LA CARICA DEI ….108..!

LA CARICA DEI ….108..!

Sì, è  davvero incredibile, ma tante sono le ipotesi di reato che i magistrati contestano ai 26 rinviati a giudizio, a cui proprio oggi è stato notificato l’avviso di fine indagine, dell’inchiesta «Angeli e Demoni» sui presunti affidi illeciti nella Val d’Enza, meglio noti come i “bambini rubati alle famiglie” di Bibbiano e per il quale mezzo mondo della sinistra politica emiliana trema…e perché mai ? I carabinieri di Reggio Emilia hanno notificato ai 26 indagati la fine delle indagine, ma per uno di loro c’è il consenso alla richiesta di patteggiamento, l’udienza è stata fissata per il 27 gennaio p.v. davanti al Gup. Ciò vuol dire che se un indagato ha chiesto di patteggiare allora il “sistema Bibbiano” è reale quanto vero, diversamente nessuno va a patteggiare un reato per qualcosa di cui non è responsabile o colpevole, il patteggiamento è una formula veloce e direi anche conveniente sotto il profilo della pena prevista con “lo sconto di un terzo”. Quindi tutti i nodi stanno arrivando al pettine, e particolare davvero preoccupante della storia sono le ipotesi di reato, 108….mica due o tre, mancano solamente la produzione e stampa di soldi falsi e lo spaccio e i reati ci sono tutti. Quindi adesso tutti coloro i quali sostenevano che il sistema Bibbiano non esisteva e che era una bufala inventata dai “sovranisti e populisti” ora… si prendono gli schiaffoni in volto, ceffoni belli tosti e duri, altroché … quello che riesce difficile capire è perché una buona parte dei politici di sinistra e tanti radical chic si sono schierati  contro chi urlava al sistema, me compreso, che rivendico di essere stato uno dei primi a scrivere, denunciare e parlare di sistema di Bibbiano”, visto che la questione nei primi giorni dello scandalo sollevato non aveva i connotati di una questione politica, ma stupidamente la sì è fatta diventare per motivi di opportunità e nel tentativo, inutile, di sminuire lo scandalo. Egregi signori della sinistra e radical chic in toto, non si può né si deve giocare a far becera politica con la vita dei bambini…loro sono sacri e non si toccano ed ora dovete pagare per le vostre responsabilità morali e per quella sporca voglia di confondere le acque per un tornaconto politico al quale voi siete abituati da sempre, vi cito un proverbio antico come il mondo : “non sputare in aria perché ti ritorna in faccia ”. Ebbene cari signori del PD voi avete fatto esattamente così, avete accusato gli altri  di strumentalizzare la scandalo ed oggi le vostre accuse, ridicole ed offensive, vi ritornano pesantemente sul volto come un macigno. Le avete provate e tentate di tutto pur di far scivolare e nascondere lo scandalo, siete riusciti a far tacere il M5S e il suo leader, Gigino Di Maio, convincendoli al silenzio prestando ed offrendo la schiena a formare un governo proprio con chi per anni vi aveva umiliati ed insultati, arrivando persino a rimangiarsi il tanto predicato “mai con il partito di Bibbiano”. Ed ora, 108 ipotesi di reato, tutti al processo ed uno sta patteggiando, questa è la realtà dello scandalo di Bibbiano dei bambini sottratti con l’inganno alle loro famiglie, crimini in cambio di soldi e affidamenti ad altri individui che meriterebbero ben altro che una semplice condanna. Comunque, siamo al primo passaggio di una lunga e penosa storia, ma che si sia interrotto il sistema è già una vittoria per i… “populisti e sovranisti”. 14012020

…by…manliominicucci.myblog.it

….

Sei in REGGIO

CARABINIERI

Affidi a Bibbiano: chiuse le indagini per 26 persone, 108 le imputazioni

Notificati dai carabinieri, tra indagati anche sindaco Bibbiano 

SINDACO CARLETTI

14 gennaio 2020, 17:16

I carabinieri di Reggio Emilia hanno notificato a 26 persone l’avviso di fine indagine dell’inchiesta ‘Angeli e Demonì sui presunti affidi illeciti nella Val d’Enza e che a maggio vide scattare misure cautelari. I capi di imputazione contestati dalla Procura reggiana nell’atto che di solito prelude a una richiesta di rinvio a giudizio sono 108. Tra gli indagati è rimasto anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti. I reati contestati sono, a vario titolo, peculato d’uso, abuso d’ufficio, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, falsa perizia anche attraverso l’altrui inganno, frode processuale, depistaggio, rivelazioni di segreto in procedimento penale, falso ideologico in atto pubblico, maltrattamenti in famiglia, violenza privata, lesioni dolose gravissime, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Sono stati confermati tutti i capi di imputazione al centro delle misure cautelari, alcuni integrati nel frattempo. Le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri coordinati dal pm Valentina Salvi e dal procuratore Marco Mescolini, hanno visto lo stralcio di 4 posizioni, di cui una già archiviata. Per un indagato c’è consenso alla richiesta di patteggiamento, con udienza fissata il 27 gennaio davanti al Gup.
Ora gli indagati hanno 20 giorni di tempo per essere interrogati o produrre memorie e poi la Procura deciderà se procedere con le richieste di rinvio a giudizio.

 

Leggi anche:

Bibbiano (tolti i domiciliari al sindaco), Cassazione: ‘Misure infondate’

Stralciati quattro indagati dall’ inchiesta
Il direttore dell’Ausl reggiana, Fausto Nicolini, l’addetta stampa dell’azienda sanitaria locale Federica Gazzotti, l’ex sindaco di Cavriago nonchè già presidente dell’Unione Val d’Enza Paolo Burani e l’avvocato Marco Scarpati – per il quale è stata già avanzata e accolta la domanda di archiviazione – non andranno a processo per l’inchiesta sullo scandalo ‘Angeli e Demonì. Sono queste le posizioni stralciate dei quattro indagati al momento dell’esecuzione delle misure cautelari del 27 giugno..

 

LA CARICA DEI ….108..!ultima modifica: 2020-01-15T12:51:20+01:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento