Archivio Tag: by…manliominicucci…

DACCI OGGI LA NOSTRA STRAGE…QUOTIDIANA..

DACCI OGGI LA NOSTRA STRAGE…QUOTIDIANA..!

Lo so che sono sempre noioso e antipatico a denunciare a tutti, e soprattutto al Santo Padre, che i cristiani vengono continuamente massacrati dai fedeli di altra religione e più precisamente quella islamica, meglio conosciuti nel mondo occidentale come :  terroristi islamisti, islamici, fondamentalisti musulmani, jihadisti o semplici terroristi islamici. Scusatemi se non riesco a coniare un nuovo termine, più grazioso e meno lesivo per giustificare l’ennesima strage, ma che ci volete fare io sono un uomo… “povero ed ignorante” nel linguaggio a dispetto dei benpensanti e filosofi radical chic, loro sì che hanno le “capacità artistiche” di coniare termini.. graziosi e che fanno poco male all’apparato uditivo e alla “tromba di Eustachio”, terminologia appropriata e soft.. specie in TV, fa fare bella figura, spiace, ma non ho la capacità né la fantasia di tanti bravi scrittori della sinistra nella ricerca del termine di impatto delicato, lo confesso, sono un po’ dozzinale e  conosco ben pochi termini, oltre quello di terrorista islamico, per descrivere gli autori di crimini senza senso e senza nessuna logica. O meglio, la logica c’è ed chiara e palese per tutti tranne che per i ben pensanti e radical chic, infatti la logica delle stragi la ritroviamo nei dettami coranici, i quali impongo la sottomissione all’islam e la pena da espiare, anche della morte, per coloro che si sottraggono al dovere della conversione alla religione islamica. Ripeto, non sarò molto perspicace ma non mi risulta che “chi non vuol essere cristiano” ,  ( si prega di non confonderlo con la nota trasmissione televisiva ), nei paesi dove la religione cristiana è prevalente i musulmani siano vittime di attentati terroristici di diverso genere…o peggio vittime delle loro tradizioni ..non mi sembra proprio, anzi c’è da dire che i cristiani sono molto tolleranti e  aggiungiamo che l’attentato di qualche ora fa nelle Filippine arriva pochi giorni dopo il referendum che ha sancito la nascita di una provincia autonoma a maggioranza musulmana nel sud del Paese. Rammentiamo, per chi non fosse a conoscenza, che nel 2004 in seguito all’affondamento di un traghetto, per mano sempre degli islamici, perirono, affogando, ben 116 persone. Ora loro hanno una provincia islamica ma non sono contenti e secondo voi che necessità c’era di un nuovo attentato terroristico ? La risposta è chiara, col terrore loro vincono, lo hanno fatto in Svezia, in Olanda, in Belgio, in Gran Bretagna, in Francia, in Germania ed ora nelle Filippine ..poi sarà la volta del sud America e il cerchio comincerà a stringersi. Sarò poco simpatico ma lungimirante…la politica del terrore paga sempre, adottata dai militanti comunisti ha sempre funzionato e funzionerà anche per gli islamici ..statene certi, il terrorismo non cesserà  sino al compimento della missione religiosa globale ..I radical e benpensanti della sinistra europea, tra una decina d’anni.. dovranno fare i conti con il loro peggiore incubo e ancora non riescono a metabolizzare il vero dramma del futuro…chiamateli come volete il risultato non cambia per chi è …saltato in aria ed è morto per colpa di una bomba…o no …?  27

                          …by…manliominicucci.myblog.it

Filippine: bombe in chiesa, 19 morti

Una cinquantina di feriti nell’isola di Jolo

(ANSA) – MANILA, 27 GEN – Due bombe sono esplose davanti a una cattedrale nelle Filippine, sull’isola di Jolo, uccidendo almeno 19 persone e ferendone una cinquantina. L’attentato avviene a meno di una settimana dal referendum che ha sancito la creazione di una provincia autonoma a maggioranza musulmana nel sud. Le due esplosioni sono avvenute durante la Messa domenicale nella cattedrale. La prima bomba è scoppiata sulla porta, seguita da un’altra all’esterno dell’edificio, avvenuta quando già le forze governative stavano rispondendo all’attacco. Tra le vittime ci sono sia civili che militari. Foto diffuse sui social media mostrano i corpi delle vittime tra le macerie in una strada affollata, fuori dalla cattedrale di Nostra signora del Monte Carmelo, già bersaglio di bombe in passato. Truppe in assetto da guerra hanno transennato la strada principale che porta alla chiesa. I feriti più gravi sono stati trasportati in elicottero nella vicina città di Zamboanga. Rafforzata la vigilanza in tutti i luoghi di culto.

2015/2019….E IL RISPETTO .. DOV’È..?

2015/2019….E IL RISPETTO .. DOV’È..?
Siamo nel lontano 2015, quattro anni fa, nel link postato un vero esempio di “rispetto”, infatti gli ospiti che scappavano dalla guerra, dalla fame e da morte sicura, non trovano di meglio che ringraziare con gesti di affetto, amore, vera riconoscenza cristiana e soprattutto “rispetto” verso coloro che non solo li hanno accolti ma ospitati, sfamati e curati. Lo cito tra virgolette il termine in quanto in questi quattro anni ho sentito parlare molto di “rispetto”, a volte utilizzato in modo improprio ed inopportuno, a volte usato per le classiche strumentalizzazioni della sinistra radical chic. Quindi, se non si accolgono migranti e non si pensa ai problemi di tutti i popoli africani allora non si ha rispetto per loro, curioso vero.. mentre se al popolo italiano viene imposto, da una minoranza politica, una migrazione forzata e non voluta che crea disordine sociale, insicurezza, costi esorbitanti alla collettività e tanto malessere, nessuno ci chiede se il popolo viene rispettato. Come dire che del “rispetto del popolo” non se ne cura nessuno, l’importante è avere “rispetto” delle proprie ideologie ed applicarle. Già i radical chic sono bravi a parlare di “rispetto e anti razzismo” dimenticando che i primi e veri razzisti sono loro scagliandosi con violenza contro chi non la pensa come loro, con il sempre noioso, solito e stucchevole predicare bene purché i migranti stiano il più lontano possibile dalle loro case come a …”Capalbio” o dalle zone frequentate da …. loro. “RISPETTO”, egregi radical chic, sono io che pretendo rispetto per gli italiani che dormono in auto, per gli italiani che non possono rifarsi una protesi dentaria, per gli italiani che non possono curarsi e per i pensionati che vivono da dimenticati della società e per le italiane violentate e stuprate, ammazzate proprio da quella gente alla quale dovremmo portare “rispetto”, derubati e picchiate da quelle persone alle quali dovremmo portare rispetto, da volgari e criminali spacciatori di droga che s’incontrano nelle strade intenti ad avvelenare quotidianamente la vita dei nostri ragazzi. Ed io dovrei avere rispetto per quelle bestie ? No grazie, prima di rispettare gli altri esigo rispetto per me e per tutto il popolo italiano e soprattutto per l’Italia stessa. 27012019

…by… manliominicucci.myblog.it

 

Foto

MASCHIO…FEMMINA.. O “MEZZO E MEZZO” …?

 MASCHIO…FEMMINA.. O “MEZZO E MEZZO” …?

Una volta quando una donna partoriva la prima domanda naturale del padre e dei familiari era : maschio o femmina ? La risposta breve e precisa non lasciava dubbi in merito al quesito posto. Oggi ,per rispondere a questa domanda, quasi ..quasi.. bisogna riempire un modulo e scegliere tra le  diverse opzioni. Non lo so, mi vien da ridere… evidentemente appartengo ad un altro mondo, quello fatto di valori umani e  basato sulla logica naturale, quello fatto di genitori razionali di padri e madri normali come natura dispone ed ordina. Agli animali non si insegna il sesso, loro rispondono, reagiscono e lo praticano secondo i canoni “normalissimi” di madre natura e nessuno ha da lamentarsi da qualche milione di anni, mentre alcuni uomini e donne cosiddette aperte e civilissime, pervasi da illogiche e deviazioni mentali  e spinti dalla loro arroganza  pretendono di cambiare il corso della natura e decidere che non ci saranno più uomini o donne sebbene il sesso sia …”evidente” e già determinato.. Comincio davvero a  pensare che queste persone dalle “ampie vedute” abbiano dei seri problemi di riflessione e responsabilità, un po’ come i tossici o gli alcolizzati, vedono un mondo tutto loro fatto di storture  e in contrapposizione alla normalità . Questo non è né progresso né civiltà assoluta, ma è semplicemente puro fanatismo, frutto di una idea insana e malata, come anche quello di voler insegnare ai bambini cosa significhi essere gay o lesbiche come alternativa alla normale sessualità  mi pare un’assurdità bestiale ..siamo oramai alla follia pura…visto che certa gente la ospitiamo in TV a esporre queste schifezze come lezione scolastica a d alcuni bambini. Oggi il sesso e la droga e domani che ci sarà nella “quotidiana normalità” ? Forse che si potrà consumare un rapporto sessuale in pubblico ? Magari anche uno di tipo orale ?  Per mia fortuna  tra 50 anni  non ci sarò più e in verità sono anche felice visto la direzione che ha preso  il mondo, una strada per nulla piacevole e ricca di incognite che ci porta dritti… dritti… alla fine della civiltà.. Meditate gente…meditate…  ..26012019 …by…manliominicucci.myblog.it

Kate Hudson, mia figlia ‘genderless’

Attrice e compagno non sanno come sarà identificata

(ANSA) – NEW YORK 25 GEN – Kate Hudson e il compagno Danny Fujikawa cresceranno la loro figlia Rani Rose, nata lo scorso ottobre, come ‘genderless’. Lo ha detto la stessa attrice durante un’intervista e sottolineando che non sa con che sesso la piccola si identificherà. “Al momento – ha aggiunto – sembra incredibilmente femminile in fatto di energia, dei suoi suoni e modi”.
L’attrice ha già due figli maschi, di 17 e 14 anni, da due diverse precedenti relazioni. Le sue affermazioni vengono in un momento in cui alcuni stati americani, tra cui California, Washington e Oregon hanno annunciato leggi che danno la possibilità a chi non vuole identificarsi come maschio o femmina di scegliere una terza categoria sul certificato di nascita. La città di New York offre l’opzione X per chi non si identifica in un particolare sesso.

CHI LA DURA…LA VINCE…!

CHI LA DURA…LA VINCE…!
È un vecchio e saggio detto popolare, e a quanto pare i rivoltosi francesi in abiti gialli , ammirevoli per la loro coerenza e tenacia, tengono duro e non la danno vinta ad un presidente sempre più lontano dal suo popolo e purtroppo ancor più lontano dal comprenderne i veri significati della protesta popolare. Macron continua imperterrito nella sua strategia, ovvero quella  linea dura ed incomprensibile, certamente  così non si potrà andare avanti all’infinito, prima o poi bisogna anche stabilire dei compromessi con i rivoltosi, in definitiva il popolo chiede solo migliori condizioni di vita e se questo per lui, il suo governo e amici di partito sono argomenti inaccettabili allora vuol dire che si è proprio alla … frutta.. Non è possibile che anche oggi, per l’ennesimo “sabato francese” si siano registrati feriti a seguito di violenti scontri con la polizia, neanche si fosse in Venezuela… infatti uno dei leader dei “gilet gialli” è rimasto ferito ad un occhio, non è dato sapere la gravità della ferita ma non è una cosa piacevole leggere di gente ferita che combatte per dei diritti e questo irrita non solo i francesi ma qualunque uomo del mondo. La protesta di oggi, a differenza delle precedenti, aveva come obiettivo la permanenza nella famosa “Place de la Republique” di Parigi per tutta la notte, inaugurando la prima “notte gialla” di protesta…una manifestazione che voleva essere il proseguimento di quella pomeridiana. Che strano, proprio nel paese della rivoluzione, la culla della libertà ed eguaglianza e legalità, apprendiamo, con profondo rammarico, che quelli che sono i concetti fondamentali della repubblica francese sono andati a farsi….”benedire”. Ebbene che Macron e la commissione europea la smettano di opporsi al volere e alle necessità del popolo francese e mettano fine a quello che si sta dimostrando un regime più che in governo democratico, “allargassero i cordoni del …borsellino” e concedessero il giusto al popolo che chiede semplicemente una migliore vita.  In tutto questo fateci caso amici cari, i politici della sinistra italiana, un tempo pro Macron e contro la Le Pen.. tacciano…vergognosamente …tacciano da mesi, come avoler dire che del popolo a loro.. non gliene frega un tubo…. complimenti alla sinistra amante del …popolo…(a parole) .. Per conto mio Macron farebbe bene a lasciare l’Eliseo ed andare a lavorare in campagna a raccogliere patate e carciofi, lì imparerebbe cosa significhi lavorare per vivere e forse, dico forse, riuscirebbe a comprendere perché la gente protesta. Ma qui siamo sempre ai soliti discorsi, come diceva sempre il mio buon babbo : ” chi ha sempre la pancia piena non ha idea di cosa sia …la fame”. Devo aggiungere che aveva perfettamente ragione di dirmelo sempre perché solo chi ha fame può capire l’esigenza dell’affamato…. tanti auguri di pronta guarigione al leader dei 2gilet gialli” e un “ forza ragazzi francesi”, tantissimi italiani vi sono vicini. 26012019…by.. manliominicucci.myblog.it

Gilet gialli: scontri alla Bastiglia

Barriere in fiamme, la polizia risponde

(ANSA) – PARIGI, 26 GEN – Violenti scontri sono in corso alla Bastiglia, punto di incontro dei due principali cortei di gilet gialli di oggi, undicesimo atto della protesta a Parigi.
Persone vestite di nero, con il passamontagna, hanno preso d’assalto le strade attorno al quartiere, distruggendo barriere di cantieri e usandole come barricate. La polizia ha reagito dopo l’attacco di un’avanguardia di manifestanti guidati – secondo quanto riferito da partecipanti al corteo dei gilet gialli – da elementi di estrema destra e casseur. Una squadra di agenti antisommossa, spalleggiata da pompieri e una gigantesca ruspa, sta sgomberando rapidamente le barricate. Centinaia di gilet gialli sono stati fatti arretrare sulla piazza della Bastiglia, mentre i protagonisti dei disordini sono stati spinti più lontano.

GOLPE …MA QUALE…GOLPE…!

GOLPE …MA QUALE…GOLPE…!
Caro “Maduro”, quando in piazza ci va il popolo, e a milioni di individui, non si può e non si deve chiamarlo golpe, ma “democratica rivoluzione” contro una dittatura feroce che da anni lo massacra, lo affama e lo fa vivere nella povertà assoluta e priva di assistenza sanitaria. In democrazia le cose funzionano così, non è giusta la rivoluzione solo quando la fanno i comunisti contro un dittatore che sfrutta il suo popolo e la si fa per cambiare le cose, può anche esserci una rivoluzione del tutto democratica, come oggi in Venezuela, per abbattere il regime di un despota come te…caro Maduro. Sono anni che seguo te e il tuo paese, sono anni che denuncio il tuo atteggiamento nei confronti del popolo, non ci sono soldi, c’è fame, mentre tu, mi pare sia ben cicciottello e ben curato, c’è disoccupazione e tanta ma tanta ideologia comunista, oltre quello non c’è più niente. Che ci siano stati brogli alle ultime elezioni lo sanno anche i sassi di Caracas, Maduro ti attacchi ai consueti e soliti slogan della sinistra indottrinata anti americana per cercare di riempire le.. “pance dei cittadini”, ma la realtà è ben diversa e non a caso anche i paesi europei, tutti, ti hanno scaricato, quindi a questo punto, perché stare ancora in piedi e tenere un regime sanguinario appoggiato solo dalle forze armate e fedelissimi comunisti ? Loro si curano, il popolo no, loro mangiano, il popolo no, loro vivono nel lusso, il popolo no e allora, che razza di individuo sei se permetti che il tuo popolo viva di stenti e muoia di fame? Tutti, io no, hanno dimenticato le numerose emigrazioni di massa dei venezuelani verso i paesi limitrofi, anni fa scappavano dalla fame e dalle torture del regime di Maduro e cosa orrenda, ”nel silenzio totale di tutte le ONG mondiali, dell’ONU, e di tutti i partiti ed esponenti politici della sinistra europea…tutti in rigoroso silenzio…papa compreso “.. però, guarda caso, tutti attenti a quel che accade nel …Mediterraneo. Ho avuto modo si scambiare opinioni con gente che vive a Caracas e mi hanno raccontato scene apocalittiche e le colpe sono da attribuire a Maduro e al suo predecessore Chavez, prima, forse tanti non lo sanno, il Venezuela era lo stato più ricco del sud America, infatti galleggia nel petrolio.. patetico e ridicolo che ora facciano la fame.. Incredibile come si sia ridotto ed ora, quel ciarlatano continua ancora a minacciare e a far morire il suo popolo.. ammesso che lo consideri ancora tale… ne sono già morti 26 e chissà quanti ne moriranno ancora ma lui, sicuramente non mollerà il potere perché i comunisti sono così, professano democrazia ed uguaglianza ma loro non conoscono neanche il significato delle parole. Una persona di buon senso, vista la situazione di protesta generale in termini oceanici avrebbe preso le valigie e sarebbe andata in esilio in un bel paese comunista, ovviamente nel pieno rispetto della sua ideologia, in un paese comunista.. tipo Cuba o Vietnam o Corea del Nord…ma sappiamo come funzionano le cose con i “veri comunisti”, loro la vita di uguale agli altri e nella povertà non se la sognano neanche…è sempre stata una passione per i comunisti quello di avere il “conto corrente congruo da capitalista”….è una loro.. “peculiarità” ..e che ci volete fare cari amici miei, nel 2019 sento ancora parlare di comunisti e mi viene da piangere…forza Venezuela. Ti adoro..! 25012019 …by…manliominicucci.myblog.it

Caos in Venezuela: cosa sta succedendo dopo che Guaido si è autoproclamato presidente | Ultime news

Immagine di copertina

 Il 23 gennaio 2019 il leader dell’opposizione e capo dell’Assemblea nazionale Juan Guaido si è autoproclamato “presidente ad interim” del Venezuela, sfidando apertamente il capo di Stato Nicolas Maduro, che ha vinto le ultime elezioni.

In molti hanno contestato i risultati delle urne, accusando il governo di brogli. Guaido, “allievo” di Leopoldo Lopez  storico oppositore di Maduro, aveva invitato i cittadini venezuelani a protestare contro il presidente nel giorno dell’anniversario del colpo di Stato contro il dittatore Jimenez

Nella capitale Caracas sono scesi per strada anche i sostenitori del successore di Chavez e nel corso della giornata si sono registrati diversi scontri tra le forze dell’ordine e i manifestanti dell’opposizione.

Il presidente americano, Donald Trump, ha subito colto l’occasione per sferrare un duro colpo contro Maduro e ha riconosciuto il leader dell’opposizione venezuelana come presidente ad interim del paese.

Per tutta risposta, Maduro ha deciso di tagliare le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti dando 72  ore ai rappresentanti americani per lasciare il paese.

Dall’inizio della settimana ci sono stati numerosi scontri, che hanno già lasciato sul campo 26 morti e centinaia di arrestati, il Venezuela si trova sul baratro della guerra civile.

SEI BELLO E TI TIRANO LE PIETRE…

SEI BELLO E TI TIRANO LE PIETRE…
“Sei brutto ti tirano le pietre, comunque tu sarai.. sempre pietre in faccia prenderai”. È una strofa di una vecchia canzone di…… Antoine, anni ’70, tornata prepotentemente alla ribalta e alla memoria di ogni italiano che vive questo momento di politica nazionale ed europea al limite delle allucinazioni e della farsa. Infatti quello che accade è semplicemente incredibile… già, vediamo come stanno le cose. 2011, il presidente del governo in carica, regolarmente eletto dal popolo italiano, viene fatto fuori dalla nuova strategia finanziaria del XXI secolo, nello stesso anno i francesi abbattono Gheddafi, senza il consenso della unione europea, e inizia il caos nei paesi africani e prende il via l’immigrazione di clandestini verso l’Italia…ma solo verso l’Italia. Tante chiacchiere a livello europeo ma nulla di fatto per risolvere il grave ed enorme problema sbarchi, solo quattro soldini e tante promesse, nel frattempo si lasciano morire nella fame i cittadini europei della Grecia per sfamare quelli che arrivano dal mare, mi sembra “un’equazione del cavolo” ma per loro funziona. Arriviamo ai giorni nostri, la gente è stanca, provata, stressata, affamata e impaurita da tanti clandestini e ovviamente vota a chi promette un cambio di marcia. Il cambio c’è, ma ora arrivano i giudizi e sentenze : “un governo che istiga all’odio razziale”… solo perché non fa più quello che facevano i precedenti governi di sinistra, ovvero urlare in casa e poi proni alla commissione europea.. il popolo italiano diventa la vittima sacrificale pur di accettare tutte le imposizioni economiche di Bruxelles, Macron il francese, che ci tratta come se fossimo dei pidocchiosi e la commissione europea non ha nulla da dire o da rimproverare… non si toccano i potenti. Probabilmente starò sbagliando, ma dopo gli accordi franco-tedesco dell’Europa resta ben poco e sarebbe intelligente uscirsene… finché abbiamo ancora un po’ di vita. Oggi il presidente della BCE, Draghi, ha detto che non vede una recessione ma non ci sarà la tanto desiderata crescita, io rispondo : ma come, dopo 11 anni di fame non ci dici che ci sarà la ripresa ? E che diavolo ci stanno a fare a Bruxelles tutti questi professoroni ? Credo che si stava molto meglio prima, magari mi sbaglio, però prima si viveva bene e soprattutto sicuri, senza stupri, donne fatte a pezzi o ammazzate. E siamo noi il paese col governo che incita all’odio ? 25012019

…by… manliominicucci.myblog.it

Strasburgo,politici Italia incitano odio

Duro rapporto Assemblea Consiglio d’Europa, respinti emendamenti

(ANSA) – STRASBURGO, 24 GEN – Un aumento dell’incitamento all’odio da parte dei politici, e del razzismo e xenofobia nel discorso pubblico, particolarmente nei media e su internet preoccupa l’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. È scritto nel rapporto di monitoraggio sull’Italia votato a Strasburgo, e che la delegazione italiana, bipartisan, voleva cambiare con emendamenti tutti però rigettati. Nella relazione su cui si basa il rapporto si esprime preoccupazione anche per la chiusura dei porti italiani ai migranti. (ANSA).

UN ALTRO APPELLO …? PER PIACERE..NO..!

UN ALTRO APPELLO …? PER PIACERE..NO..!

Spero proprio di no ma a quanto pare sembra che ne stiano “partorendo” uno nuovo, promosso niente popò di meno che da Camilleri, ricchissimo scrittore e uomo di sinistra e lui ..il “magnifico toscano” che vive negli hotel a 5 stelle lusso ma è sempre uomo di sinistra, probabilmente sarà identico a quello del 2004, appello ricordiamolo, sottoscritto da tanti radical chic della sinistra e tutti pro terrorista Cesare Battisti . Però prima sarà utile e necessario ricordare i nomi di quei tanti bravi ideologi e “furbi” signori che hanno aderito all’appello sottoscrivendolo ..cioè “apponendoci la firma”, le loro motivazioni e poi le loro curiose  “retromarce veloci” quando il business  li hanno minacciati, già perché come Vauro anche Saviano fece retromarcia quando nel 2009 divenne famoso  per il suo film e libro Gomorra,.. però senza chiedere scusa alle vittime dell’assassino brigatista Battisti. Tra i firmatari che 13 anni fa si schierarono a favore “dell’intellettuale terrorista”, uomo “arguto e profondo” c’erano scrittori e artisti di rilievo come il collettivo Wu Ming, Valerio Evangelisti, Massimo Carlotto, Tiziano Scarpa, Nanni Balestrini, Daniel Pennac, Giuseppe Genna, Giorgio Agamben, Girolamo De Michele, “il vignettista Vauro”, Lello Voce, Pino Cacucci, Christian Raimo, Sandrone Dazieri, Loredana Lipperini, Marco Philopat, Gianfranco Manfredi, Laura Grimaldi, Antonio Moresco, Carla Benedetti, Stefano Tassinari.. Tra i firmatari del 2004,  figurava anche un giovane sconosciuto 24enne napoletano, di nome Roberto Saviano che non aveva ancora subito “le minacce di morte” dalla camorra, non è dato sapere in che anno le abbia ricevuto, sta di fatto che il furbetto si era accodato per sperare di diventare famoso. Cosa succede nel 2006 ?  Succede che Saviano raggiunge  la fama e il successo con un romanzo, Gomorra , e nel 2009, quando la sua fama esplode, da freddo calcolatore corre a ritirare la firma dall’appello pro Battisti, motivando la sua decisione con queste imbarazzanti parole: << “Mi segnalano la mia firma in un appello per Cesare Battisti  finita.. lì per chissà quali strade del web…. qualcuno mi mostra quel testo, lo leggo, vedo la mia firma ma non ne so abbastanza di questa vicenda …Chiedo quindi di togliere il mio nome, per rispetto a tutte le vittime” >>.Ok, li abbiamo ricordati dopo 15 anni e tutti sono spariti e nessuno ha avuto il coraggio di chiedere perdono alle vittime e al popolo italiano. Ora si vuol fare un nuovo appello per i migranti, bene , ma tra 15 o 20 anni quando il nostro paese pagherà le ovvie e logiche conseguenze di un immigrazione insostenibile economicamente che farete signori sottoscrittori ? Vi avviso, le scuse tra 20 anni non saranno sufficienti, ammesso che l’Italia ci sia ancora così come la conosciamo oggi, perché io sento parlare di accoglienza ma non sento nessuno dei radical chic intellettuali o di governo disposti a metterci i loro soldi e rinunciare ai lauti compensi. Quindi che si fa cari signori, facciamo sempre accoglienza indiscriminata con i soldi degli altri mentre voi predicate amore e fate i belli o meglio come si dice in Toscana “gli splendidi” ? Due giorni fa c’è stato un clamoroso furto in casa di un radical chic della sinistra nonché ex sindaco di Milano, si l’accogliente e bravo Pisapia…dalla sua “modesta e povera casetta” di uomo della povera sinistra italiana sono stati portati via “ben 300.000, 00 euro” di preziosi, già 3000.00,00 euro alla portata di tutti i …cittadini italiani, specie quelli populisti e razzisti.. Riflessione d’obbligo, evidentemente le case dei comunisti non sono poi così povere come quelle dei cittadini italiani, anzi, devo dire che molti italiani la casa non ce l’hanno neanche, ..ma quella è un’altra storia. Ecco caro compagno Pisapia, corri anche tu a firmare insieme a Benigni, Saviano, Camilleri e Vauro.. il nuovo appello contro le stragi nel Mediterraneo… andate… formate proprio una bella squadra, però se dopo si scopre che le ONG e gli scafisti e qualche “intrallazzaro del mondo di mezzo” vengono inquisiti o arrestati perché legati tra loro nel malaffare.. che fate ? Ritirate le firme e chiedete perdono, ovviamente pagando i danni o fate come quelli del 2004  che non hanno pagato niente e ignorato la supplica del perdono ? 25012019 …by…manliominicuccui.myblog.it

Da Camilleri a Benigni appello migranti

Non Siamo Pesci promosso da Manconi e Veronesi

(ANSA) – ROMA, 25 GEN – Da Andrea Camilleri a Roberto Benigni, da Matteo Garrone a Niccolò Ammaniti: sono oltre seicento le adesioni del mondo della cultura, dello spettacolo, della musica e dello sport che in queste ore stanno firmano l’appello, promosso da Luigi Manconi e Sandro Veronesi con il collettivo #corpi, NON SIAMO PESCI.
Nell’appello si chiede di istituire subito una commissione parlamentare di inchiesta sulle stragi nel Mediterraneo e di realizzare una missione in Libia. Si chiede inoltre al Governo di offrire un porto sicuro in Italia alla Sea Watch, che sabato scorso ha salvato 47 persone ripristinando il rispetto delle leggi e delle convenzioni internazionali, e soprattutto del senso della giustizia. A cominciare con il consentire alle navi militari e alle Ong che salvano le vite in mare di poter intervenire. Si vuole ricordare a tutti gli Stati europei che la redistribuzione dei migranti si fa a terra e non in mare. A Piazza Montecitorio, lunedì 28 gennaio alle 17, l’appuntamento per dare visibilità alla protesta

MA LE ACQUE TERRITORIALI SONO NOSTRE O DELLE ONG ?

MA LE ACQUE TERRITORIALI SONO NOSTRE O DELLE ONG ?

“Arrivata la tempesta odo i volontari delle ONG  far festa e  la nave Sea Watch che  fa ritorno sulla via dei  porti italiani”, no ..non vuol essere un parodia della famosa poesia del nobile Giacomo Leopardi, ma prendo spunto da quell’opera per via di tante similitudini. Qui siamo nuovamente allo scontro, da una parte ci sono le ONG, a quanto pare potentissime, e dall’altra c’è un ministro della repubblica italiana, che eletto dal popolo italiano e sulla base della precisa volontà popolare svolge il suo mandato, ovvero anche quello di bloccare l’immigrazione incontrollata e garantire più sicurezza ai cittadini, se così non fosse, non riuscirei  a comprendere il fallimento elettorale dei partiti di sinistra. Apprendiamo che l’ennesima nave delle ONG con 47 migranti a bordo  è al largo di Lampedusa mentre imperversa una probabile quanto insolita tempesta nel Mediterraneo che preoccupa tutti  e curiosamente, molto stranamente direi, ne è arrivata in contemporanea un’altra… di carattere giudiziario, infatti,  è  notizia di oggi che il Tribunale dei ministri di Catania ha chiesto l’autorizzazione a procedere contro il ministro Salvini per la questione della nave Diciotti di qualche mese fa. Ok, la legge è legge e bisogna rispettarla, ma la legge è legge anche per le navi ONG e non ci si può celare dietro dei migranti per fare il comodo proprio e i propri affari, l’arrivo delle navi ONG nelle acque territoriali italiane o nei porti è una palese violazione e sfida a all’autorità italiana, e si sentono autorizzati a farlo perché supportati da  stampa, TV, partiti di sinistra e chiesa cattolica compresa. Bene, per un attimo voglio vedere la situazione dall’angolatura dei “volontari salvatori di vite”, ammettiamo che loro vadano a Palermo o a Napoli, dove li attendono i due “meravigliosi sindaci”, e diamo anche per scontato che il ministro Salvini venga indagato, avremmo una situazione a dir poco fantastica e favorevole per riprendere gli sbarchi a migliaia di persone al giorno, ripristinare tutti i centri di accoglienza e continuare sulla linea politica di “mafia capitale” di Salvatore Buzzi e il suo “mondo di mezzo”. Forse questo i pro immigrati, radical chic evidentemente l’hanno già dimenticato…..Torniamo dalla mia parte e vediamo le cose con serenità, tanti non riescono a comprendere che l’immigrazione a tutti i costi non è un gesto di bontà o di umanità, quella gente non si trova in mezzo al mare perché naufraga di un  traghetto che affonda ma ci sono perché vogliono vivere in un contesto comodo e diverso dal loro, perché loro non sono capaci di crearsi quel contesto e lo vediamo come si comportano da noi, spiace dirlo ma non è che siano esempi di civiltà e in questo la povertà non c’entra nulla. E’ ovvio che qui si sta giocando una partita “pericolosissima” e stiamo attenti a non impedire che si venga invasi perché poi, mandarli indietro, come dimostrano i fatti reali, è molto difficile e questa gente, sarà tutta gente destinata a delinquere perché l’Italia, a parte le tante chiacchiere, non è in grado di assicurare loro un futuro. Sono anni che vado predicando in tal senso ma forse non urlo abbastanza oppure come penso io i soldi sono più importanti degli esseri umani, altrimenti non si spiegherebbero tanto disinteresse verso i clochard e i poveri italiani che dormono in auto…con le famiglie ..eh ..no.. Ho sentito in questi giorni evocare il “processo di Norimberga”, assurdo….. semplicemente  assurdo che si voglia a tutti i costi arrivare alla guerra civile…e già, nessuno ci pensa ma tutti gli elementi stanno entrando nel pentolone della violenza, ma cosa c’entra il nazismo con tutto questo ? Ho l’impressione che gli slogan stiano cambiando marcia e senso pur di convincerci all’accoglienza ….. e a far trionfare l’illegalità.. 24012019 …by…manliominicucci.myblog.it

Migranti, Salvini: ‘Seawatch verso Italia, è provocazione’

‘Ribadisco che la nostra linea non cambia, né cambierà. Nessuno sbarcherà in Italia’. ‘ Ci stiamo spostando per l’arrivo di un ciclone’ dice l’organizzazione

Ennesima provocazione in vista: dopo aver sostato per giorni in acque maltesi, la nave olandese Sea Watch3 con 47 a bordo si sta dirigendo verso l’Italia. Ribadisco che la nostra linea non cambia, né cambierà. Nessuno sbarcherà in Italia. Pronti a mandare medicine, viveri e ciò che dovesse servire ma i porti italiani sono e resteranno chiusi”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

La nave trasporta 47 persone soccorse alcuni giorni fa e si trova in acque internazionali al largo di Lampedusa, in condizioni meteorologiche sfavorevoli.

“Sul nostro mare si sta abbattendo un ciclone mediterraneo, fenomeno meteo piuttosto raro con onde di 7 metri, pioggia e vento gelido. #SeaWatch sta navigando in questa tempesta cercando un riparo con a bordo 47 naufraghi soccorsi sabato scorso”. Lo scrive Sea Watch su twitter, motivando così gli spostamenti della nave nelle ultime ore.

 

 

Video incorporato

Sul nostro mare si sta abbattendo un ciclone mediterraneo, fenomeno meteo piuttosto raro con onde di 7 metri, pioggia e vento gelido. sta navigando in questa tempesta cercando un riparo con a bordo 47 naufraghi soccorsi sabato scorso.

CHISSÀ SE LA ON. DI LEU È AL CORRENTE ?

CHISSÀ SE LA ON. DI LEU È AL CORRENTE ?
E già, oggi abbiamo assistito all’eroico gesto di forza della deputata di LeU, quella che si è posizionata dinanzi al bus che aveva a bordo i migranti a Castelnuovo di Porto, lei ha inscenato una di quelle bellissime pantomime colme di amore ed interesse per l’essere umano, dimostrando che per loro, i sinistri, il migrante viene prima di tutti, si non solo degli italiani che dormono in auto e al freddo ma anche prima dei clochard e di tanti poveri disgraziati che non hanno avuto la fortuna di essere accolti nei centri d’accoglienza per migranti. A volte la vita riserva sorprese veramente incredibili, addirittura una deputata del parlamento italiano che invece di preoccuparsi dei suoi cittadini, che tra l’altro le pagano lo stipendio, fa la moralista e la solidale al mattino mentre la seta, dopo solo qualche ora, un povero disgraziato dell’est Europa muore assiderato su una panchina della capitale. Cioè, una roba che verrebbe voglia proprio di chiedere a quella “donna meravigliosa” anti bus, se non prova vergogna ad aver difeso delle persone che non hanno diritti ma vengono mantenuti lo stesso ed aver incredibilmente ignorato quel povero uomo. Cara deputata, ma se non c’erano i giornalisti e le TV ci saresti andata lo stesso ? Poi, se veramente ci tieni a quegli immigrati, potevi tranquillamente portarteli a casa e magari dividerli con i tuoi colleghi oppure, pensa un po’te…pagare un hotel a tre o quattro stelle e metterli al caldo lì…eh..no… già…voi siete buoni solo se sono gli altri a pagare ma quando si tratta di uscir soldi o di portarveli a casa o mantenerli non se ne parla proprio…. L’ipocrisia che regna nel mondo ideologico della sinistra oramai è nota a tutti…siete patetici..fate tutto solo per volgare sensazionalismo.. Vergognatevi, giocate sempre con le vite degli altri…Se li volete, portateveli a casa e manteneteli, così dimostrate realmente amore per chi scappa dalla fame e dalla guerra…o no…? 23012019 …by… manliominicucci.myblog.it

Roma, clochard trovato morto nel parco della Resistenza: è il quinto dall’inizio dell’anno. La Caritas: “Inaccettabile”

Roma, clochard trovato morto nel parco della Resistenza: è il quinto dall'inizio dell'anno. La Caritas: "Inaccettabile"

Ieri mattina un altro senzatetto è stato trovato senza vita in un’area verde alle spalle di un’edicola in piazza Irnerio. Il corpo di un senza fissa dimora è stato trovato stamattina nel Parco della resistenza a Roma. Era riverso a terra nei pressi del suo giaciglio di fortuna. L’uomo sarebbe morto verosimilmente nella notte per il freddo. Non sono stati riscontrati segni di violenza. Nei pressi del cadavere c’erano alcune bottiglie di super alcolici. “È un’umiliazione, è inaccettabile a partire da me che ci possano essere a Roma ancora situazioni simili”, ha detto il direttore della Caritas di Roma, don Benoni Ambarus, che proprio oggi ha presentato il Rapporto sul disagio sociale in città. “Quando uscì il piano freddo del Comune sapendo bene la situazione della gente che abita per la strada abbiamo provato a fare uno sforzo in più, allestendo al volisssimo 150 posti in più come a dire, noi facciamo uno sforzo in più, chiediamo a tutti uno sforzo in più”, ha aggiunto.

L’uomo trovato morto oggi è il decimo senzatetto morto a Roma da quando è iniziato l’inverno. Ieri mattina un altro clochard è stato trovato senza vita in un’area verde alle spalle di una edicola nella Capitale. Anche in quel caso si ipotizza un decesso per cause naturali legato al freddo.Lo scorso due gennaio invece aveva perso la vita a causa del freddo Beniamino, un polacco di 50 anni, il corpo era su una panchina di piazza Lotto, a Tor Marancia. Mentre risale al 30 dicembre il decesso di Davide, “il clochard colto” trovato morto, molto probabilmente anche lui stroncato dal freddo, in via Peano, in zona Marconi.

Il 4 gennaio un senzatetto è stato trovato morto, sempre sulle sponde del Tevere, anche in questo caso si ipotizza che sia stato stroncato dall’ondata di gelo che in quei giorni aveva colpito la Capitale.

Nella notte del 7 gennaio in corso d’Italia, in pieno centro un’auto pirata ha falciato e ucciso Nereo, un senzatetto che viveva in zona. La sua morte ha suscitato una forte ondata di commozione e una gara di solidarietà per adottare Lilla, il suo inseparabile cane.  L’8 gennaio, un’altra persona senza fissa dimora è stata trovata cadavere sotto ponte Sublicio, a Testaccio, col suo giaciglio andato in fiamme.

rep

“È urgente trovare soluzioni a partire da quella che la nostra città si doti di altre strutture di ricovero permanenti. In assenza di quelle soluzioni strutturali che sono necessarie e che continuiamo a sollecitare da tempo, in queste ore va affrontata quella che appare una vera e propria emergenza. La situazione che troviamo nelle strade, monitorata anche dai volontari della Croce Rossa che cercano di fare il possibile per portare aiuto, è drammatica.O si prende atto che quella delle persone senza dimora è una situazione da risolvere e gli si dà priorità cercando le risorse e le soluzioni o rischiamo di fare, soprattutto quando fa freddo di notte una tragica conta delle vittime, nonostante gli sforzi fatti per affrontare l’emergenza freddo”, ha commentato Debora Diodati, Presidente della Croce Rossa di RomaLo scorso giovedì ha suscitato polemiche lo sgombero di un piccolo accampamento di clochard a San Lorenzo, con i residenti che hanno raccontato che i vigili e operatori Ama hanno buttato via anche le coperte dei senzatetto.

