fatti di vita e politica nazionale e d internazionale

ACCOPPIAMENTO …FORZOSO..?

ACCOPPIAMENTO …FORZOSO..?
Già, si chiama così : “protezione sussidiaria”, qui la commissione europea, la chiesa, la politica d’opposizione all’attuale governo, stampa e TV sono tutti d’accordo, bisogna proteggere chi arriva dal…mare, ma in realtà di cosa si tratta ? Semplicemente un raggiro per evitare il rifiuto “dello status di richiedente asilo”, una furbata tutta italiana ed europea. A lui spetta un soggiorno di cinque anni, eventuale assistenza dell’INPS come assegno sociale e altri benefici previsti e in più, ovviamente, gode dell’assistenza sanitaria, inoltre, acquisisce il diritto al “ricongiungimento familiare”, quindi se il povero ragazzo somalo in questione ha una ventina o centinaio di familiari, come la Kyenge, allora tutti hanno diritto a venire in …. Italia. Tutto bello vero ? Nessuno dice niente perché.. i diritti sono diritti… ma non ci sta bene se diamo 700 euro ad un povero disgraziato disoccupato. Strano il mondo….eh no.. qui diritti non ce ne sono, i familiari del povero disoccupato non hanno nessun…. diritto. Ebbene sì, il somalo è stato sfortunato nel tentativo di “accoppiamento forzoso” perché evidentemente ha dimenticato di dire alla pensionata che è un profugo e che scappa.dalla guerra e ora ha dei diritti..forse se non ci fosse stato….il mare … probabilmente il desiderio irrefrenabile del profugo non sarebbe…” annegato”. miseramente.. Comunque è andata male alla povera “risorsa somala” , magari …forse se è più gentile potrà sperare in un accoppiamento consenziente, poi in ultimo resta sempre la ” soluzione manina”, quella risolve qualunque… problema di annebbiamento della capoccia e di ragionamento e forse è anche meglio… Chiudiamo quest’altra giornata ricca di … eventi straordinari…15112018

Anziana violentata in spiaggia da migrante: «Ho avuto paura di essere uccisa». Salvini: verme

Giovedì 15 Novembre 2018

Violenta una donna sulla spiaggia di Ortona: arrestato migrante somalo

Anziana di 68 anni violentata su una spiaggia in pieno giorno. «Ho avuto paura che potesse uccidermi, ma fortunatamente sono riuscita a divincolarmi», ha raccontato ai medici dell’ospedale di Lanciano la vittima. Ora è ricoverata per contusioni ed escoriazioni multiple e un brutto trauma cranico, dopo che l’ aggressore le ha fatto sbattere la testa sui grandi ciottoli di cui è composto l’arenile.

LEGGI ANCHE Si gode l’ultimo sole in spiaggia: aggredita e violentata da un migrante sotto protezione

La prima prognosi accordata dai medici dell’ospedale Renzetti è di 30 giorni, ma serviranno altre visite, assicurano. Una violenza che avrebbe potuto avere conseguenze anche più gravi se alcuni commercianti di Marina di San Vito Chietino non avessero dato l’allarme, segnalando al 112 le intemperanze del giovane straniero che si era anche denudato. E se la vittima non avesse reagito, divincolandosi e gettandosi in mare.

«Somalo di 20 anni, arrivato in Italia col barcone, gira nudo e poi aggredisce una donna di 68 anni, ferendola e usandole violenza sessuale. Questo è il ringraziamento per aver ottenuto protezione dall’Italia! Verme!». Lo scrive in un tweet il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Il giovane, un somalo di 20 anni, Saleban Nuur Shaieb, pochi minuti dopo, percorrendo l’arenile che costeggia il tracciato ferroviario della linea adriatica, si è imbattuto in una donna che stava in spiaggia, saltandole addosso e compiendo atti sessuali su di lei. La vittima, 68 anni, pensionata, che vive ad Ortona dove ha lavorato, è riuscita a divincolarsi e ha cercato riparo in acqua dove i carabinieri, giunti nel frattempo, e che avevano notato l’ultima parte dell’aggressione, l’hanno salvata e hanno bloccato e arrestato il somalo. Il 20enne, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica di Chieti Giuseppe Falasca è stato rinchiuso nel carcere di Chieti.

I successivi accertamenti condotti attraverso la comparazione delle impronte con quelle già presenti nel casellario centrale d’identità del ministero dell’Interno, hanno consentito di risalire alla vera identità del somalo che, dopo essere entrato in Italia quasi un anno fa durante i numerosi sbarchi sulle coste siciliane, proprio il mese scorso aveva ottenuto lo status di protezione sussidiaria.

La protezione sussidiaria è un’ulteriore forma di protezione internazionale. Chi la ottiene – pur non avendo i requisiti per lo status di rifugiato – viene protetto perché, se ritornasse nel Paese di origine, «andrebbe incontro al rischio di subire un danno grave».

E TUTTO QUESTO ..SOLO..PER SOLDI ?

E TUTTO QUESTO ..SOLO..PER  SOLDI  ?

Anni fa, quando iniziò il flusso migratorio verso l’Europa mi affrettai a ricalcare le orme, già fortemente impresse, della mitica Oriana Fallaci, ammonendo tutti  a far attenzione alla presunta migrazione di gente che scappava dalle guerre o peggio dalla fame. Infatti, più volte ho sollevato dubbi su una migrazione i cui contorni mi allarmavano ed avevano il sapore del malaffare legato alla droga e alla islamizzazione dell’Europa, io la vedevo e la vedo così l’immigrazione ed ho le mie buone ragioni per pensarlo. Mi sono posto diverse domande per capire ma ovviamente le risposte nessuno mai me le ha date ed in compenso abbiamo speso e buttati nel cesso 30 miliardi di euro per gente che sino ad ora ha solo prodotto problemi. Che questi signori arrivassero per delinquere e con fini religiosi era facile intuirlo  semplice da  dimostrare attraverso alcuni quesiti : 1) perché un libico, un siriano, un somalo o un centro africano che davvero scappa dalla guerra lascia moglie, figli e genitori in balia degli eventi e forse della morte ? Codardo o vigliacco che si voglia,  ma nei fatti abbandona la sua famiglia senza  difenderla, inoltre, perché non andare nei paesi limitrofi o meglio nei paese arabi del golfo che sono straricchi ? Perché un siriano viene in Europa e non va in Kuwait o Arabia Saudita ? Perché un africano non va in Marocco o in Algeria o in Tunisia che li ha a due passi ? Perché i tunisini, algerini e marocchini vengono in Europa ? Tante domande e nessuna risposta, solo censure ma nei fatti oggi ne vediamo le conseguenze che vanno a confermare le premonizioni della Fallaci e le mie preoccupazioni. Che le ONG ci facessero tanti affari in questo l’avevo sempre sospettato e denunciato, checché se ne dica, ora tutti i nodi ONG vengono al pettine, sono stati scoperti con le manine nella marmellata dei soldoni che beccavano in collegamento con le cooperative italiane e mafia capitale né stato il peggior esempio. Ora viene a galla questa ennesima “truffa teatrale” di bassa categoria, addestrare i migranti come animali a recitare la parte della scimmietta davanti agli uomini delle frontiere come se l’ingresso e la vita in un paese straniero si risolvesse con qualche slogan e battutina. Già, l’importante è farli entrare poi…son cavoli loro ..vero signori delle ONG ? Anche voi come tutte le forze politiche di sinistra amate giocare con le vite delle persone, infatti voi non vi ponete mai la domanda del dopo, per voi esiste solo quella del momento e infatti , il bambino di colore nato anni fa dalla madre migrante, cresce e si sviluppa all’interno di un… supermarket della mia città davanti alla madre che vive di elemosine, ovviamente si può immaginare facilmente in quale scenario e contesto igienico viva quel bambino… ma questo per loro non è un problema ..evidentemente…. bello accogliere …vero ?  15112018

  … by manliominicucci.myblog.it …

 

Ong istruisce migranti: “Dobbiamo recitare la commedia, sono stupidi”

I volontari insegnano ai migranti come recitare la parte delle vittime, come inventare storie strappalacrime e come recitare preghiere, un vero e proprio vademecum per ingannare gli agenti di frontiera

 – Mer, 14/11/2018 – 13:33

Nell’occhio del ciclone la “Advocates Abroad”, importante Ong che agisce nella Grecia settentrionale per dare assistenza a rifugiati o presunti tali.

Ciò che in tanti sospettavano ha trovato esplicita conferma grazie ad un video che riprende in modo inconsapevole il direttore esecutivo dell’associazione, Ariel Ricker. La donna, con grande nonchalance, spiega dettagliatamente al suo interlocutore come ingannare ed impietosire la polizia di frontiera, tramite il racconto di traumi mai accaduti e persecuzioni inventate di sana pianta.

Le immagini sono state divulgate dalla documentarista giornalista canadese Lauren Southern, e gettano nuova luce su quanto sta accadendo in questo momento in Europa.

“Dico loro che dobbiamo recitare la commedia, che tutto questo è teatro.”, spiega il direttore esecutivo, che regala una vera e propria lezione da seguire per esser accolti in Europa da rifugiati. “Il loro ruolo dev’essere quello di rifugiato traumatizzato, perché questi Easo (il personale che si occupa di interrogare i sedicenti profughi) sono fottutamente stupidi. Tutto ciò che sanno è solo quello che c’è scritto sul loro manuale, che spiega cos’è un rifugiato traumatizzato e le sue caratteristiche. Quindi noi addestriamo le persone a fingere quelle caratteristiche.”

Una vera e propria scuola di arte drammaturgica, a cui in tanti dicono di credere o fanno finta di credere per convenienza“Loro (cioè gli agenti di frontiera), devono tener conto dell’atteggiamento delle persone, capire se sono emotive o no. Quindi bisogna piangere, vomitare e chiedere una pausa”. Il tutorial della Ricker prosegue con dovizia di dettagli, viene spiegato proprio tutto. “…come entrare nella stanza, come presentarti, come sederti, come alzarti e come pregare”. Si, perché l’Ong insegna anche le preghiere ai migranti, per dare una stretta in più al cuore di chi deve soppesare la bontà delle loro versioni dei fatti alla frontiera. “A volte (gli agenti) chiedono ‘Quali sono le tue vacanze preferite?’ E alcuni (profughi) rispondono semplicemente ‘Natale’. Noi spieghiamo che questa non è una risposta sufficiente. Devono dire anche che è il 25 dicembre, e che è la data di nascita di nostro Signore”.

La “Advocates Abroad” si vanta sul suo sito di aver fatto entrare oltre 15mila migranti nei confini della Grecia, oltre ad ulteriori 2500 nel resto del Continente europeo. Dunque ci potrebbero essere circa 17mila nuovi attori in ascesa grazie al loro prezioso contributo. L’organizzazione si è affrettata a replicare con un ridicolo tweet per attaccare la giornalista canadese Southern e gettarle fango addosso. Ma la miccia è accesa e brucia troppo rapidamente. Ecco perché si è letteralmente scatenata una corsa al massacro sui social, che ha costretto l’associazione a cancellare i suoi account.

MA E’ CON NOI O CONTRO DI NOI ?

MA E’ CON NOI O CONTRO DI NOI ?

Ci risiamo, e questo è un altro di quei passaggi incomprensibili, inaccettabili e sinceramente, uso l’appellativo opportuno per il caso, paranoico e schizofrenico della famigerata “commissione europea”. Sembra che il loro unico lavoro e obiettivo sia quello di salire in cattedra per impartire ordini e  vessazioni al popolo italiano, e lo fanno sapendo a priori  che non hanno ricevuto né un consenso popolare né un singolo voto. Ora dico, ma è mai possibile che si intenda colpire la produzione di vino e le aziende vinicole europee ed in particolare quella francese ed italiana ? Si, perché la commissione ha avuto un’altra bella idea, ovvero, eliminare dalle uve  e vino di importazione che arrivano dall’estero, ed in particolare dalla Cina e dalla Tunisia e Spagna, l’obbligo di dichiarare la provenienza e l’origine, difatti così si elimina e si cancella  il famoso marchio D.O.C. col prevedibile risultato di  penalizzare i primi produttori di vino al mondo, cioè noi e i francesi. Infatti se io decidessi di imbottigliare in Toscana o in Puglia un vino proveniente dalla Cina o dalla Tunisia, sarei obbligato solamente ad indicare nell’etichetta  e a scriverci il luogo dell’imbottigliamento, quindi  dentro ci metto delle schifezze e sull’etichette ci scrivo che è vino toscano di Montepulciano o della Maremma oppure è un  Primitivo di Manduria, cito i primi due che mi sono venuti in mente, ma la regola funzionerebbe anche per i vini piemontesi, siciliani emiliani etc. etc.  La proposta è ora al vaglio del parlamento europeo che dovrà eventualmente approvarla, ma spero proprio, e ne sono convinto, che verrà respinta all’unanimità. Dopo questa ennesima “novella europea” voi vi domanderete : ma questi sono scemi o pazzi ? Infatti il mio pensiero è stato già posto in essere, questi sono veri e propri suicidi contro l’imprenditoria produttiva di due paesi e tutto questo per favorire…  chi ? Forse la Spagna dei radical chic che importano migranti ? Oppure è sempre più in atto lo stermino delle aziende italiane ? Poi arrivati alla fine di un discorso bisogna anche trarre delle impressioni, la mia è tutta in una sola domanda : ma la UE è con noi o contro di noi ?  15112018

… by… manliominicucci.myblog.it ….

 

Coldiretti, Ue cancella indicazione origine delle uve

Come avviene per spumanti, ma è via libera a falso made in Italy

Redazione ANSA ROMA

10 novembre 201811:33
(ANSA) – ROMA – Dallo spumante non a denominazione si estende al vino il via libera della Commissione Europea al falso Made in Italy nel bicchiere, con la cancellazione dell’indicazione dell’origine delle uve di vitigni internazionali quali Chardonnay, Merlot, Cabernet, Sauvignon e Shiraz. A denunciarlo, in una nota, è la Coldiretti in riferimento alla modifica del regolamento 607/09 sulla etichettatura dei vini predisposta dalla Commissione Ue e trasmessa al Consiglio e al Parlamento per la procedura di adozione definitiva. ”Una scelta grave contro la quale – sottolinea Coldiretti – è necessaria una decisa opposizione dell’Italia a tutela di produttori e cittadini”.

Il testo prevede, spiega la Coldiretti, la possibilità di estendere ai cosiddetti vini varietali, cioè ottenuti da varietà internazionali coltivate in Italia, la possibilità introdotta per gli spumanti generici, cioè non a denominazione Doc e Igt, di indicare in etichetta solo il paese di origine nel quale avviene la spumantizzazione, ma non quello dal quale provengono le uve. ”In questo modo sarà possibile fare in “laboratorio” vino italiano – lamenta l’organizzazione agricola – usando vini o mosti provenienti da altri Paesi, come la Spagna, per essere poi venduto specie sui mercati esteri sotto la copertura di simboli e marchi tricolori ma senza alcun legame con i vigneti ed il territorio nazionale. Una situazione che – denuncia la Coldiretti – alimenta le speculazioni in atto sulla vendemmia 2018, con ingiustificate riduzioni a due cifre dei prezzi del vino riconosciuti ai produttori giustificato con l’aumento della produzione che in realtà quest’anno è il linea con la media del decennio”.

La raccolta si è praticamente conclusa in Italia con una produzione 2018 stimata dalla Coldiretti in circa 50 milioni di ettolitri, in aumento del 16% rispetto alla scorsa annata che per la grave siccità è stata tra le più scarse dal Dopoguerra.(ANSA).

VII…NON RUBARE…!

VII…NON RUBARE…!

Oggi nella sua omelia, il santo padre, “Franisisco primero” de Roma, ha detto che chi “dice falsa testimonianza” è un terrorista, benissimo, concordo, peccato però che il termine terrorista l’abbia usato solo per chi intenzionalmente è un “falso testimone” perché avrei gradito tantissimo, e non poco, che l’appellativo fosse stato utilizzato soprattutto in occasione delle diverse stragi ad opera  dei terroristi islamici, ma non lo ha fatto, evidentemente fa più presa mediatica parlare dei dieci comandamenti e dei suoi insegnamenti a gente inerme e fiduciosi nelle parole del rappresentante della chiesa cristiana…. Una chiesa che insegna anche a non rubare, perché quando si ruba, tante volte non si ruba a gente ricca il cui furto incide poco nella vita quotidiano, infatti se rubi un milione a Berlusconi il danno è minimo ma se tu rubi alla collettività traverso gli appalti o tangenti ai pubblici amministratori la cosa è molto grave perché i soldi che si stanno rubando sono soldi destinati alla sanità e sono anche di gente indigente che già conduce una vita di stenti e miseria. E’ quindi un crimine peggiore, altro che terrorismo, è un crimine verso l’umanità, togliere, rubando, dei soldi alla povera gente è un crimine inenarrabile che va punito con la galera a vita e non con gli arresti domiciliari o l’interdizione dai pubblici uffici, è una di quelle condizioni su cui la politica deve riflettere attentamente. In tutti questi anni, da “mani pulite” in poi non si è fatto nulla per arginare la delinquenza delle tangenti e appalti super gonfiati, vedi Mafia Capitale e i tantissimi scandali come questo di Forlì  e quello di Bari dei giorni nostri con lampade dal costo proibitivo, episodi ripetuti che ogni giorno inquinano la vita del paese…. altro che smog e amianto, quelli sono peggio del virus Ebola, quando ti prende ti fa diventare vorace e sanguisuga ..disposti a tutto pur di avere la facile ricchezza. Anche nella civilissima Romagna ora si scoprono… i tombini della fogna… e ovviamente il puzzo che ne viene fuori è facilmente ipotizzabile… altro che evasione fiscale e tante altre balle sui poveri imprenditori, controllate i dipendenti pubblici e politici amministratori che hanno le mani negli appalti e di soldi ne risparmieremmo in quantità….industriale. 14112018

… by… manliominicucci.myblog.it …

 

Forlì, tangenti per lavori di metanizzazione. Arrestate tre persone

Sono due dirigenti del consorzio di cooperative Conscoop e un funzionario del Mise

Ultimo aggiornamento il 14 novembre 2018 alle 07:11
Forlì, 13 novembre 2018 – Arrestate tre persone nell’ambito di un giro di tangentidella progettazione per lavori di metanizzazione. Le accuse sono estorsione, corruzione, turbata libertà degli incanti, favoreggiamento personale e false informazioni al pubblico ministero.Sono finini nei guai due dirigenti del consorzio di cooperative Conscoop e un funzionario del ministero dello Sviluppo economico.

I carabinieri hanno eseguito le tre ordinanze di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti dei tre indagati: uno in carcere e gli altri due, fra cui il funzionario del Mise, ai domiciliari.

Nell’inchiesta, per la quale sono indagate altre cinque persone, è coinvolta anche una municipalizzata di Salerno.

Ulteriori informazioni saranno fornite in una conferenza stampa che si terrà domani alle 10.15, negli uffici del Procuratore della Repubblica di Forlì, a cui parteciperà il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Forlì-Cesena.

NO…NO..NON VA PROPRIO…!

NO…NO..NON VA PROPRIO…!

Le intimidazioni sono un pessimo segnale che ci avvicina e ci riporta agli anni del terrorismo in stile brigate rosse, ai sequestri di persone, ai ricatti ed estorsioni delle organizzazioni malavitose, infatti anni addietro, quando giornalisti o politici si schieravano apertamente da una parte ci pensavano le brigate rosse a risolvere la questione e mettere tutto a tacere,  minacciavano o addirittura ammazzavano, rammento che  in alcuni casi abbiamo anche avuto morti eccellenti, come quella di Aldo Moro e la più recente del prof. Biagi. Di contro oltre la politica poi il semplice commerciante o imprenditore aveva il problema di dover pagare il famoso “pizzo” o altro ai delinquenti per vivere in pace con la compiacenza dello stato, purtroppo questa era l’Italia di anni fa e lo dico sputando in faccia a chi  sosteneva facendo propaganda che in quegli anni il nostro paese era grande e prosperava… Si elogiava la.. prima repubblica, finita ingloriosamente e rovinosamente con l’inchiesta ammazza partiti “mani pulite” del pool di magistrati di Milano, altro che paese” meraviglioso”. Meraviglioso un bel niente, la Cassazione lo ha anche confermato con sentenza, i governi precedenti erano collusi con la “mafia” e la vita scorreva così in perfetta dipendenza da quegli accordi, tra il sottile confine della legalità e quello della  delinquenza mafiosa autorizzata e accettata dallo stato. Quel che accaduto al giornalista e conduttore televisivo a seguito di una trasmissione televisiva è estremamente grave e deve farci preoccupare ed allarmare, oltre la mia personale solidarietà ebbene che tanti politici dell’opposizione facessero quadrato intorno al ministro Salvini, la sicurezza dello stato e del paese è in serio pericolo e a rischio deriva mafioso, che sia camorra o altro ha poca importanza ma il pericolo è evidente e non mi va proprio l’idea che si possa ritornare agli bui delle brigate rosse e dell’imperversare delle mafie italiane e non…L’Italia deve necessariamente cambiare registro se desidera ancora essere un paese civile, libero, democratico e cristiano, perché con questo andazzo francamente sono molto preoccupato e non vedo futuro…14112018

 

…by…manliominicucci.myblog.it …

 

Avvertimento a giornalista Rai

A Ostia, sua inchiesta su Juve e ‘ndrangheta. Indagano cc

(ANSA) – ROMA, 14 NOV – Una croce con vernice rossa sul muro accanto alla porta di casa e liquido infiammabile in più punti sul pianerottolo dell’appartamento. Avvertimento al giornalista Rai Federico Russo, autore di una recente inchiesta per la trasmissione Report su presunti rapporti tra alcuni dirigenti della Juventus, ultrà e ‘ndrangheta. L’episodio si è verificato due notti fa a Ostia. Ruffo ha presentato denuncia ai carabinieri della stazione di Ostia Antica. Sulla vicenda sono in corso indagini. “Se non ci fosse stato il cane avrebbero dato fuoco a casa. Mi ha salvato”, dice Ruffo

UNA CONVERSIONE UN PO’ ANOMALA…

UNA CONVERSIONE UN PO’ ANOMALA….

Beh, se l’illustre cantante ha problemi di carattere mentale, avrebbe dovuto rivolgersi ad un psichiatra e non ad un imam islamico…loro non curano le malattie mentali…infatti tanti terroristi, se non le è noto , non sono guariti con la “medicina islamica”.. anzi al contrario egregia signora, poi faccia come crede, solo che a vederla così conciata, mi pare che abbia compreso molto poco della religione islamica, perché le parti del corpo vanno coperte, i tatuaggi rimossi se non sono riferiti alla natura morta, le rammento poi, tra l’altro, che la musica occidentale e testi che canta non sono tanto graditi.. all’islam ..o non lo sapeva ..Shuhada’Davitt ?  In fondo credo che se si fosse rivolto ad un medico psichiatra, uno buono.. buono e bravo per davvero, questa smania della conversione…. forse, dico forse, con qualche pillolina le sarebbe passata e invece niente si è sentita libera di andare con la mente dove vuole. Ma in fondo ognuno è libero di gioire, amare, morire, soffrire e vivere come meglio gli piace, purtroppo per lei “cara nuova musulmana” questo è un dettame che è proprio della cultura cristiana e della libertà occidentale che lei, convertendosi all’islam ha rinunciato e perso questi importanti principi e oggi, nella sua nuova veste  non appartengono più a lei. Quindi tanti auguri per la sua nuova missione di fede e faccia pure tanti figlioletti, se può farli, ovviamente menopausa permettendo, come prescritto nel corano e si faccia una bella famigliola. In ultimo signora musulmana un po’ strana, le rammento che una volta convertita all’islam, indietro non si torna più…. perché nel caso in cui lei intendesse decidere di “ritornare” alla vita occidentale ..beh lei dovrebbe essere punita con la…morte…non si spaventi, non lo dico io ma lo dice il corano…sì il libro sacro della sua nuova religione. Tanti auguri e figli maschi…sono curioso proprio di rivederla tra 5 anni…e sperare che i suoi problemi mentali siano…svaniti…sa, mi perdoni, sono un po’ curioso..”14112018

…by…manliominicucci.myblog.it

 

inead O’Connor si converte all’Islam

L’annuncio su Twitter, si farà chiamare Shuhada’ Davitt

ERAN QUATTROCENTO…E SONO ESPLOSI…!

ERAN QUATTROCENTO…E SONO ESPLOSI…!
Difficile quanto mai improbabile che si arrivi alla conclusione di questo conflitto che più che armato è di religione e soprattutto nella poca voglia di accettarsi, i musulmani che odiano e vogliono vedere morti gli ebrei, così è scritto nel Corano, mentre gli ebrei sopportano mal volentieri gli islamici, li accettano perché almeno in questo, al contrario dei musulmani, sono molto più tolleranti verso le altre religioni. Ieri sono stati lanciati ben 400 missili verso lo stato israeliano e per sfortuna si registra una vittima, ora, ed è ovvio che Israele si difenderà e reagirà e sicuramente ci saranno altri bombardamenti aerei in successione, siamo già a 150. Questo tenere alto lo scontro militare non porterà mai ad una conclusione e a niente di buono. Non so chi sono i veri irresponsabili, né m’interessa saperlo ma di certo stante così le cose una pace e convivenza tra di loro è praticamente impossibile, poi le chiacchiere degli idealisti e dei fautori del mondo colorato continueranno a fare demagogia su scala industriale…ma le cose non cambiano . Ero ragazzino e i problemi sono identici a quelli di oggi che sono un uomo adulto e credo che quando diventerò anziano i problemi saranno sempre questi..12112018… by…

manliominicucci.myblog.it

l

Gaza: altri razzi su Israele, oltre 400 da ieri. Portavoce militare: colpite 50 strutture Hamas Tweet 13 novembre 2018 Continua la pioggia di razzi da Gaza verso tutto il sud di Israele: dopo una breve pausa in nottata, i lanci sono ripresi questa mattina. Da ieri ad adesso, secondo la Radio Militare, sono stati oltre 400.    L’aviazione israeliana, in risposta, ha effettuato circa 50 attacchi nella Striscia (150 da ieri), colpendo postazioni di Hamas e di altre fazioni palestinesi, tra cui anche un tunnel. Il portavoce dell’ala militare di Hamas ha minacciato di colpire Beersheba e Ashdod se Israele persiste nella sua “aggressione” sulla Striscia. Anche la jihad islamica ha fatto eco al comunicato di Hamas sostenendo che le fazioni palestinesi hanno la capacità di continuare la loro offensiva. Il premier Benyamin Netanyahu ha convocato questa mattina una riunione del Consiglio di Difesa per esaminare la situazione in corso a Gaza. Israele ha ammonito Hamas che continuerà ad attaccare nella Striscia se continueranno “attacchi intenzionali contro civili israeliani”. “Hamas sta cercando di cambiare le regole del gioco – ha detto il portavoce del ministero degli Affari esteri, Emmanuel Nahshon- e usa i cittadini israeliani come ostaggi del terrore allo stesso modo di come tratta la propria popolazione a Gaza. Tweet Pubblicita’ MONDO STORNI DISEGNANO STRANE FORME GEOMETRICHE NEI CIELI DEL VILLAGGIO DI GRETNA GREEN, IN SCOZIA LA CAROVANA DEI MIGRANTI VERSO TIJUANA, CON L’AIUTO DELL’AUTOSTOP STRETTA DI MANO TRA HAFTAR E SERRAJ A PALERMO. MA IL MARESCIALLO “SNOBBA” LA CONFERENZA SULLA LIBIA FORMAGGIO CONTRO FORMAGGIO, LA CORTE DI GIUSTIZIA UE HA DECISO: “NESSUN COPYRIGHT SUL SAPORE” MELBOURNE, FUNERALI DI STATO PER SISTO MALASPINA IL RISTORATORE ITALIANO UCCISO DA UN TERRORISTA Privacy policy Cookie policy Società trasparente Rai – Radiotelevisione Italiana Spa Sede legale: Viale Mazzini, 14 – 00195 Roma | Cap. Soc. Euro 242.518.100,00 interamente versato Ufficio del Registro delle Imprese di Roma © RAI 2014 – tutti i diritti riservati. P.Iva 06382641006 – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Gaza-altri-razzi-su-Israele-Portavoce-militare-colpite-strutture-Hamas-d6cb0ade-63b9-4c8f-bd8d-e5c30ad5332e.html

UNA VERA….FORZA LAVORO….INTEGRATA…

UNA VERA….FORZA LAVORO….INTEGRATA…
È proprio così, quattro bei giovani ragazzotti stranieri di cui al momento si ignora la provenienza, hanno dato l’ennesima dimostrazione di un’ottima e sana integrazione nel tessuto sociale ed agricolo del sud Italia. Accade che nelle campagne della provincia di Taranto, i ragazzotti si sono prodigati alla “raccolta gratuita” delle olive dagli alberi, evidentemente non “potevano sapere” che le olive tarantine sono esattamente come quelle baresi o leccesi e via così dicendo….e non si possono “prenderle gratuitamente” dalle piante perché in Italia, com’è anche nel sud Italia, significa “rubare” e per poterne prendere 7 quintalucci è necessario… acquistarle oppure è furto considerevole. Giustamente come fanno a saperlo i poveri migranti, specie se arrivano da zone dove le ….olive non esistono. Va bene, speriamo che ora abbiano capito che da noi le cose funzionano diversamente e speriamo che in futuro non si ripetano questi episodi. In ultimo, i quattro sono stati arrestati e andranno sotto processo, lì magari il giudice ne terrà conto…e oltre un’assoluzione vedranno riconosciuti i loro ” diritti di lavoratori in… nero”.. già..e magari gli si riconosce anche… la giornata … anzi no…ho sbagliato…”la nottata”..ecco questo è il termine corretto. Concludo soddisfatto di vedere una ulteriore “lampante dimostrazione” di ….. perfetta integrazione…o no ? 12112018 …by… manliominicucci.myblog.it

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

I quattro sono ai domiciliari. I carabinieri li hanno colti in flagrante

 REDAZIONE ONLINE

12 Novembre 2018

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri
I Carabinieri della Stazione di Palagiano (TA) hanno arrestato, in flagranza del reato, un 43enne, un 39enne, un 38enne ed un 37enne, tutti stranieri, residenti a Mottola (TA), per furto aggravato. I quattro sono stati sorpresi mentre rubavano olive da un terreno in contrada Lamaderchia. Vista la pattuglia, hanno cercato di fuggire a piedi lasciando sul posto alcuni attrezzi, tra mazze, rastrelli e reti, ma sono stati arrestati e ora sono ai domiciliari. I carabinieri, poco distante dal terreno hanno trovato un furgone già carico con 20 casse di olive, per un totale di circa 720 kg (avrebbero fruttato sul mercato più di 7mila euro).

SCUSATE…AVETE VISTO 5,6 MILIARDI DI DOLLARI .. ?

Care amiche e cari amici tutti, oggi termina l’ultimo blocco di una lunga serie….. evidentemente i miei articoli danno fastidio e non sono graditi a qualche…potente.

Ma non mi hanno fermato, in questi giorni ho continuato a scrivere nel mio blog : manliominicucci.myblog.it   , Twitter e Gooole Comunity….quindi da oggi, sapete che se non troverete più gli articoli nel mio profilo vorrà dire che sono stato nuovamente bloccato.

Nel mio blog potete scrivere ed esprimere le vostre opinioni, previa registrazione con mail, e leggere anche i precedenti articoli se ovviamente siete interessati.

Grazie per il tempo che mi avete dedicato….e grazie di …esistere…

 

 

SCUSATE…AVETE VISTO 5,6 MILIARDI DI DOLLARI .. ?

O forse sono in Euro o in Yen oppure Renminbi (moneta cinese) ? Già questo è il famoso tesoro che il dittatore Gheddafi aveva accumulato in anni di ” duri sacrifici”, giorno dopo giorno a risparmiare e a metter da parte per la….pensione. Diciamo che a lui è andata bene, ha chiuso una vita di lussi e sprechi alla faccia del popolo, quindi ha evitato di vivere come un pensionato, già,,, non ha vissuto come un pensionato italiano con 600 euro al mese oppure come i nostri esodati, già…loro purtroppo un “miliardino” in banca non ce l’hanno proprio, però adesso viene il bello, chi è il proprietario della manina che s’è rubato il soldone ? A pensar alla manina mi viene in mente il gioco di “mamma gattone e i sette gattini”, ricordate come recitava la divertente vecchia filastrocca ? “Mamma gattone non è stata e allora chi è stato” ? Il primo gatto…quello francese ? Oppure il secondo gatto tedesco…oppure il terzo gatto americano ? O è stato il quarto gatto commissione europea ? Non credo che il quinto gatto italiano ne sappia qualcosa come anche il sesto gatto olandese, evidentemente il settimo gatto sa tanto ma veramente tanto, ma è forse libico o belga o lussemburghese  ? C’è un fatto indiscutibile, 5 miliardi di dollari non possono sparire nel nulla senza il consenso dei vertici della banca in questione, del ministero delle finanze con la ovvia compiacenza del proprio governo belga, attuale o precedente che sia . Siamo alle solite truffe europee, mi piacciono loro… belgi, francesi e tedeschi quando vanno in TV a predicare bene e raccontarci quanto amore e apprensione hanno i potenti per la nostra salute e benessere dei popoli europei…ma solo a parole perché poi nei fatti è uno schifo inenarrabile, far sparire quel denaro è contro una risoluzione ONU e credo, siano anche soldi del popolo libico, penso che ne abbiano tutti i diritti, ovviamente se non sono soldi provenienti da operazioni truffaldine ed illegittime.  Bene, affideremo la questione alla trasmissione Rai “Chi li ha visti” per le opportune ricerche…12112018  …

… by manliominicucci.myblog.it …

pariti 5 miliardi dai conti di Gheddafi

La procura belga:’il governo non ha rispettato la decisione Onu’

(ANSA) – ROMA, 31 OTT – Cinque miliardi di dollari sono scomparsi dai conti congelati in Belgio di Muammar Gheddafi. Lo ha rivelato il procuratore belga Georges Gilkinet annunciando di aver aperto un’indagine per verificare se la somma, 5,6 miliardi, sia finita nelle mani di persone, milizie o partiti in Libia. Parlando con il canale televisivo belga Rtbf, Gilkinet ha puntato il dito contro il governo di Bruxelles accusandolo di non aver rispettato la decisione presa dall’Onu nel 2011 di congelare tutti gli asset dell’ex rais in Belgio. “Prima che scoppi uno scandalo”, ha dichiarato oggi il procuratore” “il governo chiarisca cosa è successo”. Anche le Nazioni Unite hanno annunciato di aver aperto un’inchiesta.

ERA GIÀ NOTA IN ESTATE L’EPIDEMIA..

Care amiche e cari amici tutti, oggi termina l’ultimo blocco di una lunga serie….. evidentemente i miei articoli danno fastidio e non sono graditi a qualche…potente di Facebook.

Ma non mi hanno fermato, in questi giorni ho continuato a scrivere nel mio blog : manliominicucci.myblog.it   , Twitter e Gooole Comunity….quindi da oggi, sapete che se non troverete più gli articoli nel mio profilo vorrà dire che sono stato nuovamente bloccato.

Nel mio blog potete scrivere ed esprimere le vostre opinioni, previa registrazione con mail, e leggere anche i precedenti articoli se ovviamente siete interessati.

Grazie per il tempo che mi avete dedicato….e grazie di …esistere…

ERA GIÀ NOTA IN ESTATE L’EPIDEMIA…

Solo che non se parlava perché logicamente non si vuol mettere in allarme la popolazione oppure quei paesi che sono oggetto di migrazione forzata provenienti dalle zone centro africani e in particolare quelle interessate dal focolaio del virus. Tuttavia il virus Ebola non è stato sconfitto ma al contrario è sempre stato …vivo, presente in quelle zone. Purtroppo Ebola non è stata mai debellato, sebbene la OMS si sia irresponsabilmente affrettata, nel 2017, a dichiarare che l’epidemia era stata vinta e non c’era più nulla di cui preoccuparsi, ma intanto ora non sappiamo quante persone sono state infette in quelle zone, dove si è diffusa l’epidemia cosa ancora più tragica quanti cittadini congolesi o zone limitrofe sono in giro per mondo a diffondere il virus a loro insaputa. Accidenti, è sempre così in Africa, gravi problemi trattati con superficialità e occultando le verità al mondo intero come se le epidemie non riguardano gli altri. Certo, è ovvio che se tu dici ad uno stato occidentale che importare migranti che arrivano dal centro Africa potrebbero anche avere nel proprio corpo il virus di Ebola è logico che tutti alzino muri chilometrici per impedirgli di venire ma intanto questo non lo sì è fatto e non capisco assolutamente il perché. Io stesso avevo letto di diversi focolai in quelle zone prima della scorsa estate e lo ho anche scritto su un post, ma come spesso succede in questo paese è vietato diffondere le vere informazioni, difatti sono stato ..”censurato”… Un’epidemia non è un gioco né una roba da prendere sottogamba, ma se c’è  la becchiamo, sono problemi molto seri ..ed invece di alzare il livello di guardia si pensa a censurare…. Intanto a noi occidentali piace correre dietro i mondi arcobaleno e colorati ma purtroppo la realtà, quella dura e vera, è altra cosa. Speriamo solo che il numero di morti si fermi a 200, ma nutro seri dubbi sulla possibilità che si fermi a quel numero… Speriamo che i virologi trovino subito le contromisure…12112018

                          … by… manliominicucci.myblog.it  …

In Congo peggior epidemia di ebola

Da agosto ad oggi ha provocato 200 decessi