IL PAESE DI … PULCINELLA

25112020 Joshua Wong

IL PAESE DI … PULCINELLA

Che strano paese è diventato il nostro, amante degli stranieri e smemorato con i connazionali, premuroso ed accorto con i figli stranieri della sinistra ideologica e incurante dei figli stranieri non comunisti e in più menefreghista in tutti i sensi con i figli degli italiani, ma andiamo per ordine e comprendiamo cosa realmente accade quando si tratta di lottare per la libertà e democrazia ” di comodo” e si calpestano i veri diritti… Allora, se sei un uomo che orbita nell’oscuro mondo della sinistra e vieni incarcerato nel paese d’origine, come per esempio l’egiziano Patrick George Zaki, arrestato e incarcerato all’arrivo in Egitto per motivi legati a proteste sgradite al regime egiziano allora il discorso si fa serio in Italia,  la comunità italiana è solidale e compatta e in tal senso subito si promuove persino una campagna di liberazione del soggetto a livello mondiale… una roba eccezionale, da urlo ! Tutti gli italiani diventano attivisti e tutti si mobilitano per ottenere la  liberazione del povero Zaki ingiustamente detenuto in Egitto, una prigionia non motivata e se vogliamo anche farlocca, infatti  non la condivido perché ritengo un sacrosanto diritto democratico protestare contro chi vuol “ammazzare e reprimere la libertà” con la forza del potere. Quindi dall’ateneo bolognese, passando per Milano e Roma con il supporto straordinario dei media e dei politici della sinistra tutta… si sono levati cori assordanti finalizzati a far pressioni sul governo egiziano affinché Patrick George Zaki venisse rilasciato il prima possibile o gli venisse concesso almeno di scontare la …”detenzione preventiva presso il suo domicilio”. Richiesta di nobile solidarietà umana e democratica e di straordinaria umanità… ma tutto questo solo perché Zaki è un “figlio della sinistra politica italiana”… perché se si fosse trattato di un soggetto politico diverso statene certi che non ci sarebbe stata nessuna mobilitazione e nessuna risonanza mediatica fragorosa e  la prova del nove ve lo do in appresso. Lui è  Joshua Wong, leader della protesta di Hong Kong contro il regime cinese, ricordo agli smemorati che la Cina adotta il sistema ideologico comunista e al potere c’è un presidente non eletto democraticamente ma che viene nominato da …un’assemblea del popolo di …comunisti iscritti al partito.. le deduzioni le lascio a voi. Penso sia tutto chiaro ed è scontato che il regime comunista cinese del presidente Xi-Jinping non sia meno opprimente di quello del presidente egiziano attualmente in carica Abedel Fattah al-Sisi  . Lui è in carcere come Zaki, in attesa della sentenza, come Zaki, e  tra qualche giorno affronterà insieme ad altri tanti “antirivoluzionari” un processo politico contro la libertà di espressione e del libero pensiero e contro la democrazia… sentenza già scritta secondo me ! Ci trovate qualcosa di diverso tra i due soggetti ? Apparentemente sono simili le storie ma nei fatti sono completamente all’opposto… voi, avete mai visto o sentito una “schifosissima mobilitazione” per Joshua ? I media, i politici della sinistra, i vari atenei si sono mai indignati per la carcerazione di Joshua o si sono inchinati in segno di solidarietà ?  No… eppure lui sta in galera esattamente come…  Zaki o è diversa la detenzione in Cina, più soft e simile ad un villaggio estivo di vacanza ?  Tutto questo perché Joshua combatte il comunismo e lotta per la libertà e la democrazia e in Italia chi combatte contro la sinistra non ha nessuna attenzione e nessun diritto anzi… è meglio che stia in galera e non rompa !. Concludo chiedendovi, ma voi avete visto le stesse mobilitazioni e manifestazioni, come quelle  dedicate a Zaki, per fa pressioni sul governo libico affinché  i 18 pescatori di Mazara del Vallo  vengano rilasciati il prima possibile o gli venisse concesso almeno di scontare la …”detenzione preventiva presso il loro domicilio ? Questo è il nostro paese, se voi lo ritenete serio non siete in linea col mio pensiero se invece pensate che sia più vicino a Pulcinella allora siete con me.  241112020

…by… manliominicucci.myblog.it           https://manliominicucci.myblog.it/

25112020 Joshua Wong

IL CAIRO

Egitto, l’Italia chiede il rilascio di Zaky e dei rappresentati della ong

24 Novembre 2020

25112020 PATRICK ZACKY

Il ricercatore egiziano Patrick George Zaky

L’Italia continua a seguire con la massima attenzione la vicenda legata agli arresti dei tre rappresentanti di Eipr, la ong per la quale lavorava Patrick Zaky. Domenica – si apprende da fonti della Farnesina – l’ambasciatore Cantini ha avuto un colloquio con l’Assistant Foreign Minister egiziano per i Diritti Umani, ambasciator Gamaleddin.

In tale occasione, il rappresentante diplomatico italiano ha manifestato la forte preoccupazione per l’inasprimento della repressione nei confronti della società civile e per la situazione dei diritti umani in Egitto, ribadendo al contempo la richiesta di un pronto rilascio dei tre attivisti e di Patrick Zaky.

PUBBLICITÀ

Il colloquio dell’ambasciatore Cantini si è tenuto a seguito della richiesta di incontro espressa anche da altri Paesi europei al ministero degli Esteri egiziano già nelle fasi immediatamente successive agli arresti degli attivisti di Eipr. Tale iniziativa fa seguito ad una serie di démarches ufficiali già svolte, tra cui il passo nei confronti dell’ambasciatore egiziano a Roma e l’invio, assieme ad altri partner internazionali, di una lettera al ministro degli Esteri Sameh Shoukry.

Infine, si apprende dalle stesse fonti, in occasione dell’interrogatorio del direttore esecutivo di Eipr, Abdel Razek, un gruppo di rappresentanti diplomatici si è recato nei pressi della Procura per la Sicurezza dello Stato egiziana al Cairo per incontrare i familiari dei detenuti, gli attivisti e i loro avvocati, portare loro la vicinanza e la concreta solidarietà delle istituzioni e segnalare la costante attenzione al caso. Erano presenti, oltre all’Italia, anche funzionari di Canada, Finlandia, Regno Unito, Irlanda, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia, Spagna, Germania, Francia e Svizzera.

 

IL PAESE DI … PULCINELLAultima modifica: 2020-11-24T21:35:28+01:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento