STRAGE MANCATA PER UN MIRACOLO !

STRAGE MANCATA PER UN MIRACOLO !

E’ davvero incredibile quanto accaduto oggi nella meravigliosa città dello stretto, purtroppo il tetto di una struttura di recente costruzione, risalente all’anno 2005, è collassata in modo cosi stupefacente da far rimanere a bocca aperte tutti gli esperti del mondo delle costruzioni. Crollato come un castello di sabbia, esattamente come il vecchio ponte Morandi di Genova, collassato su stesso…  anche il tetto è venuto giù senza un’apparente motivazione e questo aumenta i sospetti di qualcosa di veramente preoccupante.  Mi chiedo quali siano stati i criteri e i progetti per edificare il tetto di una struttura così importante per la vita sociale della città  e che dovrebbe durare, almeno in teoria, forse diversi secoli, e in più, c’è sempre da tener presente che l’Auditorium potrebbe ospitare sino a 600 persone contemporaneamente,  e non sono mica poche, e se ci fossero state oggi lì loro ? Avremmo urlato alla strage come nel ponte di Genova ? !  C’è forse qualche problema nei materiali utilizzati oppure si sono sbagliati i calcoli del progetto ? Come fa a crollare un tetto nuovo  quando penso che ci sono quelli vecchi  dei palazzetti dello sport che durano da diverse decine d’anni e resistono al tempo che avanza senza aver mai creato un problema di crollo o di pericoli imminenti. Certo è che se oggi in quell’Auditorium si fossero trovate centinaia di persone oggi staremmo ad urlare all’ennesima solita stragi di innocenti . E va be però, nessuno si è accorto di cedimenti o avvisaglie del genere che lasciassero intuire a qualcosa di tragico ? E la manutenzione dell’Auditorium c’è o non c’è ? Ok, altro lavoro per la procura di Reggio Calabria e vediamo che succede, sperando che non finisca “a tarallucci e vino” come a Genova, dove il gestore delle autostrade, responsabile della morte di 43 innocenti, che ne ha la responsabilità civile e penale della manutenzione del ponte ad oggi vive impunita e addirittura ha anche la  buona prospettiva futura del business. La solita politica fatta di collusione e mazzette è forse partecipe anche nel tetto reggino ? Spero di no… ma i tetti, se son fatti bene… non crollano ! O no ?   31072020

…by…manliominicucci.myblog.it

x contact : manliominicucci@gmail.com

….

Reggio Calabria, crolla il tetto dell’auditorium della sede del Consiglio Regionale: “Inspiegabile, verifiche in corso”

01082020 reggio calabria sport

Riservato ad eventi e congressi di grande rilevanza coi suoi 600 posti a sedere, l’Auditorium era stato inaugurato il 30 marzo 2005, con una solenne cerimonia ufficiale presenziata dall’allora presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi

di F. Q. | 31 LUGLIO 2020

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per una verifica strutturale del resto dell’edificio e per iniziare a capire quali possano essere state le cause del crollo. Riservato ad eventi e congressi di grande rilevanza coi suoi 600 posti a sedere, l’Auditorium era stato inaugurato il 30 marzo 2005, con una solenne cerimonia ufficiale presenziata dall’allora presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi.

“Per fortuna – aggiunge Tallini in una nota – nel primo pomeriggio quando si è improvvisamente verificato il tracollo, a quanto pare l’Auditorium era deserto e non ci dovrebbero essere vittime né danni alle persone. Appena informato del gravissimo episodio ho delegato il collega Giuseppe Neri, presidente della Commissione Bilancio, per compiere un primo sopralluogo sommario sul posto e mi sono messo subito in macchina per raggiungere la sede del Consiglio”.

Era stato definito un’”agorà” elegante ed ipertecnologica, si legge ancora nella nota del presidente del Consiglio regionale, “ultimata in tempi record per poter consentire di rendere omaggio, a meno di un mese dal suo altissimo sacrificio, a un calabrese, Nicola Calipari, caduto portando in salvo la giornalista Giuliana Sgrena, sequestrata, nel mese di febbraio del 2005, dalla Jihad islamica”.

STRAGE MANCATA PER UN MIRACOLO !ultima modifica: 2020-08-01T19:19:18+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento