L’URLO DELLA NONNA SPAVENTA L’OCCIDENTE !

L’URLO DELLA NONNA SPAVENTA L’OCCIDENTE !

Anni fa, quand’ero ragazzino, più volte ho assistito alle spettacolari pellicole del mitico Bruce Lee, uno di quei film s’intitolava ”l’urlo di Chen terrorizza l’occidente”. Sì l’ho preso in prestito per questo mio articolo perché ritengo, per la gravita della vicenda descritta nel link, che tutto il mondo occidentale resterà sconvolto da questo episodio, che non è il primo del genere, una violenza sessuale ad una donna di 95 anni è di una malvagità senza precedenti nella storia degli uomini civili e di fede e cultura cristiana. Come dicevo poc’anzi non è il primo caso di horror sessuale a danno di donne non più giovani, perché nel recente passato, precisamente dal 2011 in poi, tanti dimenticano che all’inizio degli sbarchi dei migranti africani in Italia, in particolar modo quelli di religione islamica, gli stupri a danno delle donne anziane erano consuetudine e noi abbiamo assistito impotenti a questi crimini e cosa abbiamo fatto per garantire la sicurezza alle nostre mamme e nonne ? Una cippa di niente, e cioè, abbiamo permesso che queste bestie sataniche a due gambe, arrivate da noi con la scusa della guerra, continuassero imperterriti a violentare le nostre donne inermi e il più delle volte in condizioni di salute molto precarie. Una donna di 95 anni, per quanto forte possa essere è sempre una persona debole e lo stato ha l’obbligo e il dovere di proteggerla dai malviventi e dai malati di sesso horror. E non venitemi  a raccontare che lo stupratore è malato o era in cura da un psichiatra perché la pantomima messa in atto dallo stupratore stesso, per entrare in casa della sfortunata nonna, non poteva essere certamente partorita da una mente malata. Ma poi, altra cosa vergognosa è quella di continuare a nascondere le verità agli italiani, vero cari media e giornalisti tutti ? Allora raccontateci… e con calma,  e questo signore un nome ce l’avrà o no ? E se lo ha, e siamo tutti convinti che un nome, un cognome e un luogo di nascita lo abbia perché ci dicono solo che è del posto ed ha 33 anni ? Perfetto, se è del posto, così si legge sui giornali locali e non, vuol dire che la polizia sa chi è, e ovviamente è in possesso delle sue generalità quindi, sommando i fattori tenuti debitamente nascosti, se ne deduce che il “bravo violentatore horror” presumibilmente sarà un extracomunitario che gode della protezione e silenzio del ministero degli interni , forse perché magari è un richiedente asilo, con precedenti penali, e che vive a Grottaglie. Scoprirlo non sarà difficile, una volta pubblicato in rete il post sicuramente qualche amico grottagliese o di San Giorgio ci saprà dare indicazioni più precise sul nome e l’origine della bestia satanica a due gambe ! Certo che è proprio una vergogna, ci violentano le donne e le nonne e questi maledetti di media e politici ci nascondono anche la verità, praticamente ci massacrano le donne e non dobbiamo sapere neanche chi è stato ! Questa è dittatura schifosa  vera e propria elevata alla centesima potenza. Vedrete che poi tra qualche giorno sicuramente faranno calare il sipario del silenzio sulla questione e tutto poi passerà come un normalissimo episodio di… e già… di che cosa ? Arriveranno le elezioni, e con quelle arriveranno anche i magistrati che finalmente potranno lavorare senza pressioni, condizionamenti e imposizioni e il conto da pagare sarà lungo e “molto oleoso”. 03082020

…by… manliominicucci.myblog.it

x contact : manliominicucci@gmail.com

….


Choc a Grottaglie, violentata 95enne: preso il responsabile

04082020 nonna violentata

REDAZIONEONLINE

PUBBLICATO IL 03 AGOSTO 2020, 15:32

Questa mattina gli agenti del Commissariato di P.S. di Grottaglie (Taranto) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 33enne di Grottaglie, pregiudicato, resosi responsabile del reato di violenza sessuale e di violenza privata ai danni di una anziana donna del posto.
All’alba il personale delle Volanti del Commissariato di Grottaglie ha raggiunto e soccorso una donna di 95 anni che, poco prima, aveva chiamato il 113 riferendo di essere rimasta vittima di una violenza sessuale.
L’anziana signora ha raccontato ai poliziotti che intorno alle 5 del mattino, si era svegliata di soprassalto in quanto qualcuno stava bussando insistentemente alla porta. Pensando che fosse il figlio, appoggiandosi al deambulatore, si è alzata dal letto per andare ad aprire la porta. Non si trattava del figlio ma di un giovane sconosciuto che, in jeans e maglietta bianca, simulando un malore le ha chiesto un bicchiere d’acqua.
La donna subito si è prodigata per soccorrere il giovane, andando in cucina a prendere una bottiglia d’acqua. Al suo ritorno, il giovane ha rifiutato l’acqua e ha assunto un atteggiamento minaccioso, pretendendo di entrare in casa.
Alle resistenze dell’anziana donna, il malvivente l’ha spinta facendola cadere violentemente per terra e poi, dopo essersi denudato, le ha usato violenza.
La donna, ha reagito all’aggressione iniziando ad urlare e, nonostante le percosse subite da parte del giovane che, in quel modo, tentava di zittirla, è riuscita a richiamare la vicina di casa, che udendo le urla disperate, si è precipitata in casa sorprendendo l’aggressore che, in pochi attimi, si è rivestito e si è dato alla fuga.
I poliziotti del Commissariato di Grottaglie hanno avviato, così, una meticolosa ed incalzante attività di indagine che, anche grazie all’analisi dei filmati dei sistemi di videosorveglianza presenti in zona, hanno consentito di ricostruire, in maniera puntuale, la dinamica del gravissimo episodio delittuoso e di identificare il 33enne del posto, già noto alle forze dell’ordine.
Il quadro indiziario fornito all’Autorità Giudiziaria ha portato, quindi, all’emissione della misura restrittiva della libertà personale, nei confronti dell’uomo, cui è stata data esecuzione, come detto, questa mattina. Dopo le formalità di rito l’aggressore è stato condotto in carcere.

 

L’URLO DELLA NONNA SPAVENTA L’OCCIDENTE !ultima modifica: 2020-08-04T19:20:01+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento