cronaca di vita quotidiana in Italia e nel mondo

CIAK SI GIRA….”RISORSE IN….AZIONE”…

CIAK SI GIRA….”RISORSE IN….AZIONE”…

Film nuovo, ma pellicola vecchia e già rivista negli ultimi sette anni in particolare, e a dir il vero ormai noiosa e nauseante, non c’è giorno che dobbiamo fare i conti con questi maiali e bestie. non ho dolci parole nè ho comprensione per queste persone  che.. dimostrano di essere la feccia del genere umano. Ora le violenze accadano proprio all’interno dei centri di accoglienza e per mano di quelle persone che scappano dalla… guerra, almeno così raccontano i radical chic, infatti il “mediatore culturale” continua a scappare ma questa volta dalla ….polizia italiana. La cosa è che fa più rabbia è la loro indolenza e l’assenza di timore e rispetto verso le nostre leggi e modi di vivere, infatti non si è preoccupato delle probabili conseguenze ma agito di impulso fregandosene delle conseguenze. Che grande bufala e fallimento totale si è dimostrata l’accoglienza indiscriminata voluta ed imposta dalle sinistre forze oscure della sinistra, averci portato in casa, non povera gente veramente affamata e bisognosa di aiuti, dei veri delinquenti da assimilare a orde sataniche pronte a distruggere ogni attimo della vita di una persona e delle fondamenta di uno stato civile è un crimine verso il genere umano intero e non solo contro l’Italia, perché non dimentichiamocelo, tanti di quegli individui sono ora in giro per l’Europa a spacciare droghe liberamente e senza nessun timore delle forze di polizia. Non piacciono ai buonisti e radical chic le mie verità , lo so che fanno male ma fa male ancora di più lo stato in cui versano le città, ridotte a zone franche per mano di migranti che non sanno cosa fare da sera a mattino e il cui unico obiettivo che hanno è far soldi e la bella vita. Troppo facile dire che non hanno i documenti e lavoro perché i documenti si sapeva già che non li avrebbero ottenuti in quanto in Senegal, Nigeria, Ghana, Tunisia e Marocco non ci sono guerre come anche la bufala del lavoro, 34% di disoccupazione giovanile e i buonisti, intellettuali e radical chic  pretendono di dare un lavoro ad uno che viene da fuori e perché mai poi ? Se permette il posto di lavoro lo do a mio figlio o ai miei nipoti  e non li voglio vedere buttati nei salotti e depressi…Vergognosi sinistroidi, hai reso l’Italia un inferno ed ora cercate pure di prendere le difese dei criminali, ricordate che Desirèe e Pamela erano figlie dei.. populisti e non dei radical chic…. morte solo per colpa vostra e questo ve lo portate sulla coscienza sino a quando non arriverete tra le braccia… di satana nell’inferno…ammesso che esista…27102018.

by…manliominicucci..

Ragusa, violenta una richiedente asilo: arresto di un mediatore culturale del Gambia

27/10/2018 – 11:20

 

BENE…MOLTO BENE…

BENE…MOLTO BENE…

Diritto di prelazione della regione Lombardia vuol dire che i signori musulmani se ne possono tornare in Arabia Saudita o in Iran a “pregare col culo in aria”. Finalmente anche i crociati mostrano i segni dell’insofferenza agli islamici e cominciano a combattere, non se ne può più della loro violenza celata da “cattiva integrazione” e assenza di lavoro e razzismo dichiarato. Quelli che vengono qui oltre i soldi hanno come obiettivo primario quello di islamizzare l’Italia con la droga, se non lo sapete, è uno dei loro mezzi principali per sottometterci e ridurci allo stato di schiavitù, infatti loro non ne fanno uso…è proibito dalla loro legge coranica. Ho riflettuto tantissimo e attentamente sulla vicenda e purtroppo alla fine sono giunto alla conclusione che le nostre ragazze non solo vengono violentate per i loro sporchi desideri sessuali  ma rese anche schiave e vendute tra di loro perché ognuno faccia quello che meglio desidera o crede. Infatti uno dei criminali africani, è stato beccato a Foggia, il “bastardo nero” sapeva già dove andare a rifugiarsi e questo la dice lunga sulla forza della loro organizzazione e sulle capacità di sfuggire alle forze di polizia. Infatti arrivare a Foggia da Roma sembra facile ma non lo è  per un criminale, perché dopo l’omicidio di Desirèe sicuramente sono scattati controlli sulla rete stradale e ferroviaria…. eppure lui ci è arrivato lì. Altra tremenda analisi è questa, fateci caso, ma ad oggi non si registra una violenza sessuale o uno stupro a danno di una ragazza …”mussulmana”. Già nessuno ci ha pensato, ma ci ho pensato io e la domanda la vorrei girare ai buonisti radical chic amanti del dialogo con l’islam e pro accoglienza  per tutti. Ecco i risultati della loro politica di accoglienza, morti, droga in quantità e ora anche l’Islam ..c’è da essere proprio felice. Bene Fontana, difendiamo le nostre radici e le nostre chiese e soprattutto le nostre …”donne”… 26102018

by…manliominicucci

 © ANSA

Lombardia, diritto prelazione ex chiesa

A.Fontana, simbolo della cristianità sarà salvaguardato

(ANSA) – MILANO, 26 OTT – “Il simbolo della cristianità della cappella della Chiesa Casa Frati di Bergamo sarà salvaguardato perché Regione Lombardia farà valere il diritto di prelazione”.
Lo annuncia il governatore della Lombardia Attilio Fontana riferendosi alla ex cappella del vecchio ospedale di Bergamo acquistata dall’Associazione dei musulmani attraverso un bando indetto da una società regionale per farne una moschea. “La Chiesa dei Frati – spiega il governatore – è vincolata dal Ministero dei Beni culturali e la sua vendita può essere effettuata solo con le modalità disposte dal decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004 in materia di Beni artistici, il quale prevede che la compravendita del bene possa avvenire solo se lo Stato, la Regione o il Comune non eserciti il diritto di prelazione dell’acquisto. Diritto di cui la Regione ha intenzione di avvalersi”.

IL NEMICO ALLE….. PORTE…..

IL NEMICO ALLE….. PORTE…..
Una nuova moschea prenderà forse posto di una chiesa cristiana, ma tanti sicuramente non lo hanno letto il Corano e tanti non sanno cos’è l’islam e cosa cci sia scritto . Bene il Corano si divide in Sure e versetti, ognuno di questi sono le linee guida del buon musulmano da applicare nella vita di ogni giorno, vi prego di leggerne alcuni di questi versetti e poi esprimete un libero parere, aggiungo un dettaglio molto importante e significativo sul futuro del nostro paese, questo articolo non viene pubblicato su Facebook in quanto il social è in mano agli islamici che boicottano tutti i movimenti cristiani e i movimenti politici cristiani anti islamici. L’articolo è presente anche sul blog : manliominicucci.myblog.it e su Instagram oltre che su Google. Sapevate che ci sono 123 versi del Corano relativi al combattere ed uccidere per la causa di Allah? Ecco, di seguito, alcuni passaggi : forse già conoscete questa “O voi che credete! Non abbiate amici tra gli Ebrei ed i Cristiani” [al-Ma’idah 5:51.11] .I musulmani sono incoraggiati ad occuparsi totalmente nel combattimento per la gloria di Allah [Sura 22:73]- Allah darà “una più grande ricompensa a coloro che combatteranno per lui” [Sura 4:96].. Circa gli infedeli (coloro che non si sottomettono all’Islam), costoro sono “gli inveterati nemici” dei musulmani [Sura 4:101]. I musulmani devono “arrestarli, assediarli e preparare imboscate in ogni dove” [Sura 9:95]. I musulmani devono anche “ circondarli e metterli a morte ovunque li troviate, uccideteli ogni dove li troviate, cercate i nemici dell’Islam senza sosta” [Sura 4:90]. “Combatteteli finché l’Islam non regni sovrano” [Sura 2:193]. “tagliate loro le mani e la punta delle loro dita” [Sura 8:12]. Se un musulmano non si unisce alla guerra, Allah lo ucciderà [Sura 9:93]. Al fedele deve essere detto “ il calore della guerra è violento, ma più violento è il calore del fuoco dell’inferno” [Sura 9:81] Un musulmano deve “combattere per la causa di Allah con la devozione a Lui dovuta” [Sura 22:78].I musulmani devono far guerra agli infedeli che vivono intorno a loro [Sura 9:123]. I musulmani devono essere “brutali con gli infedeli” [Sura 48:29].Un musulmano deve “gioire delle cose buone” che ha guadagnato con il combattimento [Sura 8:69].Un musulmano può uccidere ogni persona che desidera se è per “giusta causa” [Sura 6:152].Allah ama coloro che “combattono per la Sua causa” [Sura 6:13]. Chiunque combatta contro Allah o rinunci all’Islam per abbracciare un’altra religione deve essere “messo a morte o crocifisso o mani e piedi siano amputati da parti opposte” [Sura 5:34]. Chiunque abiuri la sua religione islamica, uccidetelo”. [Sahih Al-Bukhari 9:57]. Assassinate gli idolatri ogni dove li troviate, prendeteli prigionieri e assediateli e attendeteli in ogni imboscata” [Sura 9:5]. “Prendetelo (l’infedele n.d.t.) ed incatenatelo ed esponetelo al fuoco dell’inferno” [Sura 69:30]. “Instillerò il terrore nel cuore dei non credenti, colpite sopra il loro collo e tagliate loro la punta di tutte le dita” [Sura 8:12]. “Essi (gli infedeli ndr) devono essere uccisi o crocefissi e le loro mani ed i loro piedi tagliati dalla parte opposta [Sura 5:33]. “Sappiate che il paradiso giace sotto l’ombra delle spade” [Sahlih al-Bukhari Vol 4 p55]. Questo è una parte di islam definito dai media nazionali e dalla sinistra.. “moderato”… che è presente in Italia, in Europa e ci vuole sottomettere, domanda : dopo aver letto i vari versetti ritenete il mussulmano un nemico o un amico ? A voi le deduzioni.. ! 26102018

by manliominicucci

Musulmani acquistano all’asta una chiesa a Bergamo: “Sarà una moschea”L’associazione se l’è aggiudicata con un rialzo dell’8%, partendo da una base fissata a 418.700 euro

Pubblicato da la Stampa Italia  il 25/10/2018
Ultima modifica il 25/10/2018 alle ore 19:43
Una moschea al posto di una chiesa, nonostante la legge “anti moschee” della Regione Lombardia. È quanto potrebbe accadere a breve a Bergamo, visto che l’Associazione musulmani si è aggiudicata all’asta la cappella degli ex ospedali Riuniti, messa in vendita lo scorso 20 settembre dall’Asst Papa Giovanni XXIII, ospedale che fa capo proprio alla Regione. L’associazione musulmani si è aggiudicata l’asta con un rialzo dell’8%, partendo da una base fissata a 418.700 euro.

DA NOI NON È CHE POI SIA TANTO DIVERSO…

DA NOI NON È CHE POI SIA TANTO DIVERSO…

Infatti noi cittadini e pazienti  italiani in cura siamo in perenne ostaggio di una sanità che opera secondo il criterio di chi più ha allora… può curarsi meglio e prima ma chi non ha …beh.. allora sono problemi suoi. Nei fatti i pazienti non vengono curati nelle strutture pubbliche ed invitati oppure obbligati  a servirsi delle strutture private e in alcuni casi la stessa struttura pubblica che esercita in Intramoenia. Il ridicolo è proprio questo, cioè noi paghiamo delle prestazioni specialistiche o strumentali  presso la stessa struttura ma con due modi diversi ovvero, se paghi l’esame lo hai nel giro di uno o due giorni se invece sei un assistito allora devi aspettare mesi o addirittura anni. Ora immaginate le difficoltà di pazienti con patologie particolari, delle loro esigenze e di quanto la struttura sanitari  regionale di competenza, sia sensibile nei confronti di chi soffre. Potrei citare milioni di casi in cui il paziente è “sequestrato per mesi” prima di poter essere visitato da uno specialista oppure anche anni per un esame strumentale, una sanità che non ha rispetto per niente ma i dirigenti tutti e nessuno escluso, beccano una barchetta di soldoni per assicurarci un’assistenza da “voltastomaco”. Quindi di che ci meravigliamo se in Kenya pretendono di essere pagati dopo averti curato ? Almeno ti hanno curato …lì.. Invece noi paghiamo prima l’assistenza sanitaria in diversi modi, oltre il ticket, e non veniamo adeguatamente curati e se vogliamo, per necessità patologiche, qualcosa di urgente dobbiamo sempre rivolgerci ai privati e logicamente a pagamento. Non c’è nulla di scandaloso, di ridicolo sì, ma le cure le paghiamo noi e ben oltre i 40 dollari.. Siamo messi maluccio in ogni angolo del mondo e il bello è che tutti si battono per i ..”diritti del malato” , ma non fatemi ridere divertito… nessuno sa neanche cosa significhi vivere nei paesi dove non c’è assistenza sanitaria o nei paesi cosiddetti civili dove la cura della malattie è diventata questione riservata ai radical chic e… potenti politici.. E se non capite di cosa sto parlando ve lo dico chiaramente, parlo dei disabili e malati cronici abbandonati e agli “arresti domiciliari nei loro letti” altro che sequestro di malati… Di cosa si meravigliano in Kenya, venite in Italia e vi facciamo vedere come e dove vengono ricoverati i pazienti nei pronto soccorso degli ospedali…sulle barelle e nelle corsie quando va bene, oppure sul nudo e fresco  pavimento… 25102010

by…manliominicucci

 

 © EPA

Pazienti insolventi tenuti prigionieri

Dal Kenya all’India, alla Bolivia. Inchiesta di Ap

(ANSA) – NAIROBI, 25 OTT – Pazienti tenuti di fatto prigionieri in ospedale perché non in grado di pagare il conto delle cure: è la situazione fotografata da un’inchiesta della Associated Press, che ha raccolto prove e testimonianze di situazioni del genere in Kenya e in oltre 30 Paesi in tutto il mondo, comprese le Filippine, l’India, la Cina, la Thailandia, la Bolivia e l’Iran. Al Kenyatta National Hospital e in altri ospedali nel mondo, se non paghi, non puoi andare a casa: le strutture, emerge dall’inchiesta, spesso detengono illegalmente i pazienti molto tempo dopo che avrebbero dovuto essere dimessi, usando guardie armate, porte chiuse a chiave e persino catene per trattenere i pazienti. Emblematica la vicenda di Robert Wanyonyi, arrivato più di un anno fa al Kenyatta National Hospital di Nairobi dopo essere stato colpito in un rapina e che da allora non riesce a lasciare l’ospedale. Dato che non ha pagato il conto di quasi 4 milioni di scellini kenioti (circa 40 dollari), gli amministratori si rifiutano di liberarlo.

BIANCHI…ITALIANI..E RESIDENTI….FORSE COSI’ VA BENE

(ANSA) – ROMA, 25 OTT – Il senegalese Mamadou Gara, uno dei fermati per la morte di Desirèe Mariottini – si apprende da fonti investigative – aveva un permesso di soggiorno per richiesta d’asilo scaduto ed aveva ricevuto un provvedimento di espulsione firmato dal prefetto di Roma il 30 ottobre 2017.
L’uomo si era reso irreperibile. Era stato poi rintracciato dalla polizia a Roma il 22 luglio 2018 ed era stato richiesto nulla osta dell’autorità giudiziaria per reati pendenti a suo carico. L’altro senegalese fermato, Brian Minteh, aveva presentato alla questura di Roma il 24 agosto 2017 istanza di rinnovo del permesso di soggiorno umanitario, a seguito di una decisione adottata dal tribunale di Roma il 12 febbraio 2015. La questura era in attesa di integrazioni documentali perché la domanda risultava carente della prescritta iscrizione anagrafica. Il terzo, il nigeriano Alinno Chima, 46 anni, risulta titolare di un permesso di soggiorno umanitario rilasciato dalla questura di Roma il 14 marzo 2016 e scaduto il 13 marzo 2018.

LE IDEE VOLANO A TARANTO

LE IDEE VOLANO A TARANTO

Certo che l’astuzia di alcuni è proprio eccezionale, magari a sfruttarla per altri scopi benefici…. no ? Magari la prossima volta invieranno droga e telefonino in “..allegato mail”…pesanti …ovviamente..

 © ANSA

 

 

Cade un drone in carcere, dentro c’era droga

L’apparecchio è precipitato facendo scattare l’allarme

Con un drone alcuni malavitosi hanno tentato ieri sera di consegnare a detenuti nel carcere di Taranto due microtelefoni cellulari completi di cavetto di ricarica usb e un quantitativo di droga: l’apparecchio è però caduto ed ha attirato l’attenzione di un agente della Polizia penitenziaria, che ha dato l’allarme. Lo denunciano i sindacati Osapp e Sappe. Secondo il segretario generale dell’Osapp, Leo Beneduci, “come sempre, in fatto di tecnologia, la criminalità organizzata è al passo con i tempi a differenza dell’ Amministrazione Penitenziaria” che e ai “livelli del secolo scorso sia le proprie dotazioni in ausilio del servizio sia il proprio bagaglio di aggiornamento professionale”. Federico Pilagatti, segretario generale Sappe, spiega che “l’ingegnoso piano prevedeva anche il diversivo di fuochi artificiali fatti esplodere all’esterno del carcere, mentre il piccolo drone veniva guidato nel posto giusto, attraverso la fiammella di un accendino che il detenuto aveva acceso dalla finestra della cella”.

QUANTE RISORSE …PER DESIRÉE..!

QUANTE RISORSE …PER DESIRÉE..!Non posso esimermi dal criticare il modello di vita intrapreso dai nostri ragazzi, cari genitori tutti, davanti alla morte di una “bambina” di appena sedici anni avete il dovere di riflettere sugli errori che si commettono nell’educazione dei figli e cercare di comprendere che il verbo “negare” deve essere utilizzato ed applicato più spesso e non farsi sottomettere dai loro capricci. Capire che quando ci sono problemi nelle classi scolastiche non si attaccano a sproposito gli insegnanti, ma con loro ci si dialoga per il bene del figlio-allievo dimostrando rispetto per coloro che svolgono un percorso educativo nell’interesse del futuro cittadino. Si sono persi strada facendo i valori fondamentali della società, quali rispetto ed educazione verso i genitori, insegnanti e altri soggetti del mondo lavorativo in genere.  È inammissibile che una ragazza di appena sedici anni perda la vita per la solita “polvere maledetta” e cosa più raccapricciante è che sia trovata in un giro di spacciatori nord africani, cioè gente presa da noi dal mare e buttata nelle vie pubbliche a delinquere. C’è da dire che le responsabilità sono anche di uno stato incapace di affrontare il problema atavico degli stupefacenti grazie anche alla compiacenza di alcune forze politiche che ne fanno delle droghe un uso strumentale. Aggiungiamo poi e un’immigrazione incontrollata e selvaggia e questi sono i risultati, giovani donne che muoiono sotto i colpi delle droghe e delle violenze di gruppo, spaccio ad ogni angolo delle città, coprifuoco a tutti gli effetti e “dulcis in fundo” ci ritroviamo a dover piangere nuovamente una povera ragazzina poco più che adolescente. E questa la società che abbiamo costruito ? Tutti la vogliono multicolore e multietnica, ma siamo proprio sicuri che sia la più giusta a queste condizioni ? A vedere i risultati penso che tanta gente dovrebbe andare in galera o rispedita nel proprio paese d’origine, e speriamo che questa morte almeno metta fine allo stillicidio di vite umane e soprattutto di tante ragazze. Salviamo le vite dei nostri figli… è un obbligo e un dovere morale e non facciamoci distrarre dai soliti discorsi ricchi di banalità come le necessità di spacciare droghe perché lavoro non ce n’è , i crimini non hanno né trovano giustificazioni in nessun caso. 24102018

by….manliominicucci

Roma, l’ultima notte di Desirée stuprata e uccisa dal branco a 16 anni

L’autopsia sul corpo di Desirée Mariottini, la 16enne trovata morta tra giovedì e venerdì notte in uno stabile occupato in via dei Lucani, a San Lorenzo, conferma il racconto del supertestimone: la ragazzina di Cisterna di Latina aveva assunto stupefacenti e ha segni compatibili con una violenza sessuale, molto probabilmente di gruppo. La polizia ha ascoltato due immigrati africani e due ragazze per ricostruire le sue ultime ore di vita. E così il mistero ha lasciato posto alla più atroce delle verità. A quanto ricostruito finora dagli investigatori, la ragazza frequentava il magazzino semi-abbandonato da tempo e negli ultimi giorni sarebbe stata vista entrare e uscire in più di un’occasione. Sebbene gli esami tossicologici siano ancora in corso, i medici legali considerano probabile la morte per overdose. Saranno le indagini della Squadra mobile a chiarire come sia entrata nello stabile giovedì notte e con chi: il fascicolo è aperto per omicidio e stupro.

2002 D.C. ….STORIA DI UNA DITTATURA……!

2002 D.C.  ….STORIA DI UNA DITTATURA……!

Mi hanno insegnato che le chiacchiere stanno a zero e non sono mai applicabili e quel che conta sono i fatti. E purtroppo i fatti dicono che dal 2002, anno di entrata in vigore dell’unione europea, le cose vanno malissimo per il nostro paese, è certamente colpa nostra se spendiamo più di quanto possiamo ma questo è un altro discorso che affronteremo più avanti ora soffermiamoci sulle questione europea. Ma cosa me ne faccio di un’organizzazione che impone sangue e sacrifici ad un paese alla fame, con la pessima prospettiva che se si continua a tagliare sui servizi sociali saremo a livello della Grecia tra un paio di anni al massimo. È sbagliato, è stato un errore avallare la politica di austerità voluta dalla commissione europea il cui intento non sembra benefico ovvero quello di sollevare l’economia dei paesi dell’Unione ma di affondarli economicamente. I fatti sono questi, nel 2001 i nostri soldi avevano un valore e i pensionati non facevano la spesa nei cassonetti della pattumiera e non c’erano, cosa molto importante, quasi sei milioni di poveri. La bocciatura del nostro Def è la fine dell’Europa perché da ora tutti gli stati capiranno che da oggi si fa come vogliono….i mercati…o così o così…addio sovranità e addio libertà, siamo nella nuova dittatura del XXI secolo…dove il dittatore è colui che ha più soldi. Forse ora i compagni e Prodi saranno contenti di aver svenduto l’Italia alla Germania e Francia ma il peggio, secondo me, deve ancora venire.. Per risolvere i problemi legati al debito pubblico e alla disoccupazione sarebbe sufficiente mettere in pratica il programma di LDC, ma a quanto pare non interessa a nessuno e allora…. lasciatelo nel cassetto e continuate a tagliare sui servizi e a mantenere un sistema burocratico che succhia solo soldi pubblici a danno della collettività… 23102018

by….manlio minicucci

 © AP

La Ue boccia la manovra

             Nuova dovrà arrivare entro tre settimane

La Commissione Ue ha deciso di respingere il Documento programmatico di bilancio italiano e di chiederne uno nuovo, che dovrà essere inviato entro tre settimane a Bruxelles.

RAZZISMO A …….QUATTRO ZAMPE….?

RAZZISMO  A…… QUATTRO ZAMPE….?

Curioso che la signorina indiana, vittima di un gesto razzista  sia la presidente di una Onlus, forse necessitano di soldi  e probabilmente li sta cercando per la sua organizzazione e questo è il metodo che si è inventato ? Conia la solita storiella del razzismo e ora, ci spera, vuole pubblicità in televisione e sui social .. Spiace, ma stavolta credo che non ne avrà così tanta risonanza… per due motivi, il primo è che il suo racconto fa acqua da tutte le parti, infatti nessuno oltre il controllore , regolarmente autorizzato, ha diritto a chiedere il biglietto del viaggio ad un libera viaggiatrice, secondo, la signorina non è sufficientemente scura e lei, forse non lo sa, ma le indiane piacciono a tutti gli italiani e sono anche tanto ben voluti. Quindi egregia signorina, quello di  ” non voler stare vicino ad una negra” secondo me, è una sua invenzione finalizzata solo ad ottenere pubblicità gratuita e la televisione per chissà quali sporchi fini ed interessi . Ricorda la ragazza di Venezia e del posto di lavoro ? Beh, ora quell’articolo si è esaurito e la bufala del razzismo non tira più in televisione e poi, le dico sinceramente che persone come lei che urlano al razzismo nel paese che la ha ospitata è vergognoso e provocatorio. Non credo neanche ad una virgola del suo racconto “farlocco e bugiardo”, anche perché quando succedono queste cose non sono mai supportate da video o racconti testimoniali come quando i capotreno invitano alcuni passeggeri, migranti e negri o zingari, a scendere perché sprovvisti di biglietti. Smettetela perché così si innesca l’odio, se realmente è successa una cosa del genere, fate come le nostre donne quando subiscono gli stupri e le violenze dai migranti, denunciate alla polizia  e non pubblicizzate la cosa sui social proprio per non creare ulteriori attriti e odio tra le comunità esistenti, odio che potrebbe causare incidenti e altre vittime innocenti.. Già,  voi a queste cose non ci pensate mai, vi fa comodo giocare con la vita delle persone sul “razzismo farlocco” anche perché sanno già che alcuni movimenti politici.. “ci inzuppano il pane”… Se lei poi, si sente stretta in questo paese e ci ritiene razzisti, beh, allora… può sempre tornarsene in India dove sicuramente troverebbe tanta libertà ed eguaglianza che in Italia non trova, però, una mia considerazione, a guardarla sulla foto postata, proprio le manca tantissimo per essere considerata nera …..    22102018

by …Manlio Minicucci

La foto di Shanti postata su facebook dalla mamma © ANSA

 

La foto di Shanti postata su facebook dalla mamma © ANSA

Non sto vicino a una nera”, razzismo sul treno

La denuncia di una madre su Fb, ‘il futuro è della diversità’

“Non voglio stare vicino ad una negra”. L’ennesimo episodio di razzismo si è consumato ieri sul Frecciarossa Milano-Trieste ai danni di una ragazza di 23 anni, Shanti, di origine indiana. A denunciarlo la madre in un post su Facebook. “Ieri pomeriggio accompagnato mia figlia in stazione centrale a Milano e ha preso il Frecciarossa in direzione Trieste. Poco dopo mi manda quest

LIBERAL DEMOCRATICI CRISTIANI

Ldc Contributo volontario appello

 

CARI AMICI TUTTI…BUONGIORNO, OGGI INIZIA UNA NUOVA ERA PER IL PAESE ITALIA GRAZIE ALLE SOLUZIONI IDEATE DAL MOVIMENTO POLITICO LDC.

ORA TOCCA A NOI E A VOI AFFINCHÉ’ DETTE SOLUZIONI TROVINO APPLICAZIONI, PER FARLO ABBIAMO SOLO BISOGNO DI SOSTEGNO

PIÙ’ SIAMO E PRIMA CI ARRIVIAMO.

DEBITO PUBBLICO DIMEZZATO, STOP  EVASIONE FISCALE IN UN GIORNO

CASE POPOLARI DI LIVELLO CON UNA NUOVA FORMULA E PER TUTTI

DATECI …FORZA…!

 

ldc simbolo ufficiale