucciso.

Intorno alle 16:30 arrivarono altri 300 miliziani congolesi guidati dal comandante del presidio di Kindu, un certo colonnello Pakassa: il comandante malese, maggiore Maud, tentò inutilmente di convincerlo che gli aviatori erano italiani dell’ONU e alle 16:50 i dodici italiani, costretti a trasportare con loro il corpo di Remotti, furono caricati a forza sui camion e portati in città, per poi essere rinchiusi nella piccola prigione locale. Mentre il maggiore Maud e il suo vice discutevano se fosse meglio trattare il rilascio pacifico degli italiani o tentare un’azione di forza per liberarli, quella notte giunsero all’aeroporto di Kindu da Leopoldville il generale Lundula e alcuni funzionari della ONUC: il gruppo cercò di contattare il comando del presidio per avviare un canale di trattative, ma il tentativo fallì e il generale ebbe l’impressione che gli ufficiali congolesi avessero ormai perso del tutto il controllo sui loro uomini.

Quella notte, soldati congolesi fecero irruzione nella cella dove erano detenuti i dodici aviatori italiani e li uccisero tutti a colpi di mitra; abbandonati i corpi sul posto, questi furono spostati poche ore dopo dal custode del carcere che, temendone lo scempio, li trasportò con un camion nella foresta fuori città e li seppellì in una fossa comune. I miliziani congolesi accusarono gli italiani di fornire le armi ai secessionisti, e diffusero la notizia secondo la quale questi fossero in volo verso il Katanga e fossero stati ingannati e convinti ad atterrare a Kindu dai responsabili della torre di controllo; l’inviato speciale Alberto Ronchey per La Stampa pochi giorni dopo constatò lo stato di non funzionamento della torre di controllo a partire da vari mesi precedenti l’uccisione.

Per giorni non si seppe nulla della sorte degli aviatori, e lo stesso comando delle truppe ONU temporeggiò per evitare di scatenare una rappresaglia contro gli italiani senza sapere che questi erano già stati uccisi. Solo alcune settimane dopo l’eccidio il custode del carcere si mise in contatto con i fratelli Arcidiacono, due italiani residenti da tempo a Kindu: questi riuscirono a ricostruire le circostanze dell’eccidio e a contattare le autorità ONU per predisporre il recupero delle salme  Nel febbraio del 1962 quindi un convoglio della Croce Rossa austriaca, scortato da un contingente di caschi blu etiopi e accompagnato da due ufficiali della 46ª Aerobrigata (il tenente colonnello Picone e il maggiore Poggi), rinvenne la fossa comune dove erano stati seppelliti gli italiani nel cimitero di Tokolote, un piccolo villaggio sulle rive del Lualaba ai margini della foresta: i corpi, protetti da una grossa crosta di argilla, erano ancora in buono stato di conservazione e furono facilmente identificati. Trasportati all’aeroporto di Kindu, furono imbarcati su un C-119 italiano e inviati a Leopoldville, da dove rientrarono in Italia a bordo di un C-130 statunitense.

Le circostanze esatte dell’uccisione rimasero a lungo confuse, con varie voci che sostennero che l’eccidio fosse avvenuto con la partecipazione o comunque davanti alla popolazione civile locale, o che i corpi degli italiani fossero stati mutilati in vario modo; la ricostruzione dei fatti in seguito al ritrovamento delle salme smentì gran parte di questi dettagli.



Una ottima ricostruzione in occasione del 50ennario si trova in questo link   http://www.aeronautica.difesa.it/Documents/KINDU.pdf

 I tredici aviatori trucidati a Kindu furono:
·                    Onorio De Luca, 25 anni, di Treppo Grande (UD) – sottotenente pilota;
·                    Filippo Di Giovanni, 42 anni, di Palermo – maresciallo motorista;
·                    Armando Fausto Fabi, 30 anni, di Giuliano di Roma (FR) – Sergente Maggiore elettromeccanico di bordo;
·                    Giulio Garbati, 22 anni, di Roma – sottotenente pilota;
·                    Giorgio Gonelli, 31 anni, di Ferrara – capitano pilota e vicecomandante;
·                    Antonio Mamone, 28 anni, di Isola di Capo Rizzuto (KR) – sergente maggiore marconista;
·                    Martano Marcacci, 27 anni, di Collesalvetti (LI) – sergente elettromeccanico di bordo;
·                    Nazzareno Quadrumani, 42 anni, di Montefalco (PG) – motorista;
·                    Francesco Paga, 31 anni, di Pietralcina (BN) – sergente marconista;
·                    Amedeo Parmeggiani, 43 anni, di Bologna – maggiore pilota e comandante dei due equipaggi;
·                    Silvestro Possenti, 40 anni, di Fabriano (AN) – sergente maggiore montatore;
·                    Francesco Paolo Remotti, 29 anni, di Roma – tenente medico;
·                    Nicola Stigliani, 30 anni, di Potenza – Sergente Maggiore montatore.
 

E DE LUCA …CHE DICE ….ORA ?

E DE LUCA …CHE DICE ….ORA ?

Forse la smetterà di inveire contro tutti e contro chi lo critica, oppure, come penso io, dichiarerà che è stato tutto architettato per mettere in cattiva luce la sanità campana. Un po’ come si era comportato nella vicenda del figlio, poi chissà perché lì tutto è stato messo a tacere e l’inchiesta è partita ma non …. è mai arrivata. Si sa come vanno le cose tra gli amici, i figli degli amici, i cugini etc…etc. .Questa ennesima vergogna veramente ci lascia interdetti sulla reale efficacia della sanità campana ad affrontare ed assistere i pazienti in difficoltà. Certo che se al Pronto soccorso della città di Napoli si aggiungono tutti i disservizi negli ospedali regionali la colpa e responsabilità è solo del presidente De Luca che, secondo il mio parere, è incapace di svolgere il suo mandato indipendentemente dalle responsabilità dell’assessore alla sanità, che sicuramente andava rimosso prima e non aspettare le ” figure di merda “(cit.E.Fede) che si è soliti vedere in TV per reagire e rimediare. Qui non è questione di mala sanità ma di mancanza di igiene nelle strutture pubbliche altrimenti non si spiegano insetti o addirittura topi come riscontrato in alcuni ospedali italiani.. questo è un pessimo modo di gestire l’amministrazione pubblica che è proprio di tanti politici che pensano prima di tutto alle loro…”necessità” e poi, se resta tempo e … soldi si pensano alle esigenze di chi ha veramente bisogno. Qui lo schifo non sono le formiche…loro vivono e cercano solo di continuare a vivere ma le colpe sono di coloro che permettono l’ingresso e la loro presenza stabile ‘da clandestini” negli ospedali. Già, voi direte, permettiamo a degli esseri umani clandestini mantenuti di vivere e svilupparsi a nostro danno e poi ci dovremmo meravigliare per … qualche formica ? Ma sì, come si dice, vivi e lascia vivere…10212018

by…manliominicucci.myblog.it

 

DONNA INTUBATA COPERTA DA FORMICHE ALL’OSPEDALE SAN GIOVANNI BOSCO DI NAPOLI

Napoli, orrore in ospedale: donna intubata sommersa dagli insetti

Una donna intubata sommersa dalle formiche: accade nell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli denuncia Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, che ha ricevuto le segnalazioni di cittadini. «Dopo la nostra denuncia, il direttore sanitario Giuseppe Matarazzo ha chiuso la stanza del reparto di Medicina per la bonifica e la pulizia dove, come denunciano le immagini, sono inaccettabili le condizioni della paziente» dice Borrelli che ha postato su fb un video. Il direttore ha aperto una inchiesta interna.

 

NIENTE DI NUOVO…LA SOLITA MINESTRA SENZA…UOVO..!

NIENTE DI NUOVO…LA SOLITA MINESTRA SENZA…UOVO..!
Eh sì, oramai queste sono “notizie che non fanno notizia”, e già qui non c’è la poverina di turno morta per mano delle risorse boldriniane, sì..quelle che arrivano sui gommoni dalla Nigeria e che scappano dalle guerre e dalla fame, già…è davvero allucinante che quando succedono queste cose il silenzio è d’obbligo per TeleKabul… e per i signori radical chic e buonisti. Ma la cosa più vergognosa e che fa irritare è che una TV di stato non ne parli, “TG3 omette”, volutamente, la drammatica notizia e al suo posto ci manda il video di Obama e Michelle che danzano leggiadri sulle note di una canzone melodica. Oppure ci danno in pasto la pulizia dell’alveo di un fiume a Biella alla presenza del ….Presidente Mattarella….ma è roba da pazzi, ci fanno vedere le “stronzate d’ogni genere” ma ci tengono nascoste le verità. Ebbene “ cari amici giornalisti prezzolati” del TG3 state sereni, ci pensa Manlio Minicucci a “sputtanarvi” e sistemarvi sulla “gogna mediatica” , si perché dovete spiegare agli italiani e a quelli che vi pagano, sempre noi, perché le violenze degli immigrati non vengono denunciate mentre un banale uovo su un occhio, di una iscritta PD di colore, diventa caso nazionale ? Allora è come penso io, sono 30 anni che sostengo che RAI 3 è palesemente schierata all’estrema sinistra e informa e condiziona secondo i dettami da regime comunista. Non è come dico io, bene, allora invito tutti coloro i quali si sentono lesi dai miei sospetti a smentirmi pubblicamente dopo, ovviamente, aver “dimostrato il contrario”. E’ sempre la solita minestra, una ragazza sequestrate e violentata per ben tre mesi non fa notizia più di un uovo di gallina. Evidentemente in RAI 3 non è noto il termine “vergogna” ..Cari giornalisti, ma diteci, vi pagano per difendere i nigeriani che spacciano droghe ? Oppure come penso io, i crimini che vengono dagli immigrati dobbiamo accettarli senza proferire frasi e quando invece si prendono le loro difese ci tocca anche” un premio” ? E’ Così ? Viva la libera informazione di ….sinistra…! Peccato che io …esisto…10112018

by… manliominicucci.myblog.it …

 

Ancona, arrestato nigeriano: ecco cosa faceva da mesi a una 22enne

ancona

Ancona, 22enne segregata e stuprata per mesi: arrestato nigeriano – da Il Primato Nazionale

Ancona, 10 nov – E’ stato arrestato ad Ancona un immigrato 37enne nigeriano accusato di violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di una ragazza italiana di 22 anni, in cerca di droga, segregata in casa e costretta in uno stato di schiavitù, sorvegliata da un cane.

Ti potrebbe interessare anche: Desirée, racconto orribile di testimoni: ‘venduta da amica per eroina’ Video

L’uomo, accusato anche di cessione di sostanze stupefacenti, è stato fermato dopo un blitz della polizia, il 6 novembre scorso, nell’appartamento che occupava con altri connazionali: all’interno, in sua compagnia, era presente la giovane.

Il nigeriano ha anche aizzato il suo cane contro un agente che è rimasto ferito a una mano. Pertanto l’immigrato è accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Dalle indagini risulta che la ragazza è stata stuprata 10/15 volte.

Ti potrebbe interessare anche: Pamela e Desirée: ecco qual è la cultura di alcuni abitanti di San Lorenzo

In base agli indizi di colpevolezza, raccolti dagli investigatori coordinati dalla Procura di Ancona e suffragati delle analisi tossicologiche svolte sulla vittima dall’Unità di crisi dell’Ospedale Salesi di Ancona (che conclamavano la presenza di droghe nel corpo della vittima), il 37enne è stato fermato come persona gravemente indiziata di delitto, misura poi convalidata dal Tribunale del capoluogo marchigiano.

NO… E’ TERRORISMO ISLAMICO…!

NO… E’ TERRORISMO ISLAMICO…!

Infatti oltre la rivendicazione dell’Isis, lo stato islamico criminale che imperversa e distribuisci morte gratuitamente a chi non la pensa come loro in Iraq e Siria, si aggiungono altri raccapriccianti particolari dell’ennesimo episodio terroristico. Il solito “Dio è grande” e a brandire il consueto coltello  al fine di ammazzare gli altri. Gli altri… siamo noi gli altri…è questo il punto che intendo approfondire, infatti, in occidente si parla sempre più di razzismo associandolo al fascismo e alla nascente ebreo fobia in Germania. E ovvio che se in una società ci collochi con la forza e l’imposizione psicologica un numero illimitato di soggetti questo poi alla fine diventa una polveriera sociale. Allora bisognava prima di tutto capire chi si sta importando perché non si può accettare di essere tacciati di razzismo o altre simili fesserie solo perché contrari all’immigrazione selvaggia ed incontrollata, infatti, io stesso, quando urlavo al pericolo non sono mai stato ascoltato ed oggi si vedono… i drammatici risultati e questo, non dipende assolutamente da questioni legate all’integrazione o meno, perché chi commette dei crimini in nome di Dio, ammazzando o ferendo delle persone che nulla centrano, allora vuol dire che si è capito poco o niente sugli individui che si ospitano. La prima domanda da farsi è questa : ma loro, negri africani, arabi, e asiatici in genere ci amano o ci odiano ? Loro nei nostri confronti sono razzisti o non lo sono ? Ho cercato di dare una risposta e purtroppo sono arrivato alla conclusione che loro ci odiano e tanto anche sino a desiderare da volerci tutti morti e fatti a fettine. Che i buonisti e radical chic tentino di convincermi  del contrario con le belle parole io a loro rispondo così : ma quanti attentati hanno subito in Europa, America ed Asia gli islamici,  per mano degli occidentali  e cristiani ? Quante volte gli africani ed arabi sono stati oggetti di violenza da parte degli occidentali  nei paesi occidentali ? Bene.. le risposte le conosciamo e sappiamo tutti  quale sia la realtà, ma la si vuol stravolgere per difendere …l’indifendibile e poi ci meravigliamo se in Germania rinasce il Nazionalsocialismo.  09112018    by…manliominicucci.myblog.it

 

Australia:uomo contro 3 passanti,1 morto

A colpi di coltello, arrestato. Nessun legame con terrorismo

 © EPA

(ANSA) – ROMA, 9 NOV – Almeno una persone è stata accoltellata a morte e altre due sono rimaste ferite questo pomeriggio a Melbourne, in Australia, da un uomo che ha poi cercato di aggredire un poliziotto ma è stato colpito da un proiettile sparato da un agente ed è ora in condizioni critiche: prima dell’attacco, riporta il Guardian, l’uomo ha lanciato il suo pick up contro un centro commerciale della città e ha dato fuoco al veicolo. Secondo la polizia non ci sono legami con il terrorismo.

UNA FINE …”VERGOGNOSA” ..PER NOI..ITALIANI.. !

UNA FINE …”VERGOGNOSA” ..PER NOI..ITALIANI..  !

Già, c’è proprio da essere orgogliosi della “sua dipartita”  e ci vantiamo anche di essere un paese “accogliente” civile e che si preoccupa della “vita umana”… che paroloni e slogan meravigliosi ascoltiamo da anni dai signori buoni e bravi d’Italia, simili alle…. bufale dei social.., ci preoccupiamo di “salvare vite in mezzo al mare”, ci preoccupiamo se i minori stranieri hanno tutto e si nutrono, ci preoccupiamo di dare il cellulare e i vestiti a degli sconosciuti, ci preoccupiamo di spendere  2400 euro al mese per un minore sconosciuto perché ritenuto ” debole” e poi magari lo stesso minore,  tra qualche mese diventerà un candidato alla delinquenza e poi, restiamo indifferenti dinanzi al trascorrere della vita nella sofferenza di una povera anziana indigente, provvista solo di una cultura straordinaria sino all’inverosimile… ma con un gran difetto…è soprattutto un’italiana…e questo non va bene….che vergogna. Evidentemente la cultura di quella donna non era interessante al pari di quella africana…evidentemente…gli italiani si sono abituati ad altre culture, quelle dello stupro e delle pugnalate alle spalle sui treni..…  E’ davvero singolare che quando ci sono situazioni del genere tutti… spariscono…. tutti i radical chic, benpensanti, centri sociali e tutte le organizzazioni in magliette rosse e persino l’Anpi è sparita, trattandosi di un’anziana li ritenevo più sensibili…niente…non pervenuti…loro…Già i nostri anziani contano poco e non portano soldi alle cooperative.. eh no… loro possono morire, non ci preoccupiamo neanche di dargli uno schifo di casa popolare…neanche quello o farli vivere nelle case famiglia…niente da fare….le case in affitto sono destinate ai …migranti…Già i nostri anziani, e che anziani a volte ..visto il 110 e lode della sua laurea in matematica e la cattedra universitari che deteneva…la poverina. Noi italiani abbiamo altro da pensare, razzismo e fascismo sono i problemi prioritari poi per il resto c’è … come dice una nota pubblicità…per il resto c’è..”Igienic…card ”. Che bello bellissimo assai di paese è questo …chissà che direbbe Checco Zalone ?…  08112018

                                         by…manliominicucci…

 

Morta prima italiana che fece coming out

Da docente di matematica perse tutto e divenne clochard

CAMPANILISTA ? SICURAMENTE.. SÌ…

CAMPANILISTA ? SICURAMENTE.. SÌ…
Si lo confesso, sono campanilista e amante dell’Italia, si amo tutto quello che viene prodotto e fabbricato in Italia, non posso farci nulla, è da quando sono nato che mangio , bevo, parlo e ragiono italiano e dopo aver saputo, proprio ieri, che la nota azienda italiana, la Pernigotti di Novi Ligure, famosa in tutto il mondo per la produzione storica dei suoi gianduiotti e straordinari cioccolatini, ha chiuso i battenti perché prossima al fallimento, ed è ovvio che vedere che Amazon apre un punto vendita a Milano non è che mi faccia proprio star bene anzi mi “arrovella le budella”. Il solito sistema italiano di affossare l’economia nazionale a favore dello straniero, una volta si diceva che lo straniero non passava oggi invece non solo passa ma ci resta e fa affari, diventiamo sempre più esterofili e anti italiano, infatti ad Amazon non si rimproverano le condizioni di lavoro degli operai, gli orari e stipendi da morti di fame come si fa alle aziende italiane… curioso vero ? Curioso lo è ancor di più quando la sinistra italiana si scaglia sempre e solo contro gli imprenditori italiani, definendoli il più delle volte e ingiustamente “evasori fiscali” e poi, accetta tutto con semplicità irritante quello che fanno gli stranieri, proprio un paradosso, si lamentano dell’evasione fiscale di tanti imprenditori italiani caduti in disgrazia e poi ci si rallegra per l’ingresso di nuove strutture di origine straniera… che poi, se non fanno affari e le cose non vanno bene, con cinica lucidità faranno esattamente come la Pernigotti di oggi in mano ai turchi ..vanno via senza dare spiegazioni…e gli operai vanno in cassa integrazione…boh….! 08112018

by…manliominicucci…

 

Apre a Milano il pop up store di Amazon

Dal 16 al 26 novembre 500 mq di prodotti per il Natale

 

RISORSE….. BOLDRINIANE.. “IN ACTION”..

RISORSE….. BOLDRINIANE.. “IN ACTION”..
Ma questi proprio non rispettano neanche le loro madri e sorelle… forse.. non guardano in faccia nessuno, è come se avessero nel DNA la cattiveria e la malvagità infinita. Stuprano e uccidono senza motivo le nostre ragazze italiane, indipendentemente dalle questione di droga od altro, anche loro sono esseri umani, più deboli di altri e hanno tanto bisogno di aiuto ed invece c’è chi tra noi li ha condannate per giustificare e mascherare i loro crimini, azione malvagie degne solo delle bestie sataniche.
Ora, questo nuovo episodio….che motivo avevano per stuprare una loro connazionale e picchiare un ragazzo inerme? Due ragazzi che chiedevano solo ospitalità, non c’è che dire, siamo proprio di fronte a dei criminali senza precedenti, colpire delle persone così solo per il gusto di farlo è terrificante, auspicando sempre che non ci sia di mezzo la religione o altre sciocchezze del genere, ma con i migranti africani non c’è nulla di cui meravigliarsi… obiettivamente il bene e il buono in loro non l’ho mai visto e mi chiedo, dopo 30 anni che li conosco, se c’è veramente la possibilità di vederlo in alcuni di loro ..io purtroppo non l’ho mai ravvisato, forse sono stato sfortunato ma in verità dico che in loro non vedo mai l’amore cristiano al quale sono abituato. I nostri insegnamenti vertono proprio sui sentimenti di amore, pace, comprensione e rispetto… forse io non li vedo, ma voi ce li vedete in loro..? 07122018

by…manliominicucci…

 

Una sala operativa della polizia © ANSA

  • ANSA.it

  • Toscana

  • Perdono treno e chiedono aiuto, lei stuprata e lui picchiato

Perdono treno e chiedono aiuto, lei stuprata e lui picchiato

Ore da incubo per una coppia di stranieri ad Arezzo: lei violentata per ore, lui rasato a zero per sfregio

Lei minacciata con un coltello e violentata per ore e il suo fidanzato picchiato con un bastone per ridurlo in silenzio e rasato a zero per sfregio. E’ successo ad Arezzo dove una coppia di fidanzati nigeriani, dopo aver perso il treno, avrebbe chiesto ospitalità ad alcuni connazionali, sembra otto, trovati nei giardini di Campo Marte.

I due sarebbero stati accompagnati in una casa nella zona delle Ville di Monterchi e qui sarebbe iniziato per loro l’incubo.
Solo dopo alcune ore, secondo quanto riportato dai giornali locali, la coppia è riuscita a fuggire e si è presentata in questura denunciando il tutto. La squadra mobile ha avviato le indagini per ricostruire quanto successo e già quattro degli otto aggressori sarebbero stati individuati.

UN GRANDE CAMBIAMENTO…?

UN GRANDE CAMBIAMENTO…?
Forse è questo quello che veramente vogliono gli americani…?… Eletti finalmente gente “innovativa”, ci saranno delle deputate musulmani donne, un rappresentante del mondo diverso, quello del terzo sesso, e poi finalmente ci saranno più deputati che si batteranno per l’immigrazione . Mentre il senato, totalmente in mano a Trump, continuerà la sua lotta contro l’immigrazione selvaggia, per tutelare e difendere i diritti della famiglia tradizionale, e per fronteggiare la cosiddetta religione islamica che oramai è un incubo, non solo per gli americani ma anche per noi europei.
Infatti non riesco a collegare l’Islam col mondo gay e con l’integrazione di “infedeli” cristiani che arrivano dal centro e sud America. Quello che è accaduto in queste elezioni di medio termine hanno un significato di alto valore e cioè, che le società costruite sul modello tradizionale occidentale e cristiano non vanno bene, oggi si richiede un cambiamento globale però, curiosamente sono solo i paesi occidentali e progrediti economicamente che devono cambiare mentre quelli poveri o islamici devono continuare la loro storia senza interferenze alcune. Ora detto questo, tutte le belle parole e buoni intenti perché non si mettono in pratica nei tanti paesi esistenti nel mondo ? Perché non lo si fa in Cina o in Russia o in India o in tanti paesi islamici ? Perché lo si fa in Europa e nel nord America ? La risposta è semplice, la gente vuole la ricchezza degli altri e lo fa quando è appoggiata dall’interno di uno stato da organizzazioni apparentemente umanitarie ma in realtà per convinzione ideologica fa i suoi di interessi anziché quelli della intera comunità. È come dico sempre: “è bello fare il gay col culo degli altri”… specie quando poi si ha sempre la pappa pronta e le mutandine lavate dalla mamma…. vedete che gli USA per arrivare dove sono oggi ne hanno fatto di lotte…07112018
by …manliominicucci…
blob:https://static3.mediasetplay.mediaset.it/aaeeb3f3-335a-44d1-bcd4-eb953bd62613
Elezioni Midterm 2018, dalla musulmana al gay, i volti che potrebbero cambiare la storia degli Stati Uniti
7 NOVEMBRE 201812:43

Elezioni di Midterm, dalla profuga al rapper: i volti nuovi del Congresso | Record di donne alla Camera

Dalla più giovane eletta alle prime musulmane deputate: è boom di presenze femminili alla Camera

Dalla donna più giovane mai eletta al Congresso alle prime musulmane che diventano deputate americane, dall’ex rapper alla prima nativa americana omosessuale: sono solo alcuni dei volti nuovi emersi dalle elezioni di Midterm negli Stati Uniti. Alla Camera è record di donne: sono almeno 99 quelle che diventeranno deputate, numero che supera il precedente record di 84.

Alexandria Ocasio-Cortez (democratica) – Alexandria Ocasio-Cortez, con i suoi 29 anni, sarà la più giovane rappresentante del parlamento americano nella storia. E non si tratta di un’elezione di rappresentanza: la giovane di New York si è già distinta per le sue posizioni socialdemocratiche e la sua spinta al cambiamento. La Ocasio-Cortez, in questa particolare gara “di gioventù” batte anche Abby Finkenauer, anche lei 29enne e anche lei democratica, eletta nell’Iowa che però si “può consolare” col record di essere la prima rappresentante di quello stato a entrare alla Camera.

Le native americane – I democratici portano alla Camera anche le prime due native americane elette rappresentanti nella storia. Si tratta di Sharice Davids e Debra Haaland. Sharice Davids, una ex lottatrice di Mma (arti marziali miste), è anche la prima rappresentante apertamente gay dello stato del Kansas.

Le prime donne musulmane – Rashida Tlaib e Ilhan Omar, entrambe democratiche, diventeranno le prime donne musulmane a entrare nella camera bassa americana. I parenti della Tlaib, figlia di immigrati della Palestina, in Cisgiordania hanno salutato la notizia con un misto di orgoglio e speranza che sarà in grado di sfidare l’amministrazione degli Stati Uniti, ampiamente considerata ostile ai musulmani e alla causa palestinese. Omar è anche la prima somalo-americana a diventare rappresentante. E’ arrivata vent’anni fa negli Usa come rifugiata per fuggire dalla guerra civile nel suo Paese.

 Afp – La repubblicana Marsha Blackburn, 66 anni, diventerà la prima senatrice donna dello stato del Tennessee a non sostituire il marito

La prima iraniana – La democratica Anna Eskamani è la prima irano-americana a diventare rappresentante. La sua elezione in Florida arriva in un momento di forti tensioni tra Washington e Teheran.

La prima senatrice donna in Tennessee – La repubblicana Marsha Blackburn, 66 anni, diventerà la prima senatrice donna dello stato del Tennessee a non sostituire il marito.

Le prime ispaniche dal Texas – Veronica Escobar e Sylvia Garcia, entrambe democratiche, saranno le prime ispaniche a rappresentare alla Camera lo stato del Texas.

La prima governatrice del Sud Dakota – Kirsti Noem, repubblicana, dovrebbe diventare la prima governatrice del Sud Dakota.

Un ex rapper al Congresso – Antonio Delgado è passato da rapper ad avvocato aziendale prima di iniziare una carriera in politica. Laureato in giurisprudenza ad Harvard ha avuto una breve carriera nell’hip-hop a Los Angeles, dove con il nome “AD the Voice” si è battuto sui temi della disparità sociale.