Autore archivio: manlio22ldc

ROMANZO CRIMINALE…LE PLAFONIERE D’ORO.

ROMANZO CRIMINALE…LE PLAFONIERE D’ORO.
“era proprio necessario mettere in piedi un mostro del genere ? ….Fine 1 puntata…05112018”…

Parte 2…Quindi c’è da capire sino in fondo quanta utilità porterà la costruzione di una nuova e costosissima sede quando verrà terminata in chissà quale anno, mentre, si poteva ideare una struttura che potesse ospitare e decentrare anche gli uffici comunali ed eventualmente anche una sede distaccata del tribunale, che considerate la attuali situazioni di instabilità del vecchio edificio e le nascenti difficoltà  e necessità sarebbe stata risolutiva, come la ciliegina sulla torta, e aggiungo che avrebbe dato respiro al traffico cittadino ..cosa di non poca importanza. Ma questa è pura e sola fantascienza che appartiene a chi ha delle sane idee e voglia di risolvere i problemi. Ma andiamo allo scandaloso business della struttura, perché oltre i contestati e gonfiati compensi a quanto pare…. anche il costo stesso della struttura, inizialmente in 67.330690,00 con consegna delle chiavi nel 2012, si è gonfiato a dismisura tanto che si è giunti sino agli attuali 87.000.000,00, cifra confermata oggi dall’assessore della Puglia Giannini a RAI TG3 mentre della “consegna delle chiavi”… non se ne parla…forse si sono perse evidentemente, e sapete come l’eroico assessore ha giustificato il costo delle plafoniere d’oro ? Che quel costo è compreso negli 87 milioni e loro non gestiscono gli acquisti e poi aggiunge, che sono “plafoniere con i Led ” il cui costo è di appena € 672,00 per singola unità e che risparmiano…energia.. Per piacere buttatelo fuori quel signore, ma come fa ad essere un assessore ai lavori pubblici con quella testa…via.. siamo seri.. un assessore regionale non può comportarsi come un idiota…siamo seri per piacere ..Ora il “ bravopresidente”  Emiliano si è svegliato dal torpore e vuol vederci chiaro…ora….dopo che lo sputtanamento è arrivato in TV da Giletti…ma scherziamo….auspico solo l’apertura di un fascicolo da parte di qualche procura per reati che si possono facilmente individuare. Attendiamo sviluppi…06112018

by…manliominicucci…

 

Plafoniere “d’oro” per la nuova sede della Regione Puglia. Il governatore Emiliano blocca tutto ma le opposizioni vanno all’attacco

 

 

TiscaliNews

E’ stata ribattezzata “sprecopoli pugliese” la vicenda sulle plafoniere “d’oro” acquistate per la nuova sede della Regione Puglia. Ogni punto luce, stando a quanto emerso nel corso della trasmissione “Non è l’Arena”, di Massimo Giletti, è costata ai contribuenti la bellezza di 632 euro (in totale un milione di euro). Una somma evidentemente troppo alta, che ha fatto scoppiare una polemica che ha superato i confini regionali. Su tutte le furie le opposizioni, che accusano il presidente della Regione Puglia, che a sua volta promette di verificare quanto sta accadendo.

Per farlo il governatore ha già costituito un collegio di vigilanza che si occuperà di verificare la congruità dei prezzi, dando contestualmente disposizione agli uffici preposti di sospendere la fornitura (se ancora in itinere) e ogni pagamento nei confronti della ditta che ha acquistato le plafoniere sino a esito delle verifiche disposte. Attraverso una nota la Regione ha inoltre precisato che, nonostante i lavori siano stati realizzata dal Consiglio Regionale, e non dall’esecutivo presieduto da Emiliano, si è comunque deciso di formare un collegio di vigilanza. Il collegio in questione sarà composto dal presidente Emiliano, dall’assessore regionale ai Lavori pubblici, Gianni Giannini, dal capo di gabinetto Claudio Stefanazzi, dal commissario di Asset, Elio Sannicandro, dal direttore del dipartimento Opere pubbliche Barbara Valenzano, e dal capo dell’avvocatura Rossana Lanza.

M5S contro Emiliano: “Ci sono altre spese folli”

Gli esponenti di M5S su tutte le furie attribuiscono la responsabilità a Emiliano. E’ “ridicolo – attacca il Movimento 5 Stelle -. Non ci sono altre parole per definire lui e la buffonata di questo collegio di vigilanza che improvvisamente dovrebbe valutare cose che sapeva benissimo da mesi e cioè da quando abbiamo denunciato le spese folli della nuova sede del Consiglio regionale. Peccato che all’epoca sia lui che l’assessore Giannini avessero avuto il coraggio, addirittura, di elogiare la gestione dell’appalto. Non solo, le note dei dirigenti regionali che difendevano le scelte fatte, compresa quella delle plafoniere, sono partite proprio dalle sue mail istituzionali. Ancora più grave è che Emiliano dimostra di ignorare che la scelta delle plafoniere è stata fatta con la quinta variante, (la più cospicua di tutte predisposta a Febbraio 2017 e approvata con atto dirigenziale 273 del 6.6.2018), proprio durante la sua amministrazione. A Emiliano consigliamo di studiare perché il problema delle plafoniere è solo uno degli scandali che abbiamo denunciato, a questo si aggiungono i controsoffitti, le pareti divisorie, i pozzi per il raffreddamento, 19 chilometri di cavi elettrici a grossa sezione solo per citarne alcuni. Ora leggiamo di questa balla mediatica di un collegio inutile composto da tutti quelli che avrebbero dovuto controllare ma non lo hanno fatto compresa la dirigente Valenzano che, tra l’altro, già dovrebbe essere a capo di un’altra commissione di verifica (anche questa evidentemente inutile) sulle spese della nuova sede, di cui si sono perse le tracce. Nell’attesa di altrettanti collegi di vigilanza inutili noi ci siamo portati avanti da tempo inviando tutto a Corte dei Conti, ANAC e Procura della Repubblica all’attenzione di magistrati veri che hanno fatto questo lavoro per amore della legalità e non per trasformarlo in un trampolino di lancio per la politica. Ancora una volta è stato necessario che fosse il Movimento 5 Stelle Puglia a far emergere questi scandali, chi avrebbe dovuto controllare”.

E dalla Puglia i 5S fanno emergere nuove indiscrezioni

“Il vero nuovo elemento gravissimo emerso sul quale indagheremo – evidenziano i Pentastellati – è che la ditta Regent produttrice delle plafoniere non avrebbe mai nemmeno inviato un preventivo per questo appalto. Insomma il sospetto è che quelle plafoniere dal costo esorbitante non siano in realtà neanche le stesse installate nella sede del Consiglio regionale. Se così fosse saremmo di fronte ad una nuova ipotesi di reato”. Anche per il gruppo consiliare di Direzione Italia-Noi con l’Italia, è essenziale far chiarezza sulla torbida vicenda. “Riteniamo inaccettabili – commentano i parlamentari pugliesi della Lega, Rossano Sasso, Anna Rita Tateo e Roberto Marti – le cifre che il governatore della Puglia, Michele Emiliano, intende spendere per l’acquisto delle plafoniere che andranno a comporre il nuovo palazzo della Regione Puglia. Una cifra esorbitante ed uno spreco di soldi pubblici, da parte di Emiliano e del Pd, tale che potrebbe intervenire pure la Corte dei Conti”.

 

UNA DONNA EROICA…!

UNA DONNA EROICA…!

Bravissima, ad averne così di donne che osano… sfidare, magari… sarebbe stato bellissimo vederne tante, come lei, sfilare per le vie pubbliche in segno di  solidarietà e sensibilità per le donne “italiane” morte e distrutte come la Pamela Mastropietro oppure come la povera Desirée, oppure per le tante donne stuprate sempre dagli extracomunitari e perché no anche dai pakistani…sì, quelli uguali al pakistano offeso ….. Però, che gran peccato riscontrare  che le nostre donne diventano coraggiose prima e virali sui social dopo, solo quando c’è da difendere gli …. extracomunitari… e manco a dirlo, c’è sempre pronto il video di turno pronto a riprendere le scene dello straziante razzismo.. strano vero, per gli italiani picchiati, offesi e violentati non ci sono mai dei video… …lì evidentemente, forse penso, le persone trovano ….il giusto e necessario coraggio per ribellarsi ad un atto di vera ingiustizia…no, il razzismo non va bene e bisogna sempre condannarlo e bene ha fatto l’eroica donna napoletana…Adesso che abbiamo una nuova “Masaniello al femminile” spero di vederla prestissimo in piazza a prendere le difese di un’altra pakistana che a differenza di quello nel tram rischia la vita per una banalità chiamata in Pakistan “apostasia”, lei si chiama Asia Bibi, è una donna cristiana, pakistana pure lei,  che rischia la… morte, non per razzismo ma perché la religione islamica, di pace e di amore, non può permettersi di non impiccarla e questo dovrà essere fatto proprio per mano dei pakistani islamici….ironia della sorte.. Asia  vittima, forse, di fratelli pakistani, uguali a quello che lei ha giustamente difeso, perché sicuramente, nessuno lo dice, ma quello è un bravo musulmano . Concludo il mio pensiero elogiando e complimentandomi  con la donna per aver dimostrato fermezza e coraggio contro il razzismo, però, se hai avuto il coraggio di fare quello che hai fatto, adesso calati nella parte dell’eroina e vai in piazza a difendere Asia Bibi, perché se non lo fai…. c’è gente cattiva che può pensare che non sei poi tanto bravissima e che lo hai fatto di proposito, dai…vieni, ora ti aspettiamo per protestare e reclamare la libertà e la vita di Asia…..oppure hai da fare ? Fammelo sapere….06112018

by…manliominicucci…

 

 https://www.gazzettadiparma.it/upload/8905772-NAPOLImp4.mp4

Napoli, donna difende pakistano da insulti razzisti: video è virale

Diverbio sul treno, la signora prende le difese del passeggero apostrofato con una frase razzista. Eav, l’ente che gestisce la Circumvesuviana, la rintraccia per un premio

È diventato virale sui social network il video in cui si vede una signora prendere le difese di un passeggero pakistano sul treno. L’uomo era stato apostrofato poco prima con un insulto razzista da un ragazzo a bordo della Circumvesuviana, la ferrovia locale che collega Napoli con i comuni dell’area vesuviana. Il filmato, che gira in rete già da ieri, 2 novembre, ha collezionato migliaia di visualizzazioni.

L’appello del presidente Eav

“Lancio un appello, – afferma, Umberto De Gregorio, presidente dell’Eav, l’ente che gestisce la Circumvesuviana – voglio ringraziare personalmente e a nome di Eav la signora coraggiosa che ha difeso un ragazzo pakistano sulla Circumvesuviana da un’aggressione razzista. Lo voglio fare di persona e da vicino. E voglio consegnarle un premio speciale ‘cittadini protagonisti’. Chiedo quindi a tutti di darmi elementi e notizie della signora del video di Fanpage che ha avuto migliaia di visualizzazioni. In modo da poterla rintracciare, incontrare, premiare. Perché in tanti parlano, ma troppi non si muovono, per inerzia o per paura. Viva il coraggio, il coraggio ci renderà liberi”. L’appello è stato accolto: la signora Maria Rosaria interverrà in diretta Facebook martedì 6 novembre con lo stesso De Gregorio.

ROMANZO CRIMINALE..:“AMARO PUGLIESE”..!

ROMANZO CRIMINALE..:“AMARO PUGLIESE”..!

Cari amici contribuenti italiani e pugliesi in particolare, oggi vi racconto una storia che pare essere la narrazione di un crimine ben congegnato, studiato a tavolino e messo in opera con una gelida e impressionante malvagità degna del miglior terrorista islamico, senza pietà e infierendo sull’economia regionale con perfida cattiveria contro i ceti deboli della società e del vivere pugliese. Sto parlando di una costruzione, che a mio modesto parere inutile, che dovrebbe ospitare il consiglio regionale, i vari partiti che lo compongono, la sala delle riunioni e la sede del presidente di regione e tutti gli uffici che si competono ad una struttura  amministrativa regionale dispendiosa ed inutile. Ideata nel 2002 quando al governo c’era Raffaele Fitto, lui governò per cinque anni dopodiché c’è stato, per 10 anni, il governatore delle meraviglie, Nicola Vendola ..si, in arte “Niki “per gli amici, sino a giungere all’attuale Emiliano…uomo sempre di sinistra. L’opera viene messa in costruzione nel 2010, quindi in piena crisi economica e in piena crisi sanitaria pugliese tanto è vero che il sig. Vendola pensò ben di far gravare le prescrizioni mediche di farmaci di un ticket maggiore e addirittura le visite specialistiche di ben € 10,00, lasciando inalterati, ovviamente, i privilegi dei consiglieri, i loro stipendi e soprattutto il suo….meraviglioso è dir poco anzi direi…straordinario uomo di…potere. Ora la struttura non è ancora completata e già sull’imponente immobile gravano denunce alla procura ed un esposto alla Corte dei Conti da parte dei consiglieri del M5S. Infatti entrando nel merito, pare ci siano degli strani compensi agli ingegneri progettisti lievitati dai tre ai dodici milioni previsti. Effettivamente se così fosse non si comprende perché si debba pagare un costo così elevato per la progettazione di un immobile di assoluta normalità. Infatti è carino ma niente di eccezionale. Poi in fondo chi paga è il contribuente pugliese che vede un’assistenza sanitaria da incubo, bisogna rivolgersi alle strutture private per avere una celere assistenza, le strade della regione sono diventate un percorso da rally e la viabilità è a dir poco problematica e allora mi chiedo, era proprio necessario mettere in piedi un mostro del genere ? ….Fine 1 puntata…05112018

by…manliominicucci…

Pubblicato il 2 mag 2018

Si allontana ancora la chiusura dei lavori del nuovo consiglio regionale. È quanto emerge nel corso del sopralluogo sul cantiere di via Gentile a Bari chiesto e ottenuto dai consiglieri regionali di Direzione Italia. Il progetto del nuovo parlamentino regionale risale al lontano 2002. I lavori, affidati alle ditte Debar-Monsud-Guastamacchia, sono cominciati solo nel 2012. Fra problemi giudiziari e perizie di variante, l’opera costerà in totale 87 milioni di euro (lavori, Iva, spese di progettazione) e la chiusura del cantiere è stata spostata di anno in anno. L’ultima data ufficiale di consegna dell’opera è quella del prossimo 30 giugno. “I lavori ora procedono spediti, ma secondo noi non si chiuderanno prima di 7-8 mesi”, dice il consigliere regionale fittiano Renato Perrini che ha da ridire pure sugli errori progettuali in quella che sarà l’aula del consiglio regionale.
di Antonello Cassano

SIAMO AL RIDICOLO…

SIAMO AL RIDICOLO…
Certo che siamo al ridicolo perché se oltre una pena sospesa, che non sconterà mai, poi gli restituiamo anche i proventi del business malavitoso è finita per i poveri cittadini inermi. Loro la fanno da padroni sapendo già a priori che non pagheranno mai per i loro crimini. Mi domando perché la legge è così permissiva contro gli immigrati e severa contro gli italiani…non .no..questa è una magistratura che sbanda paurosamente a sinistra e che sia facilmente intuibile lo si evince dalle preoccupanti dichiarazioni del sindaco e del comandante della polizia municipale. È una vergogna disgustosa lasciare libero di circolare, delinquere e avvelenare i nostri ragazzi e di questo il magistrato ne è pienamente responsabile e aggiungo, che se ci “dovesse scappare” il morto sappiamo a chi rivolgerci. Assolutamente no, questo sistema è sballato come anche sono fuori posto tanti magistrati che propendono per immigrazione incontrollata e la favoriscono con sentenza incredibili e disgustose che fanno di tutto per aumentare il loro numero e conseguentemente i loro crimini. Spero solo che l’immigrato delinquente impunito non venda… al figlio o alla figlia del magistrato una dose … letale di stupefacente, perché poi, in definitiva se non la vende a loro può sempre farlo ai figli degli altri, lo so che il dolore della sofferenza dei figli altrui a tantissimi non tocca,…..ma ….a me si…caro magistrato, dimettiti dal tuo incarico e vai a lavorare altrove, fare il magistrato non è compito tuo..05112018
by…manliominicucci…
Arrestato uno dei grossisti della droga a Treviso, il sindaco: «La caserma Serena va chiusa»

Arrestato uno dei grossisti della droga a Treviso, il sindaco: «La caserma Serena va chiusa»

A finire in manette un 21enne nigeriano incensurato, ma il giudice dopo averlo condannato a due anni di reclusione ordina di restituirgli denaro, telefonini e carta prepagata sequestrati

Immediatamente accompagnato al Comando di via Castello d’Amore per l’identificazione, gli agenti hanno poi chiesto al PM Torri di poter essere autorizzati a recarsi presso la sua stanza alla Caserma Serena per effettuare un ulteriore perquisizione visto il fondato sospetto che lì potesse trovarsi altro stupefacente. Richiesta subito accolta dal PM, visto che alle indagini avevano partecipato anche agenti in borghese della polizia giudiziaria, tanto che da successivi controlli con l’ausilio dell’unità cinofila si è scoperto che il 21enne nascondeva altri 230 gr. di marijuana e centinaia di euro sia in banconote che monete, insieme ai propri documenti personali, all’interno di un cassetto chiuso e la cui chiave era stata a sua volta nascosta in un cuscino. A quel punto per il giovane sono scattate le manette e il processo per direttissima si è svolto sabato mattina, con un esito che ha però lasciato l’amaro in bocca sia al sindaco di Treviso Mario Conte che al Comandante della Polizia Locale Maurizio Tondato. Il ragazzo è infatti stato condannato, con annessi benefici di legge, alla pena di due anni di reclusione per detenzione di stupefacente ai fini dello spaccio, ma il giudice ha altresì ordinato alla Polizia Locale di restituire al malvivente tutto il materiale a lui sequestrato, ossia il denaro, la carta prepagata e i telefonini cellulari. La droga, invece, prima di essere distrutta verrà analizzata dal centro specializzato dell’Ospedale di Mestre.

«Siamo allibiti – dichiara il Comandante Tondato – Dopo mesi di pedinamenti, intercettazioni, ricerche sul campo e tante energie profuse, vediamo un importante grossista della droga del trevigiano che probabilmente non viene punito a dovere, dovendo noi come Polizia Locale restituirgli quanto sequestrato in precedenza perché non è certo fosse provente della sua attività di spaccio, nonostante il ragazzo avesse dichiarato di essere nullatenente». Sconvolto e arrabbiato per l’intera vicenda anche il sindaco di Treviso Mario Conte: «Non è possibile una situazione del genere e per questo sarà mia premura contattare il prima possibile il ministro Salvini per chiedere che vengano applicate le normative sulla certezza della pena che tanti vorremmo divenissero ufficiali. Inoltre, presto mi incontrerò con il Prefetto di Treviso per chiedere controlli costanti all’interno della Caserma Serena, anche con l’ausilio della Polizia Locale, ma mi sembra ormai chiaro che tale struttura vada chiusa definitivamente. Non possiamo permettere che si guadagni sulla salute dei cittadini, la Serena non può quindi diventare un centro di smistamento della droga nella Marca. Per di più sono sempre più convinto che chi venga sorpreso in flagranza di reato vada assolutamente processato e poi espulso se riconosciuto colpevole. In ogni caso un plauso va fatto a tutti gli agenti della Locale e delle altre forze dell’ordine che giornalmente si prodigano per la sicurezza dei cittadini sul territorio».

LE SOLUZIONI..NOI LE ABBIAMO…

LE SOLUZIONI..NOI LE ABBIAMO…!

TUTTI LE CERCANO E NESSUNO LE TROVA…POI IN FONDO AL VICOLO C’E 

IL MOVIMENTO DEI LIBERAL DEMOCRATICI CRISTIANI, L’UNICO MOVIMENTO CHE FA DELLA SUA FILOSOFIA LA RICERCA E SOLUZIONE DEI PROBLEMI.

E’ AFFAR NOSTRO, PERCHÉ’ A DIFFERENZA DI TANTI ALTRI PARTITI…. NOI ABBIAMO CREATO E REDATTO UN PROGRAMMA FATTO DI SOLUZIONI.. 

ABBIAMO ELABORATO ATTRAVERSO STUDI ED ANALISI POLITICHE, SOCIALI ED ECONOMICHE SINO A TROVARNE LE GIUSTE E RISOLUTIVE SOLUZIONI.

SE VOLETE METTERLE IN PRATICA, CHIAMATECI E NOI VI INDICHEREMO LE SOLUZIONI…… ” NOI NON FACCIAMO CHIACCHIERE MA FATTI “…

liberaldemocraticicristiani@yahoo.com

 

 

 

 

 

Foto

 

 

ISLAM 4 – CRISTIANI 0 !

ISLAM 4 – CRISTIANI 0  !
Immagino la felicità degli anti cristiani e pro islamici nell’apprendere i contenuti delle sentenze della corte europea in merito ad alcune questioni di non poca rilevanza e di portata vitale per la cultura e religione occidentale. Crollano impietosamente antiche convinzioni e la libertà di espressione e di pensiero, elementi fondamentali della nostra società messi in discussione e cancellati per amore dell’Islam e forse di tanti interessi legati a quella religione. Quindi si condanna la Francia se vieta il niqab ma non si dice nulla suo matrimoni con le bambine anzi ora è pure vietato dare del pedofilo a Maometto che ha avuto in sposa una bambina, e in tutto questo non si dice nulla per Asia Bibi condannata a morte perché nei fatti è cristiana. Quindi in definitiva ora Maometto non è un pedofilo e di conseguenza non lo sono neanche chi pratica i rapporti sessuali con le bambine, molto bene abbiamo legittimato la pedofilia, avallato che i cittadini occidentali e cristiani non hanno nessun diritto a dire la loro in merito alla spinosa questione. Ricapitolando, il velo lo possono indossare alla faccia delle leggi e costituzioni occidentali, la pedofilia deve essere accettata perché fulcro della religione settaria islamica, nessuno ha diritto ma è reato chiamare pedofilo Maometto, un predone, bandito e plurimo assassino e in ultimo una non musulmana è comunque obbligata a portare il velo anche se non lo è. Giusto quattro a zero, non so a voi ma a me proprio questo Islam non mi piace e non lo tollero più, per quel che mi riguarda ho chiuso ogni dialogo e ipotetica convivenza con loro da anni e quindi continuo ad essere indifferente e fermo oppositore a questa cultura che più di ogni cosa sembra essere una religione satanica, e lo penso sin dal primo giorno che li ho visti piegati con l’ano in su e in evidenza e a pregare con gesti e ritmi quasi impressionanti, lontani anni luce dal modo di pregare cristiano. In ultimo una riflessione ci vuole in quanto d’obbligo, ma se l’Islam era cosa buona e giusta ci sarebbero state le crociate ? Evidentemente i nostri avi avevano amore per la loro patria e verso i popoli europei… principi ormai dimenticati nel tempo…al contrario la censura pro Islam galoppa vincente…donne … donne… è arrivato il …” burkino”…… 04112018

by…manliominicucci…

 

Je suis Asia Bibi? No, in Europa i soloni dei diritti umani sull’islam legiferano come il Pakistan

In Europa i soloni dei diritti umani sull’islam legiferano come il Pakistan

Je suis Asia Bibi? No, l’Onu rimane in silenzio davanti alla donna cristiana pachistana condannata a morte. E a Strasburgo c’è una corte della sharia

Giulio Meotti di Giulio Meotti 31 Ottobre 2018 alle 06:00
 Roma. Negli ultimi giorni, sulla homepage dell’Onu, è campeggiato un articolo: “Il divieto del niqab in Francia vìola la libertà religiosa delle donne: la Commissione dei diritti umani delle Nazioni Unite”. Due donne musulmane francesi avevano fatto causa a una legge dell’Esagono che vieta loro di indossare il velo islamico integrale da cui spuntano solo gli occhi (anche le mani sono guantate di nero). La commissione dell’Onu a Ginevra, che ha condannato la legge francese in quanto “viola i diritti umani”, è rimasta però in silenzio su Asia Bibi, la donna cristiana pachistana il cui diritto alla vita è minacciato da un’altra legge, che ne opprime la libertà di coscienza. Il segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha chiesto agli Stati Uniti di porre fine alla “pratica barbara” della pena di morte. Guterres però non ha ancora pronunciato una sola parola sulla condanna a morte di Asia Bibi. L’Onu ha prontamente difeso il diritto religioso di una donna a coprirsi tutto il corpo, ma è rimasto completamente in silenzio su una donna cristiana costretta a portare il velo quando appare in tribunale e che si trova in carcere da 3.500 giorni a causa della propria fede. Ma la scorsa settimana non c’è stata soltanto quella decisione dell’Onu a favore di un simbolo dell’islam politico come il niqab, per altro bandito in numerosi paesi arabi, come il Marocco e l’Algeria. Venerdì è arrivata anche la storica sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo su una donna austriaca che aveva definito Maometto un “pedofilo” a causa della sua relazione con una bambina, Aisha. In Austria, la donna era stata condannata in una sentenza che adesso porta anche il timbro dei giudici di Strasburgo, che hanno stabilito che la libertà di espressione finisce al confine con l’islam. “Il giorno in cui è morta la libertà di parola in Europa”, ha scritto la rivista americana Commentary. “Non finirà bene per le élite liberal europee, che immaginano di poter usare il potere giudiziario coercitivo per chiudere i dibattiti sul posto dell’islam in Europa”, si legge in uno dei tanti commenti usciti sulla stampa americana (quella europea latita). In pratica, i giudici di Strasburgo hanno incorporato le norme sulla “blasfemia” in vigore nell’islam, la stessa accusa per cui Asia Bibi è in carcere e gli islamisti vorrebbero spedirla al patibolo (anche Asia era stata accusata da alcune donne di aver “offeso Maometto”). La stessa Corte europea dei diritti dell’uomo aveva difeso l’uso dei simboli religiosi cristiani nelle pubblicità e aveva condannato la Lituania perché aveva multato un’azienda che si era servita di Gesù e Maria per vendere vestiti. In quella sentenza di Strasburgo si legge che la Corte ritiene che “la libertà di espressione costituisce uno dei fondamenti essenziali di una società democratica”. Essa, inoltre, “si estende a idee che scioccano, offendono o disturbano”. Dunque, per la Corte dei diritti umani farsi beffe dei simboli cristiani è parte di una sana vita democratica, mentre i simboli dell’islam sono intoccabili, così come il diritto di portare il niqab vale una sentenza mentre il diritto alla vita di Asia Bibi vale appena il silenzio. Parlando al Figaro, Grégor Puppinck, direttore dello European Centre for Law and Justice, ha detto: “La decisione della Corte avrebbe giustificato la condanna delle vignette di Charlie Hebdo, ma anche di Voltaire, Ernest Renan e August Comte. La Corte europea non è Charlie…”. Come se gli europei fossero liberi di dire o scrivere soltanto quello che dice loro la Corte. Ma in un certo senso sono stati onesti, gli ambiziosi interpreti della sharia di Strasburgo: non esiste libertà di parola nell’islam.

SANA CULTURA… BOLDRINIANA..!

SANA CULTURA… BOLDRINIANA..!
E ora come si fa ad urlare al razzismo, al fascismo e alla mancata integrazione per colpe degli italiani ? Come diceva il buon Emilio Fede, ennesima “figura di merda” degli amanti dell’immigrazione e dei radical chic e benpensanti, il ripetersi di un altro episodio di violenza nella città romana sarà oggetto di nuovo accuse alla sindaco Raggi e al ministro Salvini, conosciamo da anni il disgustoso sapore della sinistra strumentalizzazione dei pro immigrati e il loro vergognoso” modus operandi”… Tranquilli tutti che ora finalmente “er papa de Roma” leverà la sua voce in difesa degli immigrati e criticherà le condizioni di vita inaccettabili, come se gli italiani che vivono in mezzo le strade o nelle auto si trovino in condizioni” accettabili”. Per Desirée non ha detto niente, per Pamela neanche a parlarne ma state certi e sereni che per gli immigrati e i mussulmani lui c’è… sempre.. ovviamente supportato da alcuni sacerdoti pronti a sostenere la sua opera mentre quando si tratta di intervenire sulle sofferenze dei nostri fratelli italiani allora le orecchie sono tappate di …cerume stantio.. già, non sono neanche passate due settimane che ci ritroviamo un altro episodio di dimostrazione culturale africana che vista com’è francamente ne faccio proprio a meno. Ma dico, visto che stanno liberi a delinquere e combinare casini e vivono nel degrado, perché non se li portano a casa gli amanti dei migranti e li ospitano come si conviene ? No…eh…. è sempre bello predicare ma razzolare è sempre difficile… vero radical chic ? Quanti di quei ragazzoni che scappano dalle guerre sono ospitati nelle vostre bellissime case o negli attici ? Vero Saviano …tu quanti ne ospiti e li mantieni con i tuoi soldi ? Già, ai sinistroidi, e benpensanti piace il modello “gay col culo degli altri”…. già, vorrei capire perché mia madre prende 600 € di pensione e uno che è arrivato ieri ne prende 1050… è una vergogna…ma l’ideologia prima di tutto… purtroppo.. così si ragiona nei paesi comunisti ..e dittatoriali…..03112018

by…manliominicucci…

(ANSA) – ROMA, 3 NOV – “Droga, alcol, degrado diffuso. E un extracomunitario che ne spinge un altro giù dalle scale, rischiando di ammazzarlo. È successo oggi, nell’ex fabbrica della Penicillina a Roma. Si tratta di un edificio occupato da anni. Presto lo sgombereremo! Basta caos, riporteremo ordine e tranquillità”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.
Vittima della caduta da una scala di 7 metri è stato un 25enne senegalese, che è stato portato in ospedale in gravi condizioni, ma non rischierebbe la vita. La polizia ha identificato l’uomo che lo avrebbe spinto ed è ora ricercato. Per individuarlo si è sollevato in volo anche un elicottero. Nell’occupazione di San Basilio vivono circa 400-500 nordafricani ed è uno degli stabili indicati nella lista delle occupazioni. Potrebbe essere il prossimo ad essere sgomberato.

SEMBRAVA FATTA E INVECE….

SEMBRAVA FATTA E INVECE….

Il potere del corano e tutto il suo disprezzo per il genere umano che non si sottomette all’islam sta proprio qui, assolutamente da non paragonare ai nostri vangeli e alla parola di Gesù Cristo, le cose si contrappongono  come il diavolo e l’acqua santa. Tutto il mondo occidentale ora  può rendersi  conto  di cosa  sia la religione settaria coranica e l’applicazione rigida e rigorosa delle sue leggi, non è possibile assolutamente perdonare il perdono non è contemplato, ed è prevista solo la punizione estrema e questa deve essere eseguita …costi quel che costi… altrimenti il loro “profeta” s’incazza… . E’ pazzesco  pensare che una donna debba essere “Giustiziata” con la morte  per “apostasia”, per aver semplicemente esposto un pensiero critico nei confronti di una religione, la stessa che sta prendendo piede in Europa,  grazie alla ignoranza e alle fantasie perverse ideologiche del popolo di sinistra e anti cristiano. Credevo che la sentenza di assoluzione formulata dall’Alta Corte pakistana avesse risolto il problema ed invece…”nisba”, si ritorna a giocare con la vita di Asia Bibi…Il partito sunnita non è nient’altro che un partito islamico di fede sunnita che si contrappone ai minoritari sciiti dal lontano 650, loro hanno preso il potere con la forza nel paese quando l’India si dichiarò indipendente dalla Gran Bretagna e da allora che comandano il paese e governi seguendo i rigidi dettami coranici. Niente codice civile, penale né codici di procedura, ma tutto è regolamentato dalle leggi coraniche e la pena di morte è prevista per il “grave reato di apostasia” e quindi Asia va “Giustiziata”…altrimenti si rischia un bagno di sangue e vi assicuro che non scherzo perché il 95% degli occidentali non ha ancora capito di cosa sia veramente capace l’Islam ..se lo conosci lo eviti…altro che religione di pace ed amore . Asia Bibi ne è la dimostrazione lampante ed evidente e chi sino ad oggi ha “tifato islam” ora deve riflettere sulle sue precedenti  azioni perché forse una figlia o una moglie a cui non vanno bene l’slam, protesta o critica …ora sanno già cosa l’aspetta. Rivolgo un appello al Santo Padre perché intervenga, al presidente Tajani e al presidente Conte perché possano intercede e salvare la vita ad Asia Bibi…”una cristiana”..sono molto gradite le manifestazioni di solidarietà in …maglietta rossa o altri colori.. .. Grazie a chi mi aiuterà. ..a diffondere questi appelli…03112018

by…manliominicucci…

 © EPA

Asia Bibi non può lasciare il Pakistan

Rinviato il rilascio dopo un accordo tra islamisti e governo

(ANSA) – ISLAMABAD, 2 NOV – E’ stato rimandato il rilascio di Asia Bibi, la donna cristiana assolta in Pakistan otto anni dopo essere stata condannata a morte per blasfemia. Le autorità le impediranno anche di lasciare il Paese. E’ l’esito di un negoziato con gli islamisti radicali che da tre giorni hanno paralizzato le città e la vorrebbero vedere impiccata.
L’accordo è stato raggiunto tra il governo e il partito mussulmano sunnita Tehreek-e-Labbaik: Asia Bibi non potrà lasciare il Paese fino a quando la Corte Suprema non avrà effettuato un riesame definitivo della sua sentenza, ha spiegato il ministro agli Affari Religiosi Noorul Haq Qadri.

UNA BOBINA ?

UNA BOBINA ?

Mah… resto perplesso su una probabilità o ipotesi del genere perché se così fosse il tratto di ponte sarebbe crollato senza far collassare il pilone centrale, infatti diventa incomprensibile come mai abbia ceduto di schianto accartocciandosi su stesso come se la struttura stessa avesse subito un vero e proprio collasso strutturale. La bobina di 3,5 tonnellate sicuramente crea danni se persa dal tir che la trasportava in velocità ma a far collassare così un pezzo di ponte e due piloni mi sembra un’ipotesi un po’ fantasiosa. Comunque, io non sono un ingegnere del genio civile e tutte le cause sono plausibili, tuttavia esprimo un parere che si basa sulle mie esperienze di vita stradale in oltre 30 anni e in verità di cose strane accadute ne ho viste tante, ma davvero tante  ed anche ridicole, ma questa della bobina caduta sull’asfalto del ponte e che abbia potuto creare così tanti disastri, francamente mi viene difficile dar credito a questa possibilità. Non vorrei pensar male, però ho il timore e sospetto che si stia cercando di depistare gli investigatori dalle vere cause per poi, magari,…lo penso io… far ritornare in corsa Autostrade Spa per la ricostruzione del nuovo ponte come auspicato dal presidente della Liguria Toti. Lo penso, perché sin dal primo giorno c’è stata una vera e propria diatriba tra il governatore stesso della Liguria, e il ministro delle infrastrutture Toninelli, proprio su chi affidare la ricostruzione del nuovo ponte. Perdonate la mia diffidenza ma rammento a tutti che depistaggi e silenzi costruiti sono una “peculiarità” del nostro paese.. ed è bene stare sempre sul chi va là…. famosi sono “i misteri italiani”…poi esperienza e sentenze …insegnano…….03112018

by…manliominicucci…

 

 © ANSA

Crollo ponte: se caduta da tir bobina da 3,5 T può essere causa

Teste, ‘Potrebbe aver avuto l’effetto di una cannonata’

“In un primo momento avevo pensato che la causa del crollo del ponte Morandi fosse la corrosione degli stralli. Poi vedendo alcuni video ho iniziato a ipotizzare che a far collassare il viadotto potrebbe essere stata la caduta del rotolo di acciaio trasportato dal camion passato pochi secondi prima”. Lo ha detto Agostino Marioni, ingegnere ex presidente della società Alga che si occupò dei lavori di rinforzo della pila 11 nel ’93, sentito come persona informata dei fatti in procura. “Secondo i calcoli che ho fatto – ha detto ancora Marioni – se il tir, che viaggiava a una velocità di circa 60 chilometri orari, avesse perso il rotolo che pesa 3,5 tonnellate avrebbe sprigionato una forza cinetica pari a una cannonata. Verificarlo è semplice: basta controllare se sulla bobina ci sono tracce di asfalto”. Il professionista, che per anni ha eseguito lavori su richiesta di Aspi, ha detto che quel che resta del viadotto “non va demolito. Sarebbe come demolire il Duomo di Milano perché è crollata una guglia”.

PER LORO NIENTE MAGLIETTA ROSSA ?

PER LORO NIENTE MAGLIETTA ROSSA ?
Un nuovo giorno e una vecchia abitudine, l’ennesima strage di cristiani copti ad opera di musulmani islamici e non ” islamisti”… sì, perché il termine islamista non esiste nel Corano, né mai e stato utilizzato dai mussulmani stessi ma è curiosamente stato inventato e coniato dalla stampa occidentale, quella venduta all’Islam e prende una barca di petrol-dollari, in cambio della diffusione del concetto che l’Islam è buono, un giro vizioso per confondere i riluttanti alla radicalizzazione dell’Islam in Europa. Un termine farlocco e bugiardo, un po’ come dire che se dei cristiani commettono crimini in nome di Gesù Cristo li chiamassimo “cristianisti”, per nascondere i veri intenti ..ridicolo vero ? Ma non è così nella realtà, per fortuna, noi cristiani per credo, amore e per rispetto delle parole del figlio di Dio mai e poi mai uccideremmo degli esseri umani in suo nome né mai faremmo della violenza un’arma per convincere ed obbligare le persone a convertirsi alla religione cristiana. Quello che è accaduto in Egitto è cosa vecchia, io stesso ignoravo, sino al 1998, dei massacri islamici nei confronti dei cristiani copti, e questi sono i fratelli degli stessi individui che ora percorrono le strade di casa nostra…e continuiamo così, a prenderci in giro e a coniare nuovi termini farlocchi per coprire il terrorismo islamico che trova le radici proprio nel Corano ..Spero che qualcuno indossi una maglietta rossa per questi 7 cristiani morti ma credo che a nessuno gliene freghi niente… pontefice compreso… attendo di essere smentito…e come sempre…non verrò smentito….ne sono convinto ..povera Oriana Fallaci… sicuramente si starà rivoltando nella tomba…02112018

by…manliominicucci…

Egitto, attacco terroristico a bus di cristiani copti: "Almeno 7 morti". L'Isis rivendica

Egitto, attacco terroristico a bus di cristiani copti: “Almeno 7 morti”.   L’Isis rivendica

La Chiesa copto-ortodossa ha reso noto che almeno sette persone sono rimaste uccise in un attacco armato contro tre autobus che trasportavano pellegrini cristiani verso un monastero nel deserto a sud del Cairo. Il portavoce della Chiesa copto-ortodossa, Boul Halim, ha avvertito che il bilancio potrebbe essere più pesante. Fonti della sicurezza hanno riferito che altre 12 persone sono rimaste ferite.

E’ stata la tv panaraba Al Arabiya citando “fonti copte” a indicare sul suo sito che gli autobus colpiti sono stati tre. “Persone armate sconosciute hanno sparato contro due bus che trasportavano copti ed erano in viaggio verso il monastero dell’Anba Samuel”, si legge sul sito dell’emittente, come riporta l’Ansa. “Colpi di arma da fuoco sono stati sparati in maniera intensa su un terzo bus, ma l’autista è riuscito a far fuggire il mezzo”, precisa ancora online l’emittente segnalando che sono in corso le ricerche degli attentatori.