“MAMMA GATTONA” NON E’ STATA… E ALLORA CHI ?

“MAMMA GATTONA” NON E’ STATA… E ALLORA CHI ?

I vandali ? E chi sarebbero questi  ignoti vandali del 2020 che girano per le strade della città di Milano alla ricerca di statue da distruggere ? Sarei proprio curioso di capirne le motivazioni che hanno indotto “i cosiddetti vandali”,  almeno tre individui e di buona forza e salute,  a trovare il tempo e quel “gusto affascinante” per abbattere una sacra statua  e simbolo  della religione cristiana che appartiene alla comunità cristiana milanese e alla città tutta nonché offendere tutti i fedeli e coloro che la venerano. E’ davvero singolare quanto strano l’abbattimento della statua che si trova lì dal lontano 1932 e non ha mai dato fastidio a nessuno… anche agli atei e partigiani del periodo post bellico ultimo . Allora, facciamo il punto ed analisi della situazione dell’accaduto per capire cosa realmente sia successo in via Farini e quali interessi possono aver avuto coloro i quali hanno abbattuto la statua religiosa che nel suo insieme rappresenta un punto di riferimento religioso per i fedeli cristiani  locali.  In primis comprendiamo che vista la natura della statua, metallica e dal peso notevole, necessitano almeno tre persone, di sana e robusta costituzione, per poterla far piegare su stessa, quindi escludendo dei ragazzini, sicuramente gli autori del gesto criminale sono degli adulti e ben motivati, escludo anche gli ubriachi, in momento di ubriachezza non credo avessero la lucidità e la forza e l’interesse per potersi coalizzare ed organizzarsi per mettere in atto un progetto così dispersivo nelle forze e inutile… diversamente, allora sarebbe un caso scientifico da studiare.  Ovviamente escludendo i bravi cristiani come rei dell’accaduto, loro mai farebbero una roba del genere, escludo anche i mafiosi e camorristi residenti nella zona, ammesso che ce ne siano, loro, pur essendo feroci criminali hanno comunque rispetto per le sacre immagini cristiane e mai farebbero una cosa del genere e questo la dice lunga sugli ipotetici delinquenti. Quindi riducendo il campo d’azione ci restano due soggetti, il primo è rappresentato da giovani e robusti atei e magari di convinzione politica vicino all’estrema sinistra antagonista, oppure il secondo, può essere rappresentato da “vandali  di religione avversa” alla nostra  che spinti da motivi religiosi, e in linea con i dettami della loro religione, hanno abbattuto un segno permanente della cristianità  del posto poiché la ritengono semplicemente fastidiosa e irritante. Quindi ci troviamo abbattuta una statua allocata nel lontano 1932 e perché mai ? Se i miei ragionamenti sono corretti allora dalle immagini dei video delle telecamere installate nella zona dovremmo riuscire a capire l’origine dei soggetti colpevoli… ma mi pongo un quesito amletico e cioè : ma in un città ad amministrazione di sinistra, Sala ne è il sindaco, e disponibilissima ad un’accoglienza illimitata e selvaggia di immigrati clandestini  che ha prodotto lo stazionamento di tantissimi immigrati  nella stazione centrale e in tante via pubbliche fino all’indecenza, ci faranno vedere i filmati originali e completi del gesto “vandalistico “ ? E già… questo è il punto, perché dopo 88 anni non credo proprio al gesto occasionale di qualche idiota… ma penso più ad un’azione mirata che vede impegnati diversi individui tra i quali anche i famosi “pali” ai 4 angoli,  pronti a segnalare l’arrivo della Polizia. Spero solo che il Prefetto della città di Milano trovi il coraggio di rendere pubblico il video ma resto convinto che non lo farà specie se il mio ragionamento finisce nei miei sospettati. In Sala invece non nutro nessuna speranza, se avessi ragione nell’aver ipotizzato lo scenario possibile lui farebbe di tutto per coprire i responsabili… ne sono certo ! 20092020

…by… manliominicucci.myblog.it

x contact : manliominicucci@gmail.com

 

Raid dei vandali in via Farini, la statua di Sant’Antonio finisce in acqua

21092020 stsatua

E’ stata buttata nella fontana. Il guardiano del convento: “E’ alta circa due metri e mezzo ed è in bronzo, non può essere stata una persona sola a spostarla”

di MARIANNA VAZZANA

Milano, 19 settembre 2020 –

La statua di Sant’Antonio rovesciata a testa in giù nella fontana, svuotata di tutta l’acqua. Così ieri mattina i cittadini hanno trovato il monumento simbolo del quartiere di fronte al santuario di Sant’Antonio di Padova tra le vie Farini e Maroncelli. “Vittima di un attacco di vandali“, è l’ipotesi che circola, sostenuta anche da padre Saverio Biasi, guardiano del convento: “La statua è alta circa due metri e mezzo ed è in bronzo, quindi piuttosto pesante – spiega –. Non può essere stata una persona sola a spostarla. Per fortuna non si è rotta, e non è stata danneggiata neppure la vasca. Con tutta probabilità è stata fatta scivolare dal basamento, al quale non era ancorata, tra le 23 e mezzanotte”. Giovedì pomeriggio, fa sapere sempre Padre Biasi, la fontana era stata ripulita dagli addetti alla manutenzione, per conto del Comune: “Il monumento lustro può aver attirato di più l’attenzione fino a far scattare l’atto vandalico”. Stesso principio dei muri che una volta ritinteggiati fanno ancor più gola ai writer, che li vedono come tele bianche da imbrattare. Le telecamere della zona potranno aiutare a far luce sull’accaduto e a individuare i responsabili. “Abbiamo allertato le forze dell’ordine – conclude padre Biasi –. Questo non è l’unico attacco vandalico verificatosi in zona: di recente sono stati anche frantumati vetri di auto”. Ieri la fontana era transennata, con Sant’Antonio sempre a testa in giù. La fontana di circa 45 metri quadri è costituita da una vasca trapezoidale di pietra che termina a un’estremità con due vaschette tonde e all’altra con la statua, opera dello scultore Giuseppe Maretto, collocata in via Farini nel 1932. L’immagine riprende la predica di Sant’Antonio ai pesci, avvenuta a Rimini: inascoltato dagli uomini, il missionario francescano decise di rivolgersi alle creature marine, che affiorarono a migliaia. Lungo la base c’è incisa la scritta: “Udite la parola di Dio voi pesci del mare e del fiume”. La fontana era finita sulle pagine di cronaca anche il 28 agosto del 1975, quando lì fu trovato il corpo di Franco Verga, deputato della Democrazia cristiana, apparentemente annegato in circa 30 centimetri d’acqua. Ufficialmente, un suicidio.

“MAMMA GATTONA” NON E’ STATA… E ALLORA CHI ?ultima modifica: 2020-09-21T18:48:56+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento