fatti di vita e politica nazionale e d internazionale

2002 D.C. ….STORIA DI UNA DITTATURA……!

2002 D.C.  ….STORIA DI UNA DITTATURA……!

Mi hanno insegnato che le chiacchiere stanno a zero e non sono mai applicabili e quel che conta sono i fatti. E purtroppo i fatti dicono che dal 2002, anno di entrata in vigore dell’unione europea, le cose vanno malissimo per il nostro paese, è certamente colpa nostra se spendiamo più di quanto possiamo ma questo è un altro discorso che affronteremo più avanti ora soffermiamoci sulle questione europea. Ma cosa me ne faccio di un’organizzazione che impone sangue e sacrifici ad un paese alla fame, con la pessima prospettiva che se si continua a tagliare sui servizi sociali saremo a livello della Grecia tra un paio di anni al massimo. È sbagliato, è stato un errore avallare la politica di austerità voluta dalla commissione europea il cui intento non sembra benefico ovvero quello di sollevare l’economia dei paesi dell’Unione ma di affondarli economicamente. I fatti sono questi, nel 2001 i nostri soldi avevano un valore e i pensionati non facevano la spesa nei cassonetti della pattumiera e non c’erano, cosa molto importante, quasi sei milioni di poveri. La bocciatura del nostro Def è la fine dell’Europa perché da ora tutti gli stati capiranno che da oggi si fa come vogliono….i mercati…o così o così…addio sovranità e addio libertà, siamo nella nuova dittatura del XXI secolo…dove il dittatore è colui che ha più soldi. Forse ora i compagni e Prodi saranno contenti di aver svenduto l’Italia alla Germania e Francia ma il peggio, secondo me, deve ancora venire.. Per risolvere i problemi legati al debito pubblico e alla disoccupazione sarebbe sufficiente mettere in pratica il programma di LDC, ma a quanto pare non interessa a nessuno e allora…. lasciatelo nel cassetto e continuate a tagliare sui servizi e a mantenere un sistema burocratico che succhia solo soldi pubblici a danno della collettività… 23102018

by….manlio minicucci

 © AP

La Ue boccia la manovra

             Nuova dovrà arrivare entro tre settimane

La Commissione Ue ha deciso di respingere il Documento programmatico di bilancio italiano e di chiederne uno nuovo, che dovrà essere inviato entro tre settimane a Bruxelles.

RAZZISMO A …….QUATTRO ZAMPE….?

RAZZISMO  A…… QUATTRO ZAMPE….?

Curioso che la signorina indiana, vittima di un gesto razzista  sia la presidente di una Onlus, forse necessitano di soldi  e probabilmente li sta cercando per la sua organizzazione e questo è il metodo che si è inventato ? Conia la solita storiella del razzismo e ora, ci spera, vuole pubblicità in televisione e sui social .. Spiace, ma stavolta credo che non ne avrà così tanta risonanza… per due motivi, il primo è che il suo racconto fa acqua da tutte le parti, infatti nessuno oltre il controllore , regolarmente autorizzato, ha diritto a chiedere il biglietto del viaggio ad un libera viaggiatrice, secondo, la signorina non è sufficientemente scura e lei, forse non lo sa, ma le indiane piacciono a tutti gli italiani e sono anche tanto ben voluti. Quindi egregia signorina, quello di  ” non voler stare vicino ad una negra” secondo me, è una sua invenzione finalizzata solo ad ottenere pubblicità gratuita e la televisione per chissà quali sporchi fini ed interessi . Ricorda la ragazza di Venezia e del posto di lavoro ? Beh, ora quell’articolo si è esaurito e la bufala del razzismo non tira più in televisione e poi, le dico sinceramente che persone come lei che urlano al razzismo nel paese che la ha ospitata è vergognoso e provocatorio. Non credo neanche ad una virgola del suo racconto “farlocco e bugiardo”, anche perché quando succedono queste cose non sono mai supportate da video o racconti testimoniali come quando i capotreno invitano alcuni passeggeri, migranti e negri o zingari, a scendere perché sprovvisti di biglietti. Smettetela perché così si innesca l’odio, se realmente è successa una cosa del genere, fate come le nostre donne quando subiscono gli stupri e le violenze dai migranti, denunciate alla polizia  e non pubblicizzate la cosa sui social proprio per non creare ulteriori attriti e odio tra le comunità esistenti, odio che potrebbe causare incidenti e altre vittime innocenti.. Già,  voi a queste cose non ci pensate mai, vi fa comodo giocare con la vita delle persone sul “razzismo farlocco” anche perché sanno già che alcuni movimenti politici.. “ci inzuppano il pane”… Se lei poi, si sente stretta in questo paese e ci ritiene razzisti, beh, allora… può sempre tornarsene in India dove sicuramente troverebbe tanta libertà ed eguaglianza che in Italia non trova, però, una mia considerazione, a guardarla sulla foto postata, proprio le manca tantissimo per essere considerata nera …..    22102018

by …Manlio Minicucci

La foto di Shanti postata su facebook dalla mamma © ANSA

 

La foto di Shanti postata su facebook dalla mamma © ANSA

Non sto vicino a una nera”, razzismo sul treno

La denuncia di una madre su Fb, ‘il futuro è della diversità’

“Non voglio stare vicino ad una negra”. L’ennesimo episodio di razzismo si è consumato ieri sul Frecciarossa Milano-Trieste ai danni di una ragazza di 23 anni, Shanti, di origine indiana. A denunciarlo la madre in un post su Facebook. “Ieri pomeriggio accompagnato mia figlia in stazione centrale a Milano e ha preso il Frecciarossa in direzione Trieste. Poco dopo mi manda quest

LE VERITÀ DEL BUON PAPA..

LE VERITÀ DEL BUON PAPA..
Quello buono e non quello “farlocco”, già, ne abbiamo due di papa, uno vero e religioso e uno politicante di sinistra e pro islamico, due soggetti che del loro potere ne hanno fatto uno uso strumentale e diverso, molto differente nell’operato e nella comunicazione. Il precedente papa,  lo è per davvero una persona umile e difensore dei veri valori cristiani e della chiesa romana, un punto di riferimento per tutti i cristiani nel mondo e mai, dico mai, si è permesso di offendere Cristo né di venir meno ai suoi insegnamenti o di rinnegare le sue parole, al contrario l’altro, Bergoglio, si è sempre prodigato per la difesa e tutela dei migranti, senza il necessario distinguo tra di loro, dell’Islam e dei musulmani sia in Europa che soprattutto in Asia, dimenticando i cristiani vittime dei musulmani nei paesi islamici, delle chiese bruciate in giro per il mondo come non ultimo, offendere la parola di Cristo nel baciare il libro di un presunto profeta, il Corano, e omaggiando Maometto, un volgare pedofilo e criminale come un profeta. Come anche avallare i matrimoni gay e non aver mai preso una posizione chiara di assoluto rifiuto a quello che è un rapporto innaturale e che deve rimanere fuori dalle linee guida della chiesa. I gay se vogliono possono utilizzare la voce “unione civile” perché il matrimonio è riservato solo alle coppie etero, secondo imposizione di madre natura . Effettivamente si consta un’avanzata mediatica e politica spaventosa a favore dei gay e questo non va bene, essere gay non impedisce di pregare ed essere cristiani ma nelle questioni sessuali va contro i principi della santa chiesa stessa e non si possono cambiare solo perché c’è qualcuno che ha dei sentimenti verso un suo simile, i gay se ne facciano una ragione. Dopo tanti anni registriamo con sorprendente verità e rammarico le dichiarazioni dell’allora cardinale Ratzinger, aveva ragione e i continui episodi di pedofilia denunciati in questi anni  sembra non intimidire e preoccupare la chiesa, pare proprio che non si voglia prendere nessuna svolta epocale e si resta fermi nel suo incomprensibile silenzio. Che pena vedere questo Papa che si preoccupa solo di politica, migranti e musulmani, evidentemente i cristiani, quelli veri, a lui non interessano più, come anche i tanti milioni di poveri italiani, mai una parola ed un pensiero per loro. Gay, migranti e islamici pare siano gli unici argomenti di suo interesse.. tra un po’ quando comincerà a vedersi le chiese sempre più vuote allora forse capirà …ma lo capirà ? Forse… 21102018

Quando Ratzinger avvisava: “La lobby gay mina la Chiesa”

L’allora presidente della Congregazione per la dottrina della fede: «Pressioni per legittimare atti omosessuali» . C’è una lobby gay nella Chiesa che, in combutta con i movimenti gay esterni, sta lavorando per sovvertire l’insegnamento della Chiesa sulla omosessualità

ENNESIMA BUFALA DI RAZZISMO ?

ENNESIMA BUFALA DI RAZZISMO ?

Di Manlio Minicucci
Ci risiamo, basta ..non se ne può più… oramai è diventato lo sport nazionale, non è il più calcio, evidentemente ora si gioca al razzismo, qualunque episodio di semplice inciviltà, una banale lite per punti di vista diversi oppure si vede coinvolta una persona di colore dietro… c’è sempre del razzismo. Si urla sempre e comunque al razzismo e poi perché lo si fa ? Basta con questo stillicidio, alla fine ci convinceremo che siamo tutti razzisti e ci tocca andare a vivere nelle grotte… in solitudine per punizione. Cioè, ma si vuol capire o no che più si urla al razzismo e più si ottiene l’effetto contrario, ovvero la gente la si fa diventare razzista per emulazione o per semplice bullismo, smettiamola di attribuire un razzismo che non esiste ma vive e prospera solo nella mente dei radical chic e buonisti che pretendono a tutti i costi l’immigrazione. Prima l’uovo bufalo nell’occhio della ragazza negra, poi la ragazza bufala, di colore, del posto di lavoro a Venezia, oggi un’altra presunta aggressione a Morbegno (SO) di vero bullismo verso un ragazzo negro che viene elencato come razzismo ed ora la signora che dice di andar via ad un altro ragazzo nero a Trento perché di religione diversa e di colore diverso…ma siamo alle barzellette, se la signora si è ribellata sicuramente aveva dei buoni motivi e il giovanotto, come ormai hanno imparato tutti i migranti arrivati da noi urlano sempre al razzismo. E già, quando protestano che vogliono soldi e privilegi se non li ottengono urlano al razzismo, se non gli dai i documenti urlano al razzismo e sempre appoggiati dai sinistroidi… basta…quando è stata fatta a pezzi Pamela nessuno ha urlato al razzismo verso i bianchi, tutti a recitare la canzoncina del silenzio.. e che dobbiamo dire delle centinaia di donne bianche violentate o stuprate ? Lì non esiste il razzismo ? … .e smettiamola di insegnargli come offenderci e prendersi tutti i privilegi a danno de popolo italiano…non se ne può più…alla fine mi sentirò razzista anch’io quando vedrò le mie…feci… roba da non credere, quello che riesce a fare la sinistra in Italia è sempre maledettamente anti italiano…dopo aver visto bloccato il flusso di arrivo di negri contro il loro volere ora attaccano il nostro sistema col “razzismo”…sarei proprio curioso di parlare con quella donna e vedere se aveva subito avance o era lì per caso, oppure avrà tentato qualcosina che non andava proprio bene. Infatti se ha affermato di appartenere ad altra religione evidentemente lo ha capito da qualcosa, oppure la donna in questione è islamica, tra l’altro nell’articolo non ci viene spiegato nulla della donna, e loro non possono sedersi vicino ad un uomo…bianco o nero che sia ..infatti nei paesi musulmani le donne non hanno diritto “al posto a sedere nei bus e siedono sul pavimento”…e già questa non la sapevate …vero, infatti lì la donna è considerata al centro del …”pavimento”.. Finiamola con queste pantomime…forse la ragazza che ha raccontato il tutto su Facebook voleva farsi un po’ di pubblicità…ed in questi tempi sappiamo che va alla grande..”il razzismo farlocco”..smettetela tutti….abbiamo solo da perdere…e niente da guadagnare..18102018

«Sei nero, vai a sederti in fondo». Razzismo sul bus a Trento

«La città – ha detto Andrea Ruggeri – è sempre stata ospitale con chi appartiene a etnie diverse. E sono diverse le iniziative a favore della piena integrazione. Se, invece, fosse veramente accaduta una cosa del genere la condanna è ferma, senza se e senza ma». L’altro episodio invece è di due giorni fa a bordo di un pullman Flixbus diretto a Roma e in partenza alle 22 da Trento. Una signora italiana di circa 40 anni, è il racconto di una studentessa di Ferrara postato su Facebook, avrebbe preteso che Mamadou, 25 anni, originario del Senegal, lasciasse libero il posto accanto a lei per spostarsi in fondo aggiungendo ad alta voce: «Sei di colore, sei di un’altra religione».

Vista l’insistenza della donna il giovane, che si era accomodato sul sedile che l’autista gli aveva indicato e che sarebbe pure scoppiato in lacrime, l’ha invitata a chiamare le forze dell’ordine, per far accertare il suo pieno diritto di essere su quel bus e occupare quel posto. Dopo l’arrivo della polizia alla fine la questione si è risolta con 25enne che ha cambiato il posto. Mentre la Procura si dovrebbe occupare del caso, Flixbus Italia ha preso posizione. «Da sempre ci impegniamo a garantire a chiunque la possibilità di viaggiare e ricongiungersi coi propri cari, e così continueremo a fare».

 

LIBERAL DEMOCRATICI CRISTIANI

Ldc Contributo volontario appello

 

CARI AMICI TUTTI…BUONGIORNO, OGGI INIZIA UNA NUOVA ERA PER IL PAESE ITALIA GRAZIE ALLE SOLUZIONI IDEATE DAL MOVIMENTO POLITICO LDC.

ORA TOCCA A NOI E A VOI AFFINCHÉ’ DETTE SOLUZIONI TROVINO APPLICAZIONI, PER FARLO ABBIAMO SOLO BISOGNO DI SOSTEGNO

PIÙ’ SIAMO E PRIMA CI ARRIVIAMO.

DEBITO PUBBLICO DIMEZZATO, STOP  EVASIONE FISCALE IN UN GIORNO

CASE POPOLARI DI LIVELLO CON UNA NUOVA FORMULA E PER TUTTI

DATECI …FORZA…!

 

ldc simbolo ufficiale