È UNA VERGOGNA..!

È UNA VERGOGNA..!

Io posso capire e comprendere tutte le difficoltà e gli impedimenti che vivono e vessano i medici e gli infermieri nell’emergenza sanitaria del coronavirus. Li lodo tutti per il lavoro che stanno svolgendo in una situazione davvero complessa e difficile, momenti nei quali si sta operando duramente, da diverse settimane, per fronteggiare la crisi epidemica in corso e il comprensibile caos che si determina negli ospedali per via dell’alto numero di ammalati che si riversano nei nosocomi e dei tantissimi decessi che ne conseguono. Quindi, escludendo a priori tutte le strutture ospedaliere da responsabilità o colpe, poi a fine dramma e a mente lucida si darà luogo alle polemiche e si troveranno i responsabili sull’organizzazione sanitaria delle varie regioni, mi chiedo chi nel comune di appartenenza gestisca la questione feretri, ex loro residenti, ovvero, gradirei sapere chi si occupa di elencare le vittime e chi ha il dovere ed obbligo di avvisare i parenti dei defunti e comunicare loro dove sono allocati il corpo, o i corpi, come nel caso del link, dei propri cari. Qui si sta omettendo di svolgere diligentemente il proprio lavoro, non si può prendere il corpo di un deceduto, metterlo in una bara e poi trasferirlo in un punto, ignoto ai parenti, per la sua cremazione….ma che modo è questo di trattare i nostri familiari deceduti ? Ma dico, non vi rendete conto che oltre il dramma della perdita dei propri cari una persona deve anche subire la vergogna e l’umiliazione di non sapere dove sono i corpi del padre e del nonno ? Ma non vi rendete conto che vi state comportando con una cinicità terrificante ? In ogni comune ci sono i servizi sociali e allora, perché loro non si occupano di informare debitamente i parenti dei morti e indicare loro il percorso della salma e sino alla sua cremazione ? Avrà la poverina il diritto di ricevere le ceneri dei suoi cari ? Ma di che stiamo parlando e facendo ? Forse.. abbiamo dimenticato i valori umani e cristiani ? E dov’è il rispetto per le salme e per i loro parenti ? No…non mi piace il modo in cui si gestiscono i cadaveri e sono profondamente incavolato per il modus operandi da idioti impreparati dei vari comuni. Cari sindaci, datevi da fare e provvedete a colmare una lacuna vergognosa…25032020

…by… manliominicucci.myblog.it

X contact : manliominicucci@gmail.com

….

Figlia, non so dov’è la salma di papà

‘Ho perso in un solo giorno mio padre e mio nonno’

BARE BERGAQMO

Redazione ANSAMILANO

25 marzo 202011:41NEWS

(ANSA) – MILANO, 25 MAR – “Ho perso in un giorno mio padre e mio nonno senza sapere dove siano adesso i loro corpi”: a raccogliere lo sfogo al tempo del Coronavirus di Elena Gabbiadini è Il Giorno. Lei vive a Cerro Maggiore, nel milanese, la famiglia a Stezzano (Bergamo). Il nonno Elia, 96 anni, è stato trovato morto in casa il 16 marzo, la sera è deceduto il papà Claudio di 70 per “una forte crisi respiratoria”. La provincia di Bergamo fatica a gestire il numero di decessi e feretri. Sono state aperte camere mortuarie nelle chiese, l’esercito trasporta poi le bare in forni crematori fuori regione. Ed è questo che è successo ai suoi cari. I due corpi sono stati portati all’interno del cimitero. “Dopo qualche giorno le bare – racconta Elena – sono state portate in una chiesa di Bergamo e da allora non ne sappiamo più nulla. Ci hanno detto che verosimilmente sono state spostate dall’esercito per la cremazione. Mi auguro che un domani davanti alla lapide di mio padre io possa sperare che sotto ci sia sepolto lui o quello che ne rimane”.

 

 

È UNA VERGOGNA..!ultima modifica: 2020-03-25T18:31:26+01:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento