Autore archivio: manlio22ldc

MILANO PRIMA….O BUFALA ?

MILANO PRIMA….O BUFALA  ?Che strano, proprio ieri Milano ha ricevuto “il titolo onorifico” come migliore città italiana per la qualità della vita. Sinceramente stento a crederlo e sono convinto che sia più un assist di colore politico al sindaco Sala che una reale valutazione della città meneghina. Però, non vivendola quotidianamente prendo per buono tutto ma con la consueta diffidenza, infatti, mi sorgono dubbi e sospetti sulla valutazione e classifiche del quotidiano nazionale, Il Sole 24ore. Ovviamente non è davvero così, a meno che non si sia almeno benestanti, il primo posto in classifica è  la narrazione di una Milano splendida e splendente ma che contrasta con le sacche di degrado, miseria e illegalità dilagante e non ci vuole molto a capire che trattasi di una vera “bufala” tutta italiana, infatti, dopo aver ascoltato  le lagnanze dei milanesi e la loro rabbia per lo stato in cui versa la città ci si rende conto delle reali ipocrisie e fasulla graduatoria. Poi, aggiungiamo anche che nel mese di Novembre 2018, quindi pochi giorni fa, occupava appena il  al 55° posto, ed oggi su rilevazione e studio  del Sole 24ore è balzata al primo posto ?  Troppo palese che si sia voluti dare un assist al sindaco attuale, mentre nella vita d’ogni giorno non si vede una Milano “splendente”…a quanto pare, forse perché in Italia è diventato normale vedere gente che dorme nelle stazioni ferroviarie o in luoghi di fortuna, curioso vero ? La qualità di vita di una città la si descrive dalle sue periferie, dallo stato economico della maggior parte dei cittadini e dalla facilità di come si accedono ai servizi in genere. A Milano si vive bene se prendi almeno 6.000,00 al mese, una somma che tanti sognano …la notte.. e in certe zone del sud Italia è una chimera irraggiungibile, senza contare i senzatetto e i morti che ne conseguono ed ignorare i poveri disgraziati che vivono ai margini della società. Il sindaco di Milano e la sua “meravigliosa giunta” parlano di accoglienza e di integrazione e poi…  lasciano morire i senza tetto, italiani o  i stranieri che siano, nelle pubbliche vie senza ritegno e dimenticando i valori della solidarietà e  amore per i bisognosi… E dov’è la tanta decantate bontà e assistenza dei radical chic e della giunta  milanese ? Ecco, siamo di fronte all’ennesima truffa dell’informazione pilotata dai giornali e questo lo si riscontra nei giorni di protesta di tutta la stampa sui tagli del governo alle “donazioni alla stampa ”, alquanto singolare. Sì, immagino che a tanti bravi italiani non sia noto che tutti i giornali come Avvenire, l’Unità etc.. , eccetto qualcuno, hanno preso e prendono dei contributi per l’editoria, con apposita legge, dalla stato italiano e li prendono ogni anno, cifre che arrivano sino a 4,5milioni annui…forse non tutti lo sapevano…ora sì…e quindi che faccio ora mi fido delle valutazioni taroccate ? Che caduta di stile per il glorioso quotidiano nazionale, francamente sono deluso ma è evidente che anche il Sole 24ore marcia ..”nella corsia di sinistra”.  18122018

…by…manliominicucci.myblog.it

Clochard muore in stazione a Milano

Ipotesi infarto mentre dormiva, nessun segno di violenza

NON C’E’ LIMITE ALLA VERGOGNA …!

NON C’E’ LIMITE ALLA VERGOGNA …!

E sì “caro senatore senza cavallo” della repubblica italiana, non c’è veramente vergogna e ritegno nell’affrontare certe tematiche nelle quali proprio ..“tu sei li responsabile primario”, tu che hai portato l’Italia alla disperazione. Forse hai già dimenticato quanti imprenditori si sono suicidati per colpa delle tue politiche scellerate, oppure hai già dimenticato quanti italiani sono stati truffati dalle banche con la tua compiacenza e il plauso della tua meravigliosa amica e ministro del tuo governo nonché figlia di un banchiere…il nome non lo voglio scrivere perché mi provoca nausea a volontà…forse hai già dimenticato gli accordi fatti con la commissione europea per i famosi 80,00 euro e quelli poi stabiliti successivamente col governo guidato da te in ombra  e rappresentato da un certo Paolo  Gentiloni , sì sto parlando proprio  dell’accordo che stabiliva la manovra economica per l’anno 2019 allo 0,8% . Avete fatto scempio del popolo italiano ed ora fingi di averlo dimenticato. E’ ovvio che chi è subentrato al disastro organizzato ora abbia evidenti difficoltà a far quadrare i conti, e sai anche benissimo che la situazione drammatica nelle quale avete lasciato il paese non può essere reclamizzata altrimenti i “mercati” rispondono male e si perdono soldoni in borsa, come dire : tutto calcolato, facciamo i “cavoli nostri” e dopo, se perdiamo le elezioni e subentra qualcuno saranno problemi loro e noi possiamo attaccarli liberamente.. Sei maledettamente furbo, ma hai fatto male i conti, perché lo “sputtanamento” è sempre dietro l’angolo, e purtroppo per te, io,  posso dire quello che voglio e denunciare all’opinione pubblica tutte le tue malefatte senza turbare nessun mercato e nessun investitore straniero, ammesso che ce ne siano ancora. Vedi “caro senatore”, ho la netta convinzione e sospetto che tu abbia fatto della politica un “business personale” a  tutela dei tuoi interessi e quelli di tanti amici ..dai soldoni pesanti. Entro nel merito di questioni personali, in quanto personaggio pubblico, ma sarebbe bello che spiegassi come fa un senatore di sinistra, in teoria dalla parte del popolo, ospitante e buono, che acquista una villa da 1,5 milioni di euro, come a dire che il compagno milionario e anti capitalista fa il radical chic alla faccia dei suoi concittadini… poveri, è un bell’esempio di politica basata “sull’umiltà e rispetto” verso le classi meno abbienti. Fai schifo ? Non lo so quanto lo sei per gli altri, ma per quel che mi riguarda sappi che tante famiglie, orfani di padre o di mariti, oggi piangono i loro cari imprenditori suicida per colpa del tuo governo e l’operato del tuo partito, e ora vieni a farci la morale e predica ? Ma ..…. abbi la delicatezza di far silenzio, almeno per rispetto dei morti…17122018

  …by…manliominicucci.myblog.it

Renzi, è una maggioranza di passacarte

“Non siete le majorette di Salvini e Di Maio”

(ANSA) – ROMA, 17 DIC – “Faccio un appello ai parlamentari della maggioranza. A quei parlamentari che ci guardano imbarazzati perché si rendono conto di quello che sta accadendo ma cercano di minimizzare. Vi hanno fatto scendere in piazza per applaudire il leader dal balcone di Palazzo Chigi. Poi vi hanno fatto votare alla Camera una manovra dicendo che non era quella.
Smettete di farvi trattare da spettatori e passacarte. Voi non siete le majorette di Salvini e Di Maio. Avete una dignità.
Mostratela, se vi riesce”. Lo dice Matteo Renzi nella enews.

MA PER QUESTI …COS’È’ …GESÙ CRISTO ..?

MA PER QUESTI …COS’È’ …GESÙ CRISTO ..?
Non c’è giorno che i miei orizzonti si espandono ancora di più nel mondo dell’incomprensibile e della rivoltante politica del dio danaro e dei propri interessi economici. Purtroppo da quando è arrivato il nuovo papa a sostituire il malato e sofferente Ratzinger, la chiesa cristiana cattolica attraversa un momento di profonda crisi d’identità religiosa, quasi a voler dimostrare ai fedeli tutti che gli interessi economici dello stato vaticano prevalgono su quelli della fede. Sono anni che combatto e denuncio ciò che accade nel Pakistan e nei paesi di fede islamica contro le comunità religiose cristiane, omicidi di massa simili a veri e propri genocidi, sono anni che combatto per vedere Asia Bibi, sì,…quella condannata a morte per blasfemia e poi assolta, libera insieme alla sua famiglia in uno stato occidentale, magari proprio in uno dove la religione cristiana non è vista come “blasfemia”. Dopo il netto e vergognoso rifiuto del governo britannico a concedere l’asilo politico ad Asia, non dimentichiamoci che Londra ha un sindaco musulmano e una cospicua popolazione di quella fede, ebbene se n’è lavata le mani stile “Ponzio Pilato” e cosa fa lo stato pontificio diretto interessato nella questione ? Incredibile ma vero, per bocca del suo segretario di stato, dichiara di non poter interferire sulle questioni interne di un paese straniero….(?)… però si sente in diritto di interferire nella politica interna italiana…guarda un po’ ? Quindi, le difese militare e morali del cristianesimo nel mondo ora e in futuro saranno compiti degli americani e di Trump, ed allora chiedo: ma se la chiesa non difende i suoi fedeli nel mondo che senso ha ancora la sua esistenza fisica ? Gesù Cristo è stato messo in croce perché condannato per …”blasfemia…curioso vero ? Non si è rinnegato e ha indicato la via dell’amore dell’essere umano, ma i suoi discepoli , se tali vogliono essere chiamati, hanno ben compreso il senso del grande sacrificio o è più comodo parlare a “pancia satolla” e criticare seduti alla tavola di …Erode ? E poi, perché tanta sottomissione all’Islam ? Capisco che prendendo posizioni dure ci sarebbero altre stragi di cristiani in giro per il mondo ma la mia osservazione va in altra direzione ovvero: ma così facendo e accettando tutto passivamente abbiamo diminuito le stragi di cristiani nel mondo ? Non credo proprio, la chiesa cristiana cattolica deve rinnovarsi e capire che la povertà non si combatte con il “politically correct” ma con strumenti economici diversi e deve mettere necessariamente un argine alla avanzata islamica in occidente, la Gran Bretagna e Londra siano d’esempio nella questione Asia Bibi . È vergognoso che la chiesa di Cristo taccia sulla questione, meglio prender soldi dai… musulmani o dai comunisti…vero Bergoglio ? 17122018
…by… manliominicucci.myblog.it

CRISTIANI PERSEGUITATI

La terribile resa del Papa. Socci, rabbia su Bergoglio: “Islam e migranti, la verità”

16 Dicembre 2018

La terribile resa del Papa. Socci, rabbia su Bergoglio: "Islam e migranti, la verità"
I cristiani del Medio Oriente, finora martirizzati, perseguitati, dispersi e ignorati da tutti, hanno finalmente un difensore. Non si trova in Vaticano, ma a Washington, precisamente alla Casa Bianca.

Il presidente Donald Trump ha infatti firmato l’ Iraq and Syria Genocide Relief and Accountability Act (HR390), cioè una legge che riconosce il «genocidio» in corso, perpetrato dai gruppi Jihadisti ai danni di cristiani e yazidi.
È una legge che obbliga formalmente il governo americano ad andare in soccorso di queste popolazioni anche con progetti umanitari che difendano le minoranze religiose e stabilizzino quelle aree. Inoltre tale legge permette all’ amministrazione Usa di intervenire contro i persecutori, per dare la caccia ai terroristi che si macchiano dei crimini più efferati.

Per la firma di Trump, a questo atto solenne, hanno esultato i cristiani del Medio Oriente e quelli americani, insieme con i loro vescovi. Gelida invece la reazione negli ambienti vaticani: è il Vaticano di papa Bergoglio, dove si detesta Trump, dove non si muove un dito per i cristiani perseguitati e dove invece si preferisce caldeggiare – quotidianamente e ossessivamente – le migrazioni di massa (specie musulmane) in Italia e in Europa. Il cinismo del Vaticano bergogliano nei confronti dei cristiani perseguitati si è reso evidente in una recente dichiarazione del Segretario di Stato di Bergoglio, il cardinale Parolin, una dichiarazione che ha dell’ incredibile.

Come riporta l’ agenzia dei vescovi italiani, Sir, Parolin è stato interpellato sulla tragedia di Asia Bibi, la donna pakistana, madre di cinque figli, che, per la sua fede cattolica, era stata accusata falsamente di blasfemia. Asia ha sopportato quasi dieci anni di carcere durissimo, rifiutando di convertirsi all’ Islam, è stata condannata a morte in due gradi di giudizio e infine è stata assolta dalla Corte Suprema del Pakistan.
Com’ è noto la donna e la sua famiglia ora vivono braccati dai fanatici e suo marito ha chiesto asilo politico in diversi Paesi. La famiglia è poverissima ed è ad altissimo rischio in Pakistan.

I SILENZI DI PAROLIN – Ebbene Parolin, il numero 2 della Chiesa di Bergoglio, interrogato su questo caso, che ha commosso e indignato il mondo intero, ha dichiarato che attualmente non c’ è nessuna attività diplomatica della Santa Sede per Asia Bibi e la sua famiglia. Poi ha testualmente aggiunto: «È una questione interna al Pakistan, spero possa risolversi nel migliore dei modi».
Come dire: chi se ne frega, la cosa non ci riguarda. La sconcertante dichiarazione dell’ uomo di punta del Vaticano ha scandalizzato molti, pur essendo passata in sordina sui media. Infatti le gravi violazioni dei diritti umani non sono mai un affare interno di un regime, ma chiamano in causa tutti gli uomini e tutti i popoli. Lo proclama quella «Dichiarazione universale dei diritti dell’ uomo» di cui proprio in questi giorni il mondo ha celebrato i 70 anni (dall’ approvazione all’ Onu).
Ma soprattutto è sconcertante che sia il vertice della Chiesa a lavarsi le mani così platealmente della sorte di una donna condannata a morte per la sua fede cattolica e oggi minacciata con tutta la sua famiglia. Sono parole inaudite che cestinano pure il Vangelo, oltre al semplice senso di umanità.

NON DISTURBARE – Purtroppo però la scelta di questo pontificato sembra proprio quella di non disturbare i regimi che perseguitano i cristiani, “sacrificando”, all’ abbraccio con i dittatori, i diritti fondamentali dei perseguitati per la fede: lo dimostra anche il recente accordo del Vaticano con il regime comunista cinese che ha scandalizzato sia i cattolici perseguitati della Cina, sia i cattolici del mondo libero.
Peraltro lo stesso cardinale Parolin – contraddicendosi platealmente – ha poi rilasciato un’ altra dichiarazione sconcertante. Intervistato da Rai News il 13 dicembre scorso sul Global Compact sull’ immigrazione, ha sostenuto, a nome del Vaticano, che «poter migrare è un diritto», mentre, per gli Stati come l’ Italia, «il diritto a non accogliere non c’ è».
Un’ idea del genere, grottesca fino al ridicolo (oltreché inquietante), di per sé distrugge la sovranità di qualunque Stato, perché se uno Stato non può controllare le sue frontiere ed è costretto a subire qualsiasi emigrazione di massa, non esiste più come Stato. Basti pensare all’ Italia che dovrebbe rassegnarsi, senza poter fare nulla, alla potenziale emigrazione sul suo territorio di centinaia di milioni di persone dall’ Africa. Sarebbe davvero un’ invasione e con effetti apocalittici.
L’ aspetto surreale delle posizioni espresse dal numero 2 di Bergoglio è questo: mentre il Vaticano non intende disturbare i regimi dove sono violati i diritti umani fondamentali (perché sono questioni interne), lo stesso Vaticano nega a paesi liberi e democratici di esercitare una loro fondamentale prerogativa, quella di controllare le proprie frontiere, e decidere se e quale politiche migratorie praticare.

Tutto questo, peraltro, mentre il Vaticano, circondato da alte mura, è l’ unico Stato che non ha accolto e non accoglie nessun migrante e nessun profugo. Tanto meno accolgono la famiglia di Asia Bibi che, per la fede cattolica, è gravemente a rischio. Eppure Oltretevere vi sono grandi palazzi e lussuosi appartamenti, occupati da prelati che poi fanno prediche agli altri sul dovere dell’ accoglienza. Gesù così tuonava contro alcuni esponenti del potere religioso del suo tempo: «Dicono e non fanno. Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito» (Mt 23, 3-4).

Si ha la netta sensazione che a questo Vaticano importi assai poco pure dei migranti, ma li usa ideologicamente secondo l’ Agenda Obama che poi è l’ Agenda Onu. Nella stessa direzione del Global compact for migration”che produrrebbe una destabilizzazione globale, colpendo le identità dei popoli.
Per l’ Italia, per l’ Occidente e per la Chiesa le posizioni di Bergoglio sono devastanti. Anche sul Global Compact – come sui cristiani perseguitati – meno male che c’ è Trump.

di Antonio Socci
www.antoniosocci.com  

A RIDAGLI…..ALLO STOLTO…!

A RIDAGLI…..ALLO STOLTO…!

Ecco, nuovamente in una omelia si torna a parlare di politica, pura politica da salotto, di leggi inerenti al mondo della sicurezza pubblica, della mancata accoglienza dei migranti e per ridicolizzare ancora una volta il ministro degli interni,  e il tutto, ovviamente dimenticando di essere in luogo sacro e che taluni discorsi non vanno neanche pensati. Probabilmente il parroco ritiene fondamentale e altamente religioso l’ingresso dei migranti nel nostro paese, esattamente come auspica il Papa, però, considerando il suo modo arrogante e offensivo per certi versi, mi piacerebbe proprio chiacchierare con questo parroco, perché credo che di amore verso gli uomini e soprattutto Gesù Cristo evidentemente non ne ha più, forse…dico forse, si è consumato nel tempo e ha dimenticato quale sia il  “sacro magistero della chiesa” e il suo compito dinanzi a Dio e agli uomini di fede. Andiamo per ordine e analizziamo le sue sconcertanti parole :  Paragonare l’anno “zero” al 2018 è semplicemente ridicolo per una serie di circostanze che in passato non esistevano, in primis l’islam non c’era, e non c’erano neanche i mussulmani, sì…proprio quelli che commettono stupri, violenze di ogni genere, che picchiano selvaggiamente i poliziotti  quando cercano di fare il proprio lavoro, quelli in particolare che fanno attentati terroristici in tutto il mondo con mitra e bombe e… tanti morti e feriti, ed è per questo che è nato “il decreto sicurezza”…caro parroco.. . Seconda cosa, la gente che scappava da Erode, scappava per non dare una morte certa ai loro figli mentre i migranti che oggi arrivano da noi, i figli, le mogli e i genitori li lasciano lì  nel loro paese a dimostrazione che la loro venuta da noi è solo di opportunità economica e non perché il ministro Salvini vuol uccidere i loro primogeniti….siamo seri per piacere…Non mi pare che Giuseppe sia emigrato e abbia lasciato Gesù e Maria in altro posto, ma mi risulta che se li sia portati …dietro .Siamo un tantino in situazioni molto ma molto diverse, e in ultimo, la chiesa tutta si prodiga per l’accoglienza, bene, ed allora pongo un paio di quesiti al meraviglioso parroco : ma quando arrivano da noi che gli facciamo fare ? Li inseriamo nel mondo dello spaccio ? Dove li alloggiamo ? E poi visto che voi li volete accogliere e state combattendo per questo, ospitateli voi e riempite le chiese e le canoniche di ..migranti….e ovviamente, manteneteli in toto, perché è troppo facile fare i buoni con i soldi degli altri… o no caro parroco ? 16122018

…by…manliominicucci.myblog.it

 

Parroco, con Salvini Gesù non si salvava

Vescovi (Lega), ‘Omelia-choc è fuori luogo, faccia mea culpa’

(ANSA) – AGLIANA (PISTOIA), 16 DIC – “Bisogna ricordarsi che la famiglia di Gesù fu costretta, visto l’infanticidio ordinato da Erode, ad emigrare in Egitto, come ci dice il Vangelo. Ma non lo avrebbe potuto fare se ci fosse stata una legge sui migranti come c’è oggi in Italia”. Lo ha detto don Paolo Tofani, parroco di San Piero ad Agliana (Pistoia) nell’omelia domenicale. “Ho parlato anche della legge Salvini – aggiunge il sacerdote – dicendo che è inutile fare il presepe e poi ostentare segni cristiani se poi quando ci inchiniamo alla grotta di Betlemme non viviamo quello che Gesù ci ha insegnato cioè l’accoglienza, l’amore, la misericordia, la disponibilità al servizio”. Le parole del sacerdote hanno suscitato la protesta del senatore della Lega Manuel Vescovi che parla di “frase-choc”: “Da cattolico – dice – sono rimasto sbalordito e amareggiato da quanto riferitomi da alcuni fedeli” e la “frase, se davvero pronunciata sarebbe gravissima e non in linea con lo spirito di chi veste l’abito talare, chi l’ha detta faccia mea culpa”.

MA I POPOLI NON SONO PIÙ SOVRANI ?

MA I POPOLI NON SONO PIÙ SOVRANI ?
C’era da immaginarselo che il tanto decantato e voluto trattato sui migranti di Marrakech venisse contestato e con forza dai popoli più esposti alla migrazione forzata come quelli europei. Certo, ad esser pratici, chi vuoi che vada in Mongolia o in Vietnam a passare il resto della sua vita, è ovvio che il sogno ambito è sempre l’occidente. Il sogno di tutti arrivare a beneficiare con poco sforzo e lavoro delle sue ricchezze e della sua modernità, piacevole è il suo stile di vita e cultura profondamente diversa dalla loro però poi, una volta arrivati stranamente vogliono imporci i loro usi, costumi, abitudini alimentari e soprattutto la loro religione.. È sempre la solita storia in ambito radical chic europeo, si evoca sempre la difesa della libertà dal fascismo e dal nazismo e poi si comportano come i peggiori comunisti dell’era staliniana. Sino ad oggi non ho ravvisato nessun gesto di democrazia e libertà nei confronti dei popoli europei ma solo imposizioni e vessazioni, obblighi a cambiare le radici culturali e persino quelle religiose e tutto questo senza neanche chiedere il mio parere e quelli di altri milioni di esseri pensanti come lo scrivente. È alquanto singolare che si censurino e si oscurino le costituzioni per amore di migranti che scappano dalle loro case per motivi di opportunità per poi toccare con mano che a loro delle nostre costituzioni non gliene frega un fico secco…come le nostre leggi, non solo non vengono rispettate ma addirittura anche calpestate come le nostre forze di polizia.. l’Europa deve capire che il popolo è sovrano e da tempo che predico rispetto e democrazia, lasciate che sia il popolo con una decisione referendaria a volere o non volere i migranti in casa…Pazzi, è roba da mentecatti aver sottoscritto il trattato di Marrakech, ora l si stanno aprendo i confini… del baratro per noi occidentali e non se ne rendono conto…a Bruxelles… è veramente pazzesco quello che accade… l’inizio della nostra fine.16122018

…by…manliominicucci.myblog.it

Scontri a Bruxelles, carica della polizia contro i manifestanti

Facinorosi lanciano petardi, cartelli e insegne contro agenti

Continuano gli scontri nella capitale europea dove la polizia è intervenuta caricando una frangia di 200-300 manifestanti, molti a volto coperto, che hanno lanciato petardi, cartelli stradali e insegne sradicate lungo il loro percorso, contro gli agenti. Gli agenti sono intervenuti con gli idranti all’altezza di Rond Point Schuman, cuore del quartiere Ue, tra la sede della commissione e quella del consiglio. La marcia contro il patto siglato a Marrakech è stata organizzata da associazioni di destra ed estrema destra fiamminghe

E ALLORA ? SIETE IMPAZZITI ?

E ALLORA ? SIETE IMPAZZITI ?
D’accordo, all’andata quei delinquenti degli ultras tedeschi ne hanno fatto di tutti i colori ai tifosi laziali e ai loro familiari dopo la partita e colpevolmente l”UEFA non ha condannata con l’esclusione dalla coppa e dal torneo la squadra tedesca né ha impedito, con un’opportuna squalifica, la presenza di tifosi tedeschi a Roma nella partita di ritorno. Non ci voleva molto ad immaginare ad una reazione violenta di chi ha subito precedentemente il torto, ed era facilmente prevedibile e nei fatti la reazione c’è stata. Ovviamente non giustifico mai chi opera con la violenza ma capisco i tifosi laziali per la loro rabbia, ma vorrei capire perché colpire un carabiniere che sta facendo il suo lavoro ? Sì è passati da una comprensibile ragione al torto marcio e ad una giusta condanna morale di tutto il paese. I carabinieri non si toccano, loro sono i nostri figli, fratelli, padri o mariti che sgobbano da mattino a sera per portare il pane a casa, e un conto è se viene ferito in un conflitto a fuoco con dei banditi e un’altro è essere colpiti e mandati in ospedale da dei tifosi… di calcio…e italiani per giunta… è un ridicolo paradosso . In ultimo mi rivolgo alle istituzioni europee del calcio, ligi e pronti a condannare una squadra di calcio per non aver rispettato delle curiose regole amministrative e non ci si preoccupa della violenza dei tifosi. Ma stiamo scherzando davvero ? È notizia di oggi della multa di 12 milioni di euro al Milan, ma sugli incidenti di Francoforte… assoluto silenzio. Che strana coincidenza, quando ci sono di mezzo i tedeschi ci son sempre due pesi e due misure…In ultimo, per piacere abbiate rispetto dei carabinieri… grazie. ..15122018

…by… manliominicucci.myblog.it

 

“Infame. pezzo di m****!”, aggressione choc ad un carabiniere dopo Lazio-Eintracht: il militare estrae la pistola

La pistola puntata contro aggressori incappucciati, il militare costretto a indietrggiare, il carabiniere colpito in testa dal lancio di un oggetto (forse una bottiglia) e gli insulti indegni contro la divisa.

Scene di ordinaria follia. Ma è quanto successo giovedì sera a Roma, in occasione della partita di Europa League tra Lazio Eintracht Francoforte. Siamo a Trastevere. Ore 23.30 circa. Un gruppo di incappucciati sta seminando il panico nel rione. È una vera e propria caccia al tedesco per le strade della Città eterna. Sono in cinquanta, molti giovani, forse tifosi di calcio.

Il video (guarda qui) mostra i momenti concitati dell’aggressione al carabiniere. Il militare, che era intervenuto per evitare un pestaggio ai danni di due tifosi tedeschi, ha provato a fermare i 50 tifosi scatenati e incappucciati. Ma questi lo hanno rerspinto, armati di spranghe e altri oggetti. Nel filmato si vede il militare indietreggiare con la pistola di servizio puntata contro gli aggressori. Gli ultras gli lanciano qualcosa contro e lo colpiscono alla testa. Poi lo riempono di insulti. Il militare cerca di raggiungere l’auto di servizio mentre gli ultras avanzano minacciosi. Gli tirano addosso anche un cassonetto dell’immondizia incendiato. “Vattene aff… – urlano i tifosi – brutto infame. Pezzo di m…”. Alla fine il tutore dell’ordine è costretto a scappare.

“Il militare è stato costretto ad estrarre l’arma d’ ordinanza per contrastare l’offesa inaccettabile e sproporzionata! – scrive su Facebook il sottosegretario Massimo Bitonci – Spero che questi delinquenti e vigliacchi vengano rintracciati al più presto, perché non è ammissibile che l’autorità debba essere oltraggiata, oltretutto con tale disprezzo e violenza! #giulemanidalleforzedellordine. Chi non rispetta le istituzioni non rispetta lo Stato! Solidarietà per il Carabiniere!”.

GILET GIALLI ? NO..NUDI..!

GILET GIALLI ?   NO..NUDI..!

E bravissime e complimenti alle tre ragazze che hanno preso “di petto” la questione, quando ci vuole…ci vuole… e visto che i “gilet gialli” non riescono a cacciare Macron ora ci provano con….le tette.. No…non sono le stesse ragazze del gruppo ucraino “Femen”, ma sono le” Marianne” francesi che hanno inscenato un’insolita protesta, alla quale noi non siamo abituati ma che certamente sembra essere efficace, infatti dalle prime foto, viste in rete, mi pare di vedere tanto imbarazzo nelle forze di polizia …e sinceramente la trovo anche divertente una protesta del genere, chi mai potrà essere violento con una ragazza a seno nudo che mostra tutta la sua purezza d’animo ? Nella mattinata a Parigi non si sono registrati incidenti e tutto lasciava immaginare che l’appello delle autorità governative fosse stato accolto appieno, e sembrava che la gente avesse anche timore di recarsi nelle strade dopo la strage di Strasburgo, ma poi, nel pomeriggio la gente è ritornata a fiumi sulle strade ed è ricominciata la ribellione contro il “despota  Macron”. E’ duro di comprendonio evidentemente … il tizio, non vuol proprio capire che deve andar via e dimettersi…. la gente non lo vuole più. Oggi, oltre i morti di Strasburgo, si registrano, purtroppo, altre due vittime, deceduti perché hanno tentato di forzare i blocchi stradali dei gilet gialli con le proprie autovetture, a volte mi riesce difficile comprendere la psicologia delle persone, le proteste popolari quando si organizzano le si fanno nell’interesse collettivo e partecipare è quasi un dovere e non tentare la sorte contro chi combatte per i diritti del popolo. Tra l’altro si combatte per una vita migliore e meno costosa e in fondo bastava non uscire di casa se non si vuol partecipare, oppure se sei in auto bastava tornare indietro quando ci si è trovati di fronte al blocco stradale  e non usare la forza e far la guerra a chi cerca di combattere per i diritti… .Spiace che altre due persone siano morte inutilmente però le due vittime devono insegnarci qualcosa e cioè che i diritti si acquisiscono con la dura lotta e il costo che si paga è sempre altissimo anche col sangue se  è necessario. Guardatela da ogni angolatura ma questa è di fatto già  una piccola rivoluzione moderna con i suoi morti, incidenti e feriti …e non è uno scherzo o una lite tra opposte fazioni politiche. Ci siamo, oggi è il colpo tremendo al governo francese, avevo già previsto che ci sarebbero stati morti e continueranno se il governo e Macron non andranno via. 14122018  …by…manliominicucci.myblog.it

Gilet gialli, tre ‘Marianne’ a seno nudo

Non sono Femen ma interpreti performance Deborah de Robertis

Vestite da Marianna, simbolo della Repubblica francese, tre ragazze – immobili e a seno nudo nonostante il gelo – sono rimaste una buona mezz’ora oggi, impassibili, davanti agli scudi della polizia che bloccava i gilet gialli nel mezzo degli Champs-Elysees.
Anche se qualcuno ha inizialmente pensato potesse trattarsi delle Femen, celebri per le loro dimostrazioni di protesta, i media francesi hanno spiegato che si trattava di una performance artistica della franco-lussemburghese Deborah de Robertis, nota per essersi spogliata in diversi musei francesi.

BRAVI SOLO A CREARE PROBLEMI…

BRAVI SOLO A CREARE PROBLEMI…
E non mi riferisco ovviamente ai migranti ospitati, loro sono fatti così, li conosciamo da tempo, quando non ottengono quel che chiedono si danno alla gratuita violenza, non capiscono che l’accoglienza non è una cosa fattibile quando non ci sono le risorse economiche e lavorative nel paese che è obbligato ad accoglierli. Purtroppo i migranti devono capire che si emigra solo nei paesi in grado di ospitarli e dopo regolare richiesta di asilo politico, oppure per un semplice permesso umanitario e non si invadono, senza criterio, paesi la cui economia è in continua fibrillazione e dove la condizione lavorativa è già precaria per i residenti. È questo il frutto di scellerate politiche, europee e nazionali, ed è comprensibile che i migranti non possano essere a conoscenza della reale situazione di difficoltà in cui vivono i paesi occidentali, paesi in crisi e vessati dai continui tagli alla spesa sociale imposti dalla commissione europee. Ci sono in Europa tante zone emarginate dalla società e ed in particolare tantissime zone del sud Italia, dove la povertà è dilagante. Tutto questo a quanto pare, al “meraviglioso ed accogliente” sindaco di Bari queste realtà drammatiche non sono note neanche a lui visto il suo “modus operandi” di questi anni, sempre presente con la fascia tricolore ad accogliere e a dimostrare il suo “buonismo”. Ora i migranti , non più graditi, devono tornarsene a casa loro ed è logico che non ci vogliano tornare visto che qui sono… mantenuti da noi, e allora la protesta insorge, fiamme e fuoco è la loro risposta al rimpatrio. Ora tocca al caro sindaco e la sua giunta trovare la soluzione del problema, perché prima, invece di fare proselitismo per l’accoglienza avesse guardato bene il contesto della sua città si sarebbe reso conto che Bari ha tantissimi problemi e non è in grado di sobbarcarsi un’immigrazione selvaggia, ma è chiaro che quando si sposano le ideologie la… razionalità va a farsi benedire . Non ci voleva molto per capire che questa immigrazione nell’immediato futuro sarebbe stata difficilissima da gestire se non proprio impossibile, si è creato a loro danno una spirale di continue illusioni, quindi è normale che questa gente ora si ribelli, forse anche loro, adesso, hanno capito di che pasta sono fatti i sinistri politici… radical chic…solo chiacchiere e distintivo. 14122018

…by…manliominicucci.myblog.it

Migranti:fuoco Cpr per opporsi rimpatrio

Ferite lievi per 5 rappresentanti delle forze dell’ordine

UN FATTURATO DA ….NON CREDERE….!

UN FATTURATO DA ….NON CREDERE….!
Già, facendo un po’…due conti così, velocemente e senza entrare nei particolari ci si rende conto di quanto possa guadagnare questo signore “spiando la gente famosa” e facendo fotografie anche osé, violando la privacy delle persone. Non apprezzo per niente chi ha deciso di vivere così, vivere da re facendo lo spione è un mestiere che proprio non mi garba anzi, provo disgustosa l’idea che si debbano condizionare uomini o donne e spingerli a comportamenti ipocriti per paura di essere fotografati, oppure non poter comunicare le proprie emozioni o sentimenti perché magari lì, in un remoto angolo nascosto, c’è un “avvoltoio di paparazzo” pronto a colpire. No…il discorso è ovviamente più ampio ma questo tipo di lavoro proprio non mi entusiasma e pensare che Corona fatturi come una grossa azienda produttrice di beni francamente mi lascia allibito, mi piacerebbe proprio vedere le sue fatture emesse e la descrizione del servizio che offre… sì soprattutto la descrizione… magari ci scrive : spione dalle ore ..alle ore …per attività fotografica a danno di….. Bhe, forse più o meno sarà così, anche se ho voluto ironizzare nella realtà non credo di essere andati lontano. I 14,5 milioni di euro non pagati all’erario significa che il “bravo spione” avrebbe incassato, come somma guadagnata, almeno 35 milioni. Sono cifre proprio da aziende di livello…mha…a questo punto forse ci conviene fare gli spioni e non lavorare…. onestamente.. 14122018 …by… manliominicucci.myblog.it

Agenzia delle Entrate chiede a Corona 14,5 milioni

Per tasse non versate. Da atti risultano 8 milioni già dati

L’Agenzia delle Entrate chiede a Fabrizio Corona e alle sue società circa 14,5 milioni di euro di tasse non versate. E’ emerso da un procedimento davanti alla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, che nei mesi scorsi ha confiscato la casa dell’ex agente fotografico e alcune centinaia di migliaia di euro di contanti, e in particolare da un’udienza tecnica di ‘verifica crediti’. Dagli atti, tuttavia, risulta che Corona ha versato negli ultimi anni circa 8 milioni di euro.

Nel procedimento, in cui è parte anche l’Agenzia per i beni confiscati con il legale Ilaria Ramoni, l’Agenzia delle Entrate si è presentata come creditore nei confronti dell’ex ‘re dei paparazzi’ producendo una serie di cartelle esattoriali per una cifra superiore ai 14 milioni di euro. Il giudice Giuseppe Cernuto, però, non ha ammesso i crediti vantati dall’Agenzia delle Entrate, spiegando che semmai l’ente deve andare a chiedere quei soldi direttamente all’ex agente fotografico che lavora e produce reddito, ma non può entrare in questo procedimento che riguarda beni confiscati.
Dagli atti, poi, risulta che l’ex agente fotografico negli ultimi anni ha già versato al Fisco circa 8 milioni.

Con 4 ospitate in tv incassa 200 mila euro – Fabrizio Corona lavora e produce reddito anche con le ospitate in tv e, ad esempio, con quattro apparizioni televisive negli ultimi mesi ha incassato circa 200 mila euro. Lo spiega la Sezione misure di prevenzione del Tribunale milanese nel provvedimento con cui non ha ammesso l’Agenzia delle Entrate che sostiene di vantare un credito di circa 14,5 milioni di euro dall’ex agente fotografico, come creditore nel procedimento relativo a casa e contanti confiscati all’ex ‘re dei paparazzi’. Lo scorso aprile, infatti, la Sezione misure di prevenzione, presieduta da Fabio Roia, aveva disposto la confisca della casa di Corona di via de Cristoforis, zona della movida milanese, intestata fittiziamente, secondo gli accertamenti, al suo ex collaboratore Marco Bonato. Dall’altra parte, quasi 1,9 milioni di euro degli oltre 2,6 milioni in contanti, che vennero sequestrati nel 2016 all’ex ‘fotografo dei vip’ in parte in un controsoffitto e in parte in Austria, sono tornati, su decisione dei giudici (Rispoli-Cernuto-Pontani), nelle mani dell’ex ‘re dei paparazzi’, o meglio di due società comunque a lui “riconducibili”. Dopo la conclusione della fase delle confische, si è aperta appunto la fase tecnica della ‘verifica crediti’, nella quale coloro che ritengono di essere creditori del soggetto a cui sono stati confiscati beni possono chiedere di entrare per recuperare soldi. Proprio in questa fase si è presentata l’Agenzia delle Entrate depositando una sfilza di cartelle esattoriali per un totale di oltre 14 milioni, non ammessi, però, come crediti dal Tribunale milanese. Il giudice ha deciso, invece, di disporre approfondimenti su una contestazione per 190 mila euro di multe non pagate a carico di Bonato.

MANO ASSASSINA CHE HA INCROCIATO UN COETANEO…!

MANO ASSASSINA CHE HA INCROCIATO UN COETANEO…!

“Mano assassina che ha incrociato un coetaneo “, ecco come ha esordito l’annunciatrice di  un TG nazionale, canale 5, nei titoli di apertura del telegiornale delle 20,00, nel comunicare l’annuncio della morte di Antonio Megalizzi, decesso  che fa salire a quattro le vittime ammazzate dell’attentato di Strasburgo. Un modo certamente molto singolare, se non proprio ridicolo, ma che diavolo significa ? Una frase coniata quasi con tono poetico e toccante ma non si capisce verso chi, infatti il senso della frase è attento a non attribuire al criminale omicida alcun epiteto, escludendo a priori qualunque riferimento religioso e rivolgendogli solo :”mano assassina”. Insomma,  per dire che un povero ragazzo  di appena 29 anni, che amava la vita e il suo lavoro, e che si trovava a Strasburgo proprio per realizzare i suoi sogni, è morto ammazzato per mano “ di un terrorista islamico” senza nessun valido motivo, se non quello religioso, ha deciso di ucciderlo e lo ha fatto barbaramente e senza nessuna pietà, si improvvisano giri di parole ..per mitigare il tragico episodio…ridicolo ..ma vogliamo scherzare ? Ora, capisco che non bisogna metter benzina sul fuoco, però minimizzare un crimine efferato con una semplice descrizione poetica è il paradosso dei paradossi, ed è una roba estremamente offensiva nei confronti del defunto…”ammazzato” ..dei parenti e soprattutto di tutti coloro i quali  ascoltano le notizie dei TG…no ..non è corretto ridurre il tutto ad una semplice frase ad effetto. Non dimentichiamolo mai, perché come ieri a Parigi, anche oggi piangiamo un nostro figlio che non farà più ritorno a casa, solo perché uno dei tanti “cosiddetti radicati islamici” un giorno qualunque, ha imbracciato un mitra ed andato a far la “spesa di vite di infedeli al supermarket” del centro città…perché questa è la dura verità. Sia ben chiaro che il terrorismo è lo stato che deve combatterlo e non noi cittadini però, esigo che gli organi di stampa ci dicano e ci raccontino le verità senza nasconderci nulla e che i terroristi, anche quando sono islamici e non islamisti, vengano chiamati e definiti per quello che fanno e sono e non inventarsi sempre “slogan pigliaculo” per giustificare e mitigare l’omicidio di essere umani, perché a far così si diventa anche complici…cari signori… sì, mi dispiace di dover essere così duro in questo triste giorno, ma non riesco proprio a rimanere inerme e sereno dinanzi a ” vite rubate”  e in quel modo…spero solo che la perdita di 4 vite insegnino qualcosa e si prendano provvedimenti seri in ambito europeo…lo spero proprio.. R.I.P.  ANTONIO MEGALIZZI……14122018 …by…manliominicucci.myblog.it..

Strasburgo, è morto Antonio Megalizzi

Il reporter italiano era rimasto gravemente ferito nell’attentato di martedì sera al mercatino di Natale. Conte: ‘Uniti in questo dolore’. Salvini: ‘Una preghiera per Antonio’

E’ morto il giornalista italiano Antonio Megalizzi rimasto ferito gravemente ferito alla testa martedì sera nell’attentato al mercatino di Natale di Strasburgo. E’ salito così a quattro il bilancio delle vittime del killer Cherif Chekatt , rimasto ucciso in un blitz a 48 ore dall’attacco.

Antonio, 29 anni era a Strasburgo per il progetto Europhonica, una web radio con la quale collaborava. Europeista convinto, giudicato da tutti un bravo ragazzo stava insieme a Luana da quattro anni.  “Purtroppo siamo costretti a confermare che il nostro collega Antonio ci ha lasciati. I nostri pensieri vanno alla famiglia e a tutti i suoi amici e colleghi. Vi preghiamo di rispettare il momento doloroso”. Lo scrive su Twitter Europhonica. Intanto il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige Mauro Keller, nell’esprimere profondo cordoglio, annuncia che nei prossimi giorni verrà consegnato ai famigliari di Antonio Megalizzi il tesserino di iscrizione all’Ordine del giovane reporter, il quale nei prossimi mesi avrebbe completato la pratica per l’ingresso nell’elenco dei pubblicisti. “All’inizio della prossima riunione della Consulta regionale il 20 dicembre a Bolzano, sarà inoltre osservato un minuto di silenzio”, conclude Keller.

 

“Profondo dolore per la morte di Antonio #Megalizzi, un giovane con una grande passione per il giornalismo, per la radio, per le inchieste e per le istituzioni europee. Un pensiero commosso ai suoi familiari e alla sua ragazza, insieme alla solidale vicinanza di tutto il Governo”. Così su Twitter il premier Giuseppe Conte.