MA POI CHI E’ CHE PAGA REALMENTE.. ?

 MA POI CHI E’ CHE PAGA REALMENTE.. ?

E’ polemica dura ed accesa tra il Codacons e la federazione dei medici italiani  e circa duemila medici. Secondo il Codacons, nel nostro paese sono a libro paga della Glaxo e da qualche altra azienda farmaceutica internazionale ben 2000 professionisti della …salute. Il Codacons afferma che la Glaxo-Smith –Kline, avrebbe “corrisposto ben 11 milioni di euro nel 2015, (governo Renzi) per poi arrivare a 15 milioni nel 2017 (governo Gentiloni) e poi ancor più sorprendente è che tra i beneficiari delle elargizioni si legge anche il nome dell’Istituto superiore di sanità, che avrebbe ricevuto €  93.940,00 nel 2017, presidente, ricordiamolo, era il prof. Gualtiero Ricci, sostituito il 20.12.2017, denaro ricevuto per “servizi e consulenze”, ma di che.. stiamo parlando ? Cioè, se ho ben capito l’ISS becca soldi dalle aziende farmaceutiche per la sua “preziosa consulenza” ..mettiamola così. Non lo so, forse faccio male a pensar male, però tutto mi sembra così strano che stento a credere che un’azienda farmaceutica paghi un’organizzazione di uno stato per…una semplice consulenza. E va bene cosi lo stesso, però, guarda caso anche i medici li beccano i soldini, stante le dichiarazioni del Codacons, e anche qui siamo nel campo delle consulenze però qui parliamo di patologie dei loro pazienti, cioè, significa che un medico fornisce informazioni dei propri pazienti ad una azienda farmaceutica a pagamento, ovvero, i miei dati sulle mie patologie vengono trasmessi alle aziende e io non becco un centesimo…però ci sanno fare medici e aziende farmaceutiche. Ho deciso di denunciare questo “oscuro business” perché su Radio1 delle 18,00 è andata in onda la solita trasmissione radiofonica, “Italia sotto inchiesta” di Emanuela Falcetti, presenti un responsabile del Codacons, che denunciava 2000 medici, presunti beneficiari delle “donazioni farmaceutiche”, e il neo eletto presidente della FNONCEO, Filippo Anelli, già presidente dell’ordine dei medici di Bari. Dal dibattito è emerso che il povero Filippo Anelli era ignaro che tanti medici avessero questo tipo di benefici e non manifestava l’intenzione di indagare in quanto, a lui non è mai pervenuta una…segnalazione. Caro nuovo presidente, parti male e inizi malissimo il tuo mandato, a Brescia è polemica per ben 5 medici, come a Benevento, Avellino, Caserta, Napoli e Salerno e mi fermo qui per ovvi motivi di spazio e dici di non saper niente ? Quindi signori medici fateci capire come stanno le cose, cioè, voi registrate le varie patologie dei vostri pazienti con dati anagrafici e li spedite e consegnate alle aziende farmaceutiche in cambio di “sussidi” ? Cari medici, vi rammento che quelli sono dati sensibili, quindi cerchiamo subito di capirci, denunciate le mele marce alle autorità competenti, se ce ne sono ovviamente, presenti nell’ordine della vostra provincia oppure, denunciate il Codacons perché getta discredito sulla vostra categoria. Io posso solo denunciare all’opinione pubblica il grave sospetto, poi però tocca alle parti dimostrarlo, o innocenza o colpevolezza ma un fatto è certo, la televisione e stampa non ne parlano… silenzio assoluto…la mafia bianca è nuovamente in azione ?  Questo voler nascondere è più che un semplice sospetto, auspico l’intervento della magistratura. 23012019 …by…manliominicucci.myblog.it

Il Codacons pubblica la lista dei medici italiani finanziati dalle aziende farmaceutiche. I medici: “Caccia alle streghe”

Immagine di copertina

Il Codacons ha pubblicato una lista di medici italiani e di fondazioni, università e istituti finanziati dalla casa farmaceutica Glaxo-Smith-Kline. L’associazione dei consumatori, spesso criticata per le sue posizioni su temi quali i vaccini, ha annunciato che inoltrerà questo elenco all’Anac, l’autorità anti-corruzione.

La Glaxo-smith-Kline ha reso noti gli elenchi dei medici italiani che dal 2015 al 2017 hanno ricevuto finanziamenti (a titolo di servizi, consulenze, eventi vari), come richiesto dalla Efpia (la European federation of pharmaceutical industries and associations), che riunisce le case farmaceutiche europee

Secondo il codacons Glaxo-Smith -Kline ha elargito 11 milioni di euro nel 2015, per poi arrivare a 15 milioni nel 2017. Tra le organizzazioni si legge il nome dell’Istituto superiore di sanità, che avrebbe ricevuto 93.940,00 euro nel 2017 per “servizi e consulenze”.

“Appare quanto meno inopportuno, infatti, che l’organo tecnico-scientifico del servizio sanitario nazionale rientri nella lista, e sarebbe davvero il caso di spiegare le ragioni di questi trasferimenti”, scrive il Codacons.

 Per conoscere la lista pubblicata dal Codacons bisogna iscriversi all’associazione.

Dura la replica dell’Ordine dei medici. “Mi pare un’altra caccia alla streghe che rischia di rovinare il nostro rapporto con i malati”, ha detto Francesco Noce, presidente regionale della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo) Veneto al Corriere della Sera, che ricorda che “sono le case farmaceutiche a finanziare la ricerca”.