SEMAFORO…. VERDE..!

SEMAFORO…. VERDE..!

Nuovo giorno e nuove partenze, tutto secondo quanto previsto e stabilito dal ” Tour operator… I Viaggi della Speranza”, in collaborazione con la camera di commercio del mare e l’agenzia di navigazione “Trasporti sicuri nel mare”. I migranti dopo essere stati prelevati dal centro di “distribuzione migranti” della Libia sono partiti alla volta  dell’Italia e quando sono giunti al limite delle acque territoriali maltesi si sono potuti trasferire in un altro barcone, un po’ più piccino, ma utilissimo per la fase di sbarco sulle coste italiane, e per non essere visti o intercettati dalla guardia costiera. Certamente un lettore attento si è già posto il quesito e si è chiede perché mai in viaggio verso le coste italiane se sono al limite di quelle maltesi ? Rispondo : perché dal momento che il nostro paese è sulla linea della rotta di navigazione del barcone, scatta la logica molla del business e quindi tutte le soluzioni proposte in alternativa non vengono prese in considerazione perché non interessano. Pronti via, come le auto da corsa di formula 1, al semaforo verde partono tutti….i migranti con l’obiettivo di arrivare primi al traguardo italiano senza porsi uno dei quesiti fondamentali e cioè se il paese che li accoglie è in grado di farlo e sostenere il loro costo economico. Ma tutti sappiamo che oltre la linea ….” Verde”… dello sbarco ci sono i pacchi di “verdi euro sonanti”. “C’è chi dice no. . c’è chi dice sì…” cantava il mitico Vasco Rossi… nazionale.. però nella realtà  vince sempre..  chi dice….sì. Evidentemente i migranti amano ascoltare le canzoni del “Blasco” non certamente infastiditi dal fatto che da anni il popolo italiano combatte inutilmente l’immigrazione… ma poi alla fine è sempre la solita solfa. Forse… bisognerebbe togliere i semafori, sostituirli con “una rotonda sul mare”… e creare degli incroci galleggianti canalizzati che partano dalla Libia e vadano in altre zone del Mediterraneo, forse così non avremmo più…traffico. In ultimo, il comune di Pantelleria ci comunica di aver sanzionato il peschereccio per sosta non autorizzata in mare pubblico… domanda di circostanza : ma chi pagherà la multa ? Una vocina labile e graziosa, quella della mia cara nipotina, mi suggerisce che la multa verrà pagata coi soldi del popolo italiano. E già…si sa come vanno le cose, tutta colpa dei semafori…ah…se ci fossero.. le rotonde galleggianti per meglio far defluire il traffico non avremmo questi ingorghi. 23062019

…by… manliominicucci@.myblog.it

——

 

Il video del traffico di migranti, il trucco del trasbordo dalla ‘nave madre’

Giunto a Licata un peschereccio sequestrato in acque internazionali che trasportava 81 persone

L'indagine della Procura di Agrigento che oggi ha portato al fermo di 9 persone accusate di traffico di uomini nasce da una operazione del dispositivo interforze dell'Agenzia Europea Frontex, della Guardia di Finanza, delle Capitanerie di Porto e della missione EUNAVFORMED. Un aereo, ieri, ha documentato, a circa 60 miglia a sud dell'isola di Lampedusa, il trasbordo di un gruppo di migranti da un motopesca su di una imbarcazione più piccola. Dopo il trasbordo, la nave madre si è allontanata puntando verso la Libia.
ANSA/FERMO IMMAGINE FRONTEX
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Migranti: Finanza e Capitanerie scoprono traffico profughi –

Redazione ANSA ROMA

22 giugno 2019

 

E’ giunto nel porto di Licata il peschereccio intercettato dalla Guardia di Finanza al largo di Lampedusa che trasportava un gruppo di 81 migranti trasbordati su un barchino e poi sbarcati sull’isola delle Pelagie.

Il video del traffico di migranti nel Mediterraneo

I 7 membri dell’equipaggio, sei di nazionalità egiziana ed un tunisino, sono stati fermati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La “nave madre” è stata scortata in porto dalle motovedette del Reparto operativo aeronavale delle Fiamme Gialle; ad attenderla a terra i militari del nucleo Pef di Agrigento e del Gico di Palermo. L’indagine condotta dalla Procura di Agrigento, che ha portato al fermo di 9 persone accusate di traffico di uomini, nasce da una operazione del dispositivo interforze dell’Agenzia Europea Frontex, della Guardia di Finanza, delle Capitanerie di Porto e della missione EUNAVFORMED.

L’imbarcazione, dopo aver trainato un barchino in mare aperto vi aveva fatto trasbordare i migranti, che si erano poi diretti verso l’Italia, mentre il peschereccio aveva fatto rotta verso l’Africa. La situazione è stata monitorata dalla Polizia di Stato anche grazie a un velivolo messo a disposizione da Frontex.

Il passaggio dei migranti è stato filmato: subito sono scattate le procedure per bloccare l’imbarcazione principale. A bordo sono state trovate sette persone (sei egiziani e un tunisino). Tutte sono in stato di fermo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 

 

SEMAFORO…. VERDE..!ultima modifica: 2019-06-23T21:29:10+02:00da manlio22ldc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento