I MISTERI NASCOSTI DI…RIACE…

I MISTERI NASCOSTI DI…RIACE…

“Le Iene”, non gli animali della savana…ma quelli della famosa trasmissione televisiva di Italia 1, si parliamo dei contenuti della loro puntata del 3 ottobre u.s., con un servizio mirato e accorto  ci hanno  riportato indietro nell’Agosto del  1972 con una nuova inchiesta sul male affare, tutto italiano, una storia che si gioca a danno dei calabresi e soprattutto alla cultura italiana. In quel tempo, nel mar Ionio, presso la località Porto Forticchio, proprio di fronte alle coste calabresi prospiciente la cittadina di Riace Marina furono rinvenute, nel fondo marino da un sub romano, due statue dell’epoca greca, almeno lo si presume dall’analisi degli esperti e dai ..”pochi reperti”.. archeologici rinvenuti nelle vicinanze, un ritrovamento epocale che ha portato gloria e soldi al sub che le individuò e che ha proiettato il museo della città di Reggio Calabria, destinazione finale e che a tutt’oggi li ospita, in quello che è oggi il vanto dell’archeologica del passato nel presente, infatti la Calabria era una delle tante  colonie greche del sud Italia , le statue, vere opere d’arte, oggi sono ambite da tutti i musei esteri. Infatti, le due statue negli ultimi anni hanno viaggiato tanto all’estero proprio per essere mostrate al pubblico locale e ritengo che siano anche iniziative lodevoli, perché la cultura appartiene all’umanità tutta e non a poche persone che dall’alto dei loro vizi e capricci pretendono di averne l’assoluta esclusività. Già, perché nella vicenda delle due statue i conti e i numeri non quadrano, curiosamente le testimonianze dei pescatori, residenti della zona, cozzano con quelle dello scopritore ufficiale del sub, tale Stefano Mariottini di Roma, che pare, secondo le affermazioni di alcuni ragazzi, non essere stato lui il vero scopritore delle statue ma il merito, dovrebbe andare ai quattro ragazzi, che pare, siano stati proprio loro ad averle individuate per primi. Ma non è tutto, perché dalle narrazioni ascoltate, sempre dai pescatori locali, sembrerebbe, uso il condizionale, che ci fossero altre statue oltre le due famose recuperate e in aggiunta, non si riscontrano …perché mancano, diversi elementi di corredo delle statue stesse, reperti abilmente e segretamente alienati a favore di …..e già…di chi ? E’ ovvio che qui i conti non tornano dai racconti ascoltati, com’è anche strano ed anomalo che il sub romano sia così “sensibile” a certe argomentazioni, anzi dovrebbe collaborare al fine di far trionfare la verità ma si rifiuta e si indispettisce a tal punto da far nascere il sospetto che forse… la verità non la vuole …perché sgradita, almeno cosi la pensano in tanti, compreso il primo cittadino di Reggio Calabria che ora pretende di saperne di più e alla… svelta. Ci risiamo, nel nostro paese non c’è più nulla di immacolato e sano, ora si scopre che oltre i terribili e dannosi “tombaroli” anche l’archeologia di livello è pane per i criminali. Che pena questo nostro paese, dove metti le mani c’è sempre qualcosa di sporco e dove guardi c’è sempre qualcosa d’invisibile…va ben così, attendiamo l’esito delle indagini e servizi di approfondimenti vari mentre a me, non resta altro che portare all’attenzione dei cittadini che non sanno o non hanno visto la puntata l’ennesimo schifo tricolore. 08102019

…by…manliominicucci.myblog.it

………………………..

 

bronzi di Riace

IL MISTERO DI RIACE…ALTRO CHE BRONZI !

Bronzi di Riace: è stato rubato qualcosa prima o dopo la scoperta? | VIDEO

Affrontiamo uno dei più famosi gialli della storia dell’archeologia del Novecento con l’inchiesta di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti: il ritrovamento dei Bronzi di Riace. Le due statue, ammirate dai turisti di tutto il mondo, sono davvero le uniche bellezze che si trovavano sul fondo del mare al momento della scoperta?

Chi ha scoperto davvero i Bronzi di Riace, il più grande ritrovamento archeologico di tutti i tempi? Stefano Mariottini, il sub romano che ha riscosso il premio per il rinvenimento, pari a 125 milioni di lire, o i 4 ragazzi calabresi che avevano tra i 12 e i 16 anni e che ritengono di aver denunciato la scoperta per primi?

È vero, come raccontano ancora oggi, che c’erano delle persone che stavano provando a portar via qualcosa dal fondo del mare di molto pesante tanto da fondere il motore di un’imbarcazione?

Dove sono finiti la lancia, lo scudo, l’elmo e il terzo bronzo che sembra descritto nella denuncia di ritrovamento firmata dallo scopritore ufficiale Stefano Mariottini?

E perché mai quando il nostro Antonino Monteleone lo raggiunge per chiedergli il perché di tante contraddizioni nei documenti ufficiali, tra quanto era stato denunciato e quanto poi è stato effettivamente recuperato, il nostro inviato viene accolto con insulti minacce e botte? Tutto questo e altro ancora cercano di scoprire Marco Occhipinti e Antonino Monteleone in questa loro inchiesta alla ricerca dell’arte perduta.

Il 16 agosto del 1972 un sub romano di nome Stefano Mariottini fa una meravigliosa scoperta: il ritrovamento dei Bronzi di Riace. Per questo incassa il premio del ritrovamento di 125 milioni di lire. Anche se c’è chi sostiene che non fu il sub romano a scoprire quel tesoro, ma quattro ragazzi del posto. La questione è arrivata in un Tribunale, che ha stabilito il primato del sub romano.

La paternità del ritrovamento non è l’unica controversia che si è sollevata attorno alla scoperta dei due Bronzi attualmente esposti al Museo Archeologico di Reggio Calabria. Nell’inchiesta di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti approfondiamo infatti anche un’altra questione. Alcuni sostengono che quei due splendidi bronzi, raffiguranti guerrieri greci e realizzati nel V secolo avanti Cristo, non siano proprio tutto ciò che sarebbe stato recuperato in quel lontano 1972.

“Nessuno mai aveva visto quei documenti”, dice Giuseppe Braghò, studioso appassionato di archeologia che ha dedicato gran parte della sua vita a raccontare una storia dei bronzi di Riace diversa da quella ufficiale. Lo studioso si riferisce ai documenti sul ritrovamento dei Bronzi. “Il signor Mariottini, parlando di una delle due statue dice: ‘Al braccio sinistro presenta uno scudo”, racconta Braghò. “Chiunque capisce che questa statua, da lui scoperta, al braccio sinistro presentava uno scudo”. Di questo scudo, però, non c’è alcuna traccia. E non ci sono tracce neanche di un’altra parte dell’armatura: l’elmo, elemento di cui parla l’ispettore ministeriale Pietro Giovanni Guzzo nella sua relazione. Nella denuncia, inoltre, Mariottini parla di un “gruppo di statue”, espressione non usuale per chi vuole indicare la presenza di due sole statue.

E non è finita qui: la prima statua, per come è descritta dal sub nella sua denuncia di rinvenimento, sembra molto diversa per posizione di gambe e braccia rispetto ai due Bronzi che tutti conosciamo. “Mariottini mente!”, dice Braghò ad Antonino Monteleone. “Perché descrive una statua che lì non c’è”.

Così Monteleone va a parlare direttamente con chi ha scritto di suo pugno quel primo documento: Stefano Mariottini. Ma lo scopritore dei Bronzi non ci accoglie molto bene: “Ho evitato qualsiasi confronto richiesto e qualsiasi intervista sull’argomento”. Quando un altro uomo si avvicina chiedendo a Mariottini se lo stiamo infastidendo, scoppia il putiferio. “Vi ammazzo tutti quanti”, dice quest’uomo avvicinandosi in maniera minacciosa alla Iena. Perché se uno prova a fare qualche domanda a chi ha fatto quella clamorosa scoperta viene accolto così?

Alla fine di un’accesissima discussione in cui intervengono altre persone, proviamo a riprendere il discorso. E uno dei presenti si lascia sfuggire qualcosa: “Alla fin fine il discorso è questo: i bronzi ha detto che li ha trovati lui, i soldi se li è presi lui, che cazzo devi fare di più? Però c’erano lance e scudo.” Alla domanda della Iena su chi possa essersi presi questi reperti, risponde: “C’era altra gente prima di lui”. “Lui è stato furbo quel giorno, ha sfruttato la situazione, questo è culo!”. Insomma, anche i pescatori del luogo sanno la storia della lancia e lo scudo, ma più che essere indignati sembrano provar invidia per chi si è aggiudicato il premio e per chi eventualmente si è portato a casa quei preziosissimi reperti.

Antonino Monteleone e Marco Occhipinti stanno provando a raccogliere delle testimonianze inedite sul campo per risolvere questo mistero, perché se davvero ci fossero alcuni pezzi dei Bronzi mai denunciati alle autorità si potrebbero riportare a casa, al museo di Reggio Calabria. Chi sa qualcosa su questo giallo parli e non esiti a contattarci, anche perché i Bronzi di Riace sono di tutti i calabresi, sono di tutti gli italiani.

 

I MISTERI NASCOSTI DI…RIACE…ultima modifica: 2019-10-09T20:10:36+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